Navigation – Plan du site
La cultura greca nell’Occidente europeo tra Umanesimo e Rinascimento

Il fantasma di Teocrito

Osservazioni sulla ricezione della bucolica greca nel Quattrocento
Claudia Corfiati
p. 295-326

Résumés

Dans la première moitié du Quattrocento, un groupe d’intellectuels liés au magistère de Guarino de Vérone rénove profondément le genre pastoral, grâce à la redécouverte des Idylles de Théocrite. Les savants de l’école ferraraise, par une étude comparative de Virgile et de Théocrite et surtout par les premières traductions latines du poète grec, parviennent à modifier les thèmes et la vocation du genre : ils introduisent par exemple le motif élégiaque de l’amour et renoncent même à l’interprétation allégorique médiévale. Cet essai analyse spécialement la fortune de Theocr. IV dans la version latine de Martino Filetico et dans les bucoliques de Battista Guarini, Gaspare Tribraco et Tito Strozzi.

Haut de page

Texte intégral

  • 1  A. Tissoni Benvenuti, « La restauration humaniste de l’églogue : l’école guarinienne à Ferrare », (...)

1All’interno della ‘scuola ferrarese’, sotto la guida del maestro Guarino, un gruppo di giovani poeti maturò un approccio più corretto dal punto di vista filologico ai versi bucolici di Virgilio, anche attraverso « la découverte de Théocrite », e produsse negli anni cinquanta del Quattrocento una serie di pastoralia, che mostrano caratteristiche originali e innovative rispetto alla tradizione allegorica medievale e petrarchesca : così affermava nel 1978 Antonia Tissoni Benvenuti, partecipando al convegno internazionale Le genre pastoral en Europe du XVe au XVIIe siècle1. Il testo di quell’intervento dalle forti connotazioni propositive fu pubblicato poi nel 1980 per i tipi dell’Université de Saint-Etienne, ma ancor prima, nel 1979, uscì in un volume In ricordo di Cesare Angelini un saggio che in parte riproponeva la medesima teoria, ma che conteneva in appendice un vero e proprio censimento di quelle opere bucoliche ‘ferraresi’, accuratamente schedate con la collaborazione di un gruppo di giovani studiosi. Da quella data nulla è stato scritto a comprovare o a contestare le pagine di Tissoni Benvenuti : eppure in esse è posta una questione di estrema importanza, anche e soprattutto dal punto di vista metodologico, che investe, pur partendo da un’angolatura molto particolare, il significato stesso del classicismo nell’Umanesimo italiano e poi per osmosi nel Rinascimento europeo.

  • 2  Th. G. Rosenmeyer, The Green cabinet. Theocritus and the European Pastoral Lyric, Berkeley and Los (...)
  • 3  E. Carrara, La poesia pastorale, Milano, Vallardi, 1905.
  • 4  Si segnala, tra i pochi interventi volti a colmare questa lacuna, con un interesse però spostato t (...)

2Leggendo le pagine che alla fine degli anni sessanta Thomas G. Rosenmeyer dedicava al rapporto tra Teocrito (inteso da lui come modello) e la lirica pastorale europea e in particolar modo britannica si avverte la presenza di un forte e forse innaturale iato tra gli antichi scrittori e i modernissimi poeti del Cinque e Seicento2, distanza che potrebbe essere colmata da una riscrittura della storia della poesia bucolica italiana nel Quattrocento, in una prospettiva diversa da quella del volume, compilativo per lo più, oltre che datato, di Enrico Carrara, pubblicato per Vallardi nel 19053. Questo obiettivo tuttavia è ben lontano dal poter essere perseguito oggi, dato che per la maggior parte degli autori segnalati dal Carrara (e naturalmente altri bisognerebbe aggiungerne) non esiste ancora un’edizione, nonché una traduzione e un commento, che nel caso del genere pastorale non sono orpelli, ma strumenti indispensabili4.

  • 5  Spedita da Costanza il 1417 per annunciare la scoperta di un volume integro delle Institutiones di (...)

3L’intento di questo saggio sarà necessariamente limitato al tentativo di riconsiderare con uno sguardo critico e verificare quanto a suo tempo proposto da Tissoni Benvenuti : partendo dai testi di quella medesima scuola ferrarese e sondando luoghi e autori più o meno noti e studiati della tradizione bucolica italiana andremo alla ricerca di indizi concreti o semplici tracce, che rivelino una presenza se non di Teocrito, almeno del suo fantasma che, come il Quintiliano della famosa lettera di Poggio Bracciolini indirizzata a Guarino5, rivendichi dalle oscure carceri delle biblioteche umanistiche la meritata libertà.

  • 6  In particolare mi riferisco a Serv. Buc., Proem. (ed. Thilo, p. 4). Sui commentatori antichi di Vi (...)
  • 7  La bibliografia sui rapporti tra Teocrito e Virgilio è immensa ; segnalo qui soltanto alcuni titol (...)
  • 8  La tradizione manoscritta di Teocrito è tutta posteriore al XIII secolo : si vedano oltre a U. von (...)
  • 9  Si pensi a Giovanni Boccaccio che nell’incipit della lettera indirizzata a Fra’ Martino da Signa r (...)

4Partiamo dunque da un postulato : il ricordo del Teocrito bucolico non è stato mai cancellato nella cultura latina occidentale, dal momento che i commentatori di Virgilio, Servio in primis6, lo segnalavano come l’inventore del genere, e colui che ne aveva rispettato, più del suo emulo, le regole. E buona parte della critica moderna sulla poesia pastorale latina ha indagato per l’appunto e continua ad indagare, sulle orme del commentatore tardo antico, i rapporti indiscutibili e strettissimi tra l’autore latino e il suo modello greco : per questo motivo oggi possiamo verificare, con l’ausilio di una buona bibliografia, quanto il Mantovano coscientemente si sia attenuto al genere e quanto abbia innovato, e i luoghi dove abbia riproposto in gara con l’originale moduli e stilemi di Teocrito7. E se noi moderni non avessimo avuto l’opportunità di conoscerlo e di leggerlo in edizioni che nel tempo – grazie all’apporto delle testimonianze papiracee – si sono fatte sempre più attendibili e corrette8, del poeta siracusano sapremmo comunque qualcosa, sapremmo esattamente quello che sapevano Dante, Petrarca e Boccaccio quando per ragioni diverse e con finalità diverse si adoperarono per la rinascita del genere bucolico9. Non bastò tuttavia che tra la metà del Trecento e gli inizi del secolo successivo essi e molti altri autori loro seguaci rileggessero Virgilio e fossero coscienti della possibilità di rinunciare all’allegoria in favore di versi più schietti e leggeri, perché si generasse un cambiamento.

  • 10  Cf. L. Castagna, I bucolici latini minori : una ricerca di critica testuale, Firenze, Olschki, 197 (...)
  • 11  Cf. G. Ponte, « Imitazione e originalità nei Carmina e nei Pastoralia del Boiardo », Rassegna dell (...)
  • 12  Merita una ricerca a parte la presenza e la convivenza di motivi elegiaci e bucolici nella poesia (...)

5Solo a partire dagli anni cinquanta del XV secolo infatti da una semplice ‘rinascita’ si passò alla ‘restaurazione’. Se qualcosa deve essere intervenuto a modificare la formula del genere bucolico, è probabile che si sia trattato di una concomitanza di fattori, nessuno dei quali decisivo o imprescindibile. La riscoperta del greco Teocrito insieme al desiderio di emularlo, la lettura degli altri autori bucolici latini antichi, come Calpurnio e Nemesiano10, ma anche moderni come Petrarca e Boccaccio, più semplicemente un atteggiamento diverso nei confronti di Virgilio, letto non più come l’auctor medievale, la guida dell’Alighieri nell’oltretomba cristiano, ma come una delle tante eccellenze di quella latinità classica di cui gli umanisti avidamente cominciarono a conoscere i dettagli: questi furono gli ingredienti alchemici principali, cui si può aggiungere ancora la ricostruzione del contesto linguistico, storico, culturale, la migliore conoscenza di altri poeti contemporanei a Virgilio, il desiderio di impadronirsi di quella lingua e delle sue regole per farne moderna espressione di humanitas, e infine la messa in campo di una emulazione capace di superare l’elemento della pura riproposizione di stilemi del modello, con l’orgoglio della propria modernità. Chi legge i Pastoralia del Boiardo11 trova tutto questo, la sua è una poesia bucolica completamente rinnovata che non rinuncia all’allusività, anche un po’ allegorica, di Virgilio, ma capace di costruire una struttura alternativa per le sue dieci ecloghe, alternativa e nello stesso tempo continuamente ammiccante al modello. L’opera del conte di Scandiano è il frutto maturo di un percorso che altri prima di lui avevano avviato, ma che si concluderà a fine secolo con il tormentato (dall’autore e dalla critica) capolavoro sannazariano : la presenza costante del motivo encomiastico, cui almeno un’ecloga di tutta la raccolta è interamente dedicata, e del motivo erotico-elegiaco puro (non sottomesso alle ragioni dell’allegoria)12, rappresentano infatti una costante della produzione pastorale degli anni sessanta cui si aggiunge inevitabilmente l’ascendenza autobiografica, per cui il poeta rappresenta volentieri sé stesso e la sua storia, e soprattutto il contesto cortigiano, che – come sottolineava a suo tempo Maria Corti – finisce per pervadere di sé e modificare di senso anche i topoi più classici e letterari.

  • 13  M. Corti, « Il codice bucolico e l’Arcadia di Jacobo Sannazaro », Metodi e fantasmi, Milano, Feltr (...)

C’è sì l’Eden arcadico con i Tirsi, i Melibei, i Dameta, che gareggiano in suoni di flauto e in canzoni, con le belle Fillidi e Amarillidi, che li fanno spasimare, ma, il centro di gravitazione è mutato, mutati sono il significato e la simbologia di tali presenze, ormai strettamente legate a un mondo cortigiano e umanistico13.

  • 14  C. Vecce, « Un codice di Teocrito posseduto da Sannazaro », Le antiche e le moderne carte. Studi i (...)
  • 15  Tra gli ultimi saggi che si sono occupati della datazione dell’Arcadia cf. M. Riccucci, Il Neghitt (...)

6Corti naturalmente descrive in queste righe il contesto più ampio dell’Italia quattrocentesca entro cui nasce il progetto dell’Arcadia di Jacopo Sannazaro, un’opera dove sono ben presenti, come ha recentemente mostrato Carlo Vecce14, non solo il fantasma di Teocrito, ma la sua carne e le sue ossa : siamo però a metà degli anni Ottanta del secolo, e oltre15. È sempre più facile naturalmente, man mano che ci si sposta verso il Cinquecento riconoscere i segni di una lettura sistematica dei suoi idilli, e non solo di quelli pastorali, è sempre più frequente riscontrare la presenza di traduzioni e di allusioni al mondo del poeta siracusano, laddove solo una quarantina di anni prima egli era oggetto di prime e timide indagini e rare incursioni da parte dei più raffinati conoscitori della lingua greca classica.

7Ma come trovare le tracce di un poeta che il suo emulo latino ha del tutto eclissato nel tempo, metabolizzandone i tratti essenziali e trasformando in un classico e in un genere quello che non era che un aspetto dello sperimentalismo fresco e nello stesso tempo altamente letterario del poeta ellenistico, nelle pagine di intellettuali che devono difendere lo studio della lingua greca come strumento d’avanguardia della nuova pedagogia o che di Teocrito hanno avuto soltanto un’immagine sfocata, ricostruita dalle parole di un più attento maestro, bravo lettore di Servio soprattutto, che dei versi greci forse fece uso esclusivamente per commentare e spiegare Virgilio ?

  • 16  Per quest’elenco rimando, oltre che alle pagine di Remigio Sabbadini, Le scoperte dei codici latin (...)
  • 17  Su questa figura di grammatico cf. S. Bernardiniello, « Gli studi propedeutici di greco del gramma (...)
  • 18  Cf. F. Garin, « La ‘expositio Theocriti’ di Angelo Poliziano nello studio fiorentino (1482-83 ?) » (...)
  • 19  Cf. Cristoforo Landino, Scritti critici e teorici, a cura di R. Cardini, Roma, Bulzoni, 1974, con (...)
  • 20  Manca ancora una voce nel Catalogus translationum et commentariorum. Nel Quattrocento furono stamp (...)

8Una ricognizione negli indici dei volumi La scoperta dei codici latini e greci nei secoli XIV e XV di Remigio Sabbadini ci rivela che tra i primi autori ad essere nominati negli elenchi di codici greci importati nell’Italia settentrionale agli inizi del secolo dagli umanisti di ritorno dai loro viaggi in Oriente vi è appunto il poeta siracusano. La sua presenza è documentata nelle biblioteche di Francesco Filelfo, Sozomeno da Pistoia, Gaspare da Verona, Francesco Barbaro, Palla Strozzi, Vittorino da Feltre, Guarino Veronese16 : non è difficile immaginare che i pionieri degli studi greci in Italia ne cercassero e ne leggessero i versi. Nel giro di pochissimi anni probabilmente diventò autore di scuola : a questo forse servirono le due copie di Teocrito commissionate da Costantino Lascaris durante i suoi corsi milanesi negli anni sessanta ; ed è certo che Andronico Callisto, che poi insegnerà greco al giovane Ambrogini a Firenze, lesse il bucolico greco a Bologna nello stesso periodo, come forse fecero Pietro da Montagnana17 e, dieci anni più tardi, il Poliziano18 e il Landino a Firenze19. D’altronde dopo la princeps del 1480 le edizioni sia greche sia latine si susseguono senza soluzione di continuità20, a dimostrazione di un interesse costante della cultura prima italiana e poi europea nei suoi confronti : Teocrito si guadagnò un posto nello scaffale dei classici abbastanza velocemente, ma quando esattamente vi comparve per la prima volta è arduo da stabilire.

  • 21  L’opera fu soggetta ad un lungo processo di elaborazione da parte dell’autore : composta in una pr (...)

9Una prima traccia di un interesse anche se esclusivamente comparatistico nei confronti del poeta siracusano si legge nel De politia litteraria di Angelo Camillo Decembrio21. Il passo che ci interessa appartiene al II libro, e al capitolo in cui Leonello esprime le sue perplessità su alcuni luoghi di Servio, che a parere del dotto principe, benché spesso e volentieri sia efficacissimo, talvolta tuttavia si muove imprudenter et indocte. Il primo messo in discussione è quello che pertiene all’interpretazione dell’incipit della terza ecloga virgiliana : secondo Servio si tratta di una controversia tra pastori che ha inizio con una amaritudo,un’espressione aspra e mordace, pronunciata da Menalca contro il suo avversario, che viene indicato come uno che pascola il gregge a pagamento. La risposta di Dameta (Non, verum Aegonis ; nuper mihi tradidit Aegon) ha ancora il carattere dell’amarezza che il grammatico spiega in questo modo :

  • 22  « Con amarezza anche qui, dice che il gregge è del suo rivale ; in modo da mostrare le ricchezze d (...)

Non, verum Aegonis amare etiam hic, rivalis eius pecora esse, dicit , ut et divitias illius ostendat, et dicat duras esse huius (partes), si quidem rivalis eius, traditis ovibus, solus amicae communis amoribus vacet. (Serv. Buc. III 2, ed. Thilo)22

10Leonello interviene proprio su queste prime righe del commento, che trova in qualche modo incoerenti. Dice infatti che Servio non è stato capace di cogliere l’ironia del testo :

  • 23  Precedentemente aveva parlato del commento di Donato a Terenzio.
  • 24  Angelo Camillo Decembrio, De politia litteraria, Kritisch herausgegeben sowie mit einer Einführung (...)

Primum in hac aegloga tertia, ubi de pastorum aemulatione tractatur, non satis acute contentionis artificium intellexisse visus, qui simpliciter, ut in verbis iacet, ita sententiam accipit – omittamus nunc Donatum impugnare rursus23 – , cum ironice vel dupliciter potius, ut alias in Terentio dixi, accipiendum sit24.

  • 25  Per quanto riguarda il commento di Servio cf. R. Ucciero, « L’incipit della terza ecloga virgilian (...)

11E rimanda al modello teocriteo utilizzato da Virgilio, il IV idillio, dove – sottolinea l’Estense – viene detto esplicitamente che le vacche sono state date a Coridone perché le pascolasse, e dove soprattutto i riferimenti alla vita pastorale sono ben più precisi ed espliciti (espressius)25.

Reliquimus vero, quod a Theocrito boves inducuntur et ad pascendum traditi ab Aegone, quod espressius est, in re pastoria quam pecus a Virgilio traditum solum absque pasturae mentione. Et quanquam id pecus pro omni pecuario nos accipiamus, tamen, cum oves esse significetur eo protinus versu : Infelix o semper, ovis, pecus, non ita consequens fuit, ut boves expressisset, nam post legitur : Ego hanc vitulam, ne forte recuses, depono, nisi dicat armentum et gregem simul Damoetam habuisse. Sed hoc omittamus.

12Sulla scelta di Virgilio di non specificare la qualità del bestiame pascolato da Dameta Leonello ritiene giusto per il momento sorvolare, per fermarsi invece su quella che è l’interpretazione complessiva del passo.

Id videndum in Damoetae confessione : quare non suum pecus esse confessus, cum suum fuerit, ex vitulae, inquam, depositione, cum alter patris metu et novercae interdicto prohibitus pignus idem opponere non ausus sit, vel quia non haberet, vel si habuisset non sui iuris extaret.

  • 26  Anche i commentatori moderni si soffermano poco su questi versi iniziali, pur sottolineando la pre (...)

13Prima cosa da indagare è il senso della risposta di Dameta : perché Dameta avrebbe confessato che il gregge non è suo, dal momento che invece lo è, tanto è vero che può mettere in gioco una vitellina, cosa che l’altro non può fare per paura del padre e della matrigna ? I commentatori infatti, accostandosemplicemente Teocrito e Virgilio, preferiscono andare oltre questa apparente contraddizione senza spiegarla26, quando invece essa ha una funzione specifica all’interno dell’altercatio, ovvero di mettere in imbarazzo l’avversario.

Et tamen, cum a Theocrito Virgilioque ea denegatio non suum pecus esse ad maiorem adversarii confusionem posita sit, Virgiliani commentatores, quorum hic in primis Servius, ita in re existimantes, ut in litteris est, denegationem eam improvise praetereunt, cum multo subtilius ex politiae nostrae more conveniret pro auctorum, Graeci et Latini, industriam pastoriam altercationem acrius intendisse.

14L’interpretazione in litteris infatti non giova alla comprensione, mentre una considerazione più attenta della industria dell’autore latino, permette di andare oltre la lettera e di comprendere il meccanismo attraverso il quale si accende la disputa tra i due pastori.

Videns nanque Damoetas adversarium ad se ultro venisse maledice interrogantem, cuium id pecus extaret, Meliboei seu Aegonis, cum solius Dametae pastoris esse cognosceret – nec enim a Virgilio pastorum famuli, licet nonnunquam a Theocrito, sed ipsi pecorum domini iidemque pastores apponuntur – tamen irrisoria cum dissimulatione non suum esse respondit, sed Aegonis, quo contemptius illuderet ; velut a caprario, qui pastorum est minimus alioque Graecorum vocabulo Aepolios nominatus, traditum sibi ovium gregem fateretur.

15Secondo Leonello infatti Dameta avrebbe risposto con ironia ad una domanda cattiva di Menalca, che sapeva benissimo di chi fosse il gregge, chiamando in causa Egone, ovvero un capraio, col solo scopo di stare al gioco del compagno e di sollecitarlo ancora di più alla rissa. Andand  oltre questa notula estense si potrebbe anche ipotizzare che Virgilio metta in bocca a Dameta una citazione esplicita di Theocr. IV, per fare il verso al suo antagonista, che d’altronde recepisce l’allusione e ricambia continuando a vertere il poeta greco (v. 4-5), creando un parallelo improbabile tra il Coridone teocriteo e Dameta : se Coridone infatti, controllato dal vecchio padrone non può certo sottrargli di nascosto il latte come insinua Batto, Dameta alienus pastor « munge due volte all’ora » il gregge affidatogli da un non specificato ipse, che nel frattempo « tiene al caldo » Neera per paura che gli preferisca Menalca. Nell’ipotesi che ipse fosse Melibeo, Egone non sarebbe che un nome provocatorio. Nel prosieguo dell’ecloga d’altronde i ruoli si invertono ed è Menalca a confessare di essere sorvegliato dai genitori e di non poter mettere in pegno un solo capo del gregge, mentre Dameta ha a disposizione una vitula che si fa mungere due volte. Ma lasciamo l’intricata questione della riscrittura virgiliana ai filologi classici e torniamo a Leonello.

  • 27  La ‘lezione’ si conclude con un esempio che permette di cogliere meglio il senso della battuta di (...)

16È notevole l’osservazione comparatistica sulrango dei pastori protagonisti delle bucoliche virgiliane, che – a quanto dice l’Estense – non sono mai servi, ma sempre proprietari del loro gregge, lavoratori autonomi. Diversamente in Teocrito nonnunquam capita che parlino dei famuli. È la seconda volta che attraverso le parole del principe d’Este ci vengono riferiti indizi precisi di una conoscenza diretta degli idilli teocritei nella Ferrara di Guarino27. Della parte restante di questa altercatio Leonello non si cura passando subito ad un altro luogo di Servio.

  • 28  Su Guarino Veronese e la sua scuola ancora fondamentali e insostituiti i saggi di R. Sabbadini, La (...)
  • 29  Se cerchiamo nell’epistolario di Guarino tracce di una lettura di Teocrito, attenendoci ai riferim (...)
  • 30  Per una interpretazione di questo idillio e per la bibliografia pregressa rimando a O. Vox, « Il c (...)

17Se è vero che non possiamo considerare la Politia litteraria del Decembrio come fedele resoconto di convegni ferraresi realmente tenutisi presso l’Estense alla presenza di Guarino e di altri ospiti, le sue parole sono verosimilmente una testimonianza attendibile non solo del fatto che Teocrito fosse letto e conosciuto in quel contesto, ma che dal confronto tra i suoi versi e quelli di Virgilio si ricavassero utili indicazioni sul genere bucolico28. Prima di tutto, come si è visto, la maggiore attenzione e quindi precisione del poeta greco nei confronti del lavoro dei pastori e della vita di campagna, in secondo luogo il carattere spesso più umile dei suoi personaggi e infine, argomento non esplicito, ma sotteso a questo tipo di osservazioni e come vedremo importante per lo sviluppo del nostro discorso, l’inclinazione drammatica dell’ecloga, per cui l’interpretazione deve saper cogliere il significato di ogni battuta in un contesto scenico ben preciso, come se si trattasse di un testo di Plauto o di Terenzio, autori molto cari del resto alla scuola guariniana29. Queste caratteristiche non possono essere estese a tutti gli idilli teocritei, ma sono tuttavia peculiari del IV, sul quale ci dobbiamo soffermare e che prenderemo come cartina di tornasole per la nostra indagine30.

18Ambientato a Crotone, come si evince dalle fitte indicazioni topografiche ivi contente esso si sviluppa in maniera diversa dagli altri : i due protagonisti Batto e Coridone sembrano semplicemente scambiare due chiacchiere sul ciglio della strada. È plausibile che per questa ragione non fu oggetto di una vera e propria emulazione da parte di Virgilio che, come si è già detto, si limita a tradurre i primi due versi alludendo dottamente all’originale greco, ma cambiando completamente registro. Se la terza bucolica infatti è un vero e proprio agone, molto violento agli inizi, poi più pacato sotto la vigilanza del giudice Palemone, il IV idillio ha un tono decisamente mite, ironico solo nei confronti di Egone, il personaggio assente, e del vecchio padre, i due ‘padroni’ di Coridone. Il primo è partito col suo allenatore Milone per Pisa per partecipare alle gare atletiche, il gregge soffre per la sua mancanza nonostante le cure di Coridone, che s professa musico provetto con la zampogna lasciatagli dal padrone, ma non pronuncia alcun canto. Nel mentre Batto ricorda la compianta Amarillide, alcune pecore si mettono a brucare i germogli d’olivo, e quello nel tentativo di fermarle si fa male ad un piede e si fa aiutare dall’amico che lo libera da una spina e lo rimprovera perché va in giro senza scarpe. Riprendono poi la loro conversazione, facendo battute sul vecchio padrone che se la spassa con la sua amante. Davanti ad un testo come questo, che più di altri si allontanava dalla severitas virgiliana i giovani poeti della scuola ferrarese mostrarono sicuramente un interesse particolare, a partire dalla riscrittura che ne fece Battista Guarini nella sua III ecloga.

  • 31  Il Filetico tradusse soltanto i primi sette idilli e – come giustamente è stato osservato – attins (...)
  • 32  Cf. E. Dell’Oro, « Il ‘de poetis antiquis’ di Martino Filetico », Orpheus, 4, 1983, p. 427-43 ; Ma (...)

19Prima tuttavia di addentrarci nella selva di queste scritture bucoliche è utile anche dare uno sguardo a quella che è considerata la prima traduzione in versi latini di Teocrito31. Se alla fine degli anni Quaranta del XV secolo infatti ci si poteva esprimere con competenza sul poeta siracusano, nel giro di una decina d’anni era già pronta la prima traduzione in latino, curata da un guariniano, il maestro Martino Filetico32, quando si trovava come istitutore presso Federico da Montefeltro. Essa fu dedicata – come ha dimostrato Guido Arbizzoni in quello che al momento è il saggio più recente sull’argomento – prima ad Alfonso il Magnanimo e poi a Federico stesso nella redazione definitiva, affidata dallo stesso autore, oltre che al codice di dedica (Urb. Lat. 369), ai tipi di Eucharius Silber agli inizi degli anni Ottanta. Quasi trent’anni passano tra la prima dedica e l’edizione, e dal momento che un solo codice manoscritto riporta la prima redazione, è da ritenere probabile che il testo non abbia avuto grande diffusione in questo lungo periodo. In un certo senso l’esperienza versoria del Filetico e gli esperimenti di Battista Guarini sono, come avremo modo di vedere, quasi contemporanei e denunciano non solo l’urgenza conoscitiva nei confronti del testo di Teocrito, ma quasi il bisogno di riappropriarsi di un linguaggio bucolico più autentico anche rispetto a quello virgiliano. Come ha rilevato Arbizzoni, il Filetico si ricorda di questa sua traduzione nelle Iocundissimae Disputationes, dove la saggia Battista, figlia del Montefeltro, spiega al fratello Costanzo non solo l’importanza della cultura e della lingua greca, ma anche le peculiarità di quest’ultima e le difficoltà della traduzione :

  • 33  Martino Filetico, Iocundissimae disputationes, op. cit, p. 100, 102.

Velim et in hoc etiam Graecorum linguam copiosiorem intelligas quam nostram, quod apud eos plurima sunt consignatissime et singulariter dicta, quae nequaquam Latine privis verbis absque circumlocutione dici possunt. [...] Id etiam noster Maro, poetarum maximus, ingenio prope divino atque doctrina multa et eleganiarum cura praeditus, saepenumero expertus est, quom vel Homeri vel Hesiodi vel Theocriti multorumque aliorum locos verteret proque suis uteretur33.

  • 34  Qui e in seguito il testo di Teocrito è citato da Teocrito e i poeti bucolici greci, op. cit. : si (...)

20Dopo aver messo in campo alcuni esempi di ‘traduzioni’ virgiliane da Teocrito, con particolare riferimento naturalmente a Buc. IX 23-5, dove esplicitamente si cita Theocr. III 3-5, con l’omissione di una sola pericope (v. 4 : τὸ καλὸν πεφιλημένε)34, si ricorda della versione di Filetico e lo invita ad intervenire a proposito, dal momento che – secondo Battista (ma la sua è una provocazione) – anche il maestro ha trascurato la medesima espressione. Ma egli si difende :

  • 35  Ibid., p. 104.

Nihil invenies praetermissum a me. Fui enim Theocrito vati clarissimo fidus interpres, nec carminis concinnitatem set ut verbo verbum redderem curavi et hoc ipsum quod nunc scire desideras ita traduxi : nimium mihi tu bene semper amate / Tytire. Habent autem haec verba apud Theocritum nescio quid latentis suavitatis quod Latinis verbis amplecti non possumus, tamen, ut nihil omitterem, Latine conscripsi35.

  • 36  Converti hos ego, regina omni cultu dignissima quae non obscuro sermone disertissima Musarum alumn (...)
  • 37  Sulle traduzioni umanistiche in generale rimando a L. Gualdo Rosa, « Le traduzioni dal greco nella (...)

21In verità si potrebbe anche credere che il Filetico volesse qui giustificare a sé stesso e poi agli altri la natura della sua traduzione che spesso si allontana notevolmente dalla lettera del testo : il fatto che non ogni singola parola greca sia traducibile in una latina se non a scapito non solo della metrica ma anche di quel a dolcezza, suavitas, più volte indicata in queste righe come la somma qualità del poeta greco36 e il fatto che la versione del maestro venga associata metodologicamente all’op razione di emulazione di Virgilio, sono due aspetti che ben descrivono e spiegano il suo lavoro37.

22Se lo osserviamo da vicino infatti cogliamo subito un dato ineccepibile : l’estrema libertà, quasi mai giustificabile per esigenze linguistiche o metriche, con la quale l’umanista interviene a latinizzare o ‘virgilianizzare’ – mi sia perdonato il neologismo – Teocrito. Prendiamo nuovamente proprio il IV idillio. La versione del Filetico sembra procedere all’inizio con una certa correttezza, anche se l’incipit non ci può non ricordare le parole usate dal poeta latino, anzi potremmo dire che la traduzione coincide perfettamente con il primo verso di Buc. III.

  • 38  La traduzione del Filetico si cita dall’ed. princeps (Theocritus, Idyllia septem, Roma, Eucharius (...)

Battus
Dic mihi, o Corydon, cuium pecus ? Estne Philondae ?
(v. 1)38
Menalcas
Dic mihi, Damoeta, cuium pecus ? an Meliboei ?
(Verg. Buc. III 1)

Ancor di più questo discorso vale per il verso seguente che è identico :

Coridon
Non, verum Aegonis. Nuper mihi tradidit Aegon
(v. 2)
Damoetas
Non, verum Aegonis. Nuper mihi tradidit Aegon.
(Verg. Buc. III 2)

  • 39  La traduzione è di Onofrio Vox (Teocrito e i poeti bucolici greci, op. cit.).

23Naturalmente nel seguito la situazione cambia : per prima cosa il Filetico deve finire di tradurre il secondo emistichio di Teocrito, del quale si era ricordato anche Leonello nel De politia litteraria, dove era l’indicazione del compito dato da Egone a Coridone (Theocr. IV 2 : βόσκειν δὲ μοι αὐτὰς ἔδωκεν). Se in italiano noi possiamo tradurre semplicemente « le ha date a me da pascolare »39, in latino o si rinuncia alla versione di βόσκειν ovvero si impiega un secondo verso, che risulta tuttavia nel suo contenuto non solo ridondante, ma amplificato, oltre che inelegante :

  • 40  Nel ms. padovano i due primi versi recitano : Fare mihi Coridon, cuium pecus ? anne Philondae ? / (...)

Me custode boni tonderet pascua prati. (v. 3)40

24L’ulteriore battuta di Batto poi è resa in maniera letterale, come la risposta di Coridone e la nuova domanda del compagno.

  • 41  BA (per Battus) U] CA Ro.

Battus
Nonne boves furtim sero sub vespere mulges ?
Coridon
Batte, senex vitulos submittit matribus ipse
atque manus nostras oculis observat apertis.
Battus
41
Quonam movit iter ? Nemo iam conspicit illum.
(v. 4-7)

25Quando si arriva invece al racconto di Coridone, che spiega le ragioni della lontananza di Egone, abbiamo la prima amplificazione che è in realtà una riscrittura, dettata probabilmente dal fatto che il testo che il Filetico aveva davanti attribuiva tutti a Coridone i v. 6-8, distribuiti nell’originale greco tra i due pastori : è inevitabile che qualcosa nel senso debba mutare. Si perde la pungente ironia delle battute di Batto, evidente nell’originale greco, ed Egone diventa un grande lottatore paragonabile ad Ercole. Sarà soltanto la battuta successiva dell’altro pastore a ridimensionare il quadro.

  • 42  BA (per Battus) U] om. Ro.
  • 43  optant] optat Ro, U.

Coridon
Forsan Batte tuas nondum pervenit ad aures
hunc gelidas Milon Alphei duxit ad undas,
ingens certator : nam illic certamina fiunt
maxima, quom pingui splendentia vidit olivo
membra viri fortis quae nunquam viderat ante ;
Alcidae referunt animos et pectora magno
hunc similem ac potuisse duci contendere pugna.
Battus
Et me dicebat mater mea credula quondam
Pollucem superare deum quod fortior essem.
Coridon
Arma gerens humeris pecudes pinguedine tardas
viginti secum pleno deduxit ovili.
<Battus>
42
Verteret ille lupos subito certator agrestes
in rabiem, tanta est illi praestantia linguae.
Hinc vitulae crebris iuvenem mugitibus optant
43. (v. 8-21)

  • 44  Come ricordava Servio (Aen. II 99) : Arma [...] sunt instrumenta cuiuslibet rei : unde et insidian (...)
  • 45  L’indagine andrebbe estesa a tutte e sette gli idilli, cosa che mi riservo di fare in altro luogo.

26Si nota qui la scelta di utilizzare il più epico forse ma molto virgiliano arma per indicare la zappa che Egone si è portato dietro44, l’inserimento dell’apposizione certator in riferimento ad Egone quindi e non a Milone come nel testo greco. La versione procede con rari echi da Virgilio, soprattutto dall’Eneide (con vix hossibus haeret di Buc. III, 101 è tradotto Theocr. IV 15-6 Τήνας μὲν δή τοι τᾶς πόρτιος αὐτὰ λέλειπται / τὠστία v. 25 ; è inserito un emistichio da Aen. IV 336, Dum memor ipse mei in una amplificazione successiva al v. 65, Aen. XI 644 latos [...] per armos al v. 73, Aen. III 274 cacumina montis al v. 104 e ancora Aen. I 603 Di tibi al v. 115), qualche rimembranza ovidiana (teneras [...] per herbas, Met. XV 14 al v. 30 ; magna voluptas, Met. VII 817 al v. 45 ; vultu [...] amico Met. III 457 al v. 61) e due interessanti ricordi petrarcheschi (animae [...] pars altera nostrae di Buc. carm. II 31 e Africa V 684 al v. 62 e hispida crura di Africa III 186 al v. 117)45. L’amplificazione generalmente è data da un’emulazione più profonda del metodo virgiliano, come la quasi inevitabile presenza per ogni nome comune di un attributo : così le undae sono gelidae, l’olivus è pinguis, Alcides è magnus, la mater è credula, le pecudes sono tardae, l’ovilis è sempre plenus, i lupi sono agrestes e i mugiti crebri, le herbae sono tenerae, le cicadae sono graciles e via di seguito. In secondo luogo è importante la scelta lessicale che si mantiene sempre su di un tono elevato, quasi epico (da cui la prevalenza di riscontri non solo dall’Eneide come si è detto, ma anche da Lucano e altri autori epici latini). Basta vedere l’amplificatio sui v. 26-7 di Teocrito in cui Batto immaginava la morte del gregge di Egone in confronto all’espressione secca del testo greco (Φεῦ φεῦ βασεῦνται καὶ ταὶ βόες, ὦ τάλαν Αἴγων / εἰς Ἀίδαν) :

Battus
Heu miser, extinctae armentum lachrimabile vaccae
ad manes, Aegon, Herebum Stigiasque paludes
ibunt Letheasque bibent e flumine lymphas.
(v. 40-2)

27Ma altri sono i luoghi che sembrano interessare la fantasia del Filetico. Prima di tutto il ricordo della morta Amarillide e la timida dichiarazione di affetto di Batto si trasformano in un tragico (anche pensando ai richiami classici) lamento d’amore :

Battus
Chara Amarylli, animae quondam pars altera nostrae,
quam mihi te manes Herebi invidere superbi
et cito traxerunt lugentes iudicis agros
inferni,
nostra sub mente reposta manebis
dum memor ipse mei : nam
quantum cura caprarum
cara mihi mansit, tam me tua vita reliquit.
Heu heu,
quam duras sortes mea pertulit aetas !
Hae mea fixerunt crudeli pectora ferro !
Coridon
Est opus afflictis melius confidere rebus
atque animo forti sortem superare malignam.
Cras melius fortassis erit, cras omnia forsan
pro voto venient ; rebus sperare secundis
est opus humanis,
spes est carpentibus auras
vitalis, spes nulla datur modo lumine cassis :
Iuppiter interdum caelo constare sereno
interdum nobis spectatur nubibus atris. (v. 62-77)

28Ho segnato in tondo quelle parti che – pur con notevole ampliamento – traducono comunque il testo di Teocrito : il resto appartiene alla fantasia del Filetico. Ma i versi più sorprendenti sono quelli che riguardano la scena propriamente comica dell’idillio, il momento in cui Batto accortosi che alcuni vitelli stanno mangiando le foglie d’olivo fa per fermarli e si ferisce ad un piede con una pianta spinosa.

  • 46  Coridon] om. Ro, U.
  • 47  Battus] om. Ro, U.
  • 48  perque deos U] proque deus Ro.
  • 49  durissimam] durissimum Ro, U.

Battus
Fido equidem. Vitulos – ne vides ? – depelle protervos !
Nam virides vastant ramos frondentis olivae.
<Coridon>
46
Luce veni, et propera ! Descende Cinaetha, repente !
Improba – non audis ? –, celerans accede sepulchro !
Testor Pana, tibi magnum et venerabile numen
ocius accedam, tibi latos multa per armos
verbera ni fugies finemque daturus acerbum.
Hic hodie – proh paean ! – rursus nunc improba, rursus
en oleae vetitos audet decerpere ramos !
O utinam duris gessisem sedulus uncum
ipse pedum nodis, quo te nunc verbere caesam
redderem et afflictae gemerent tua fata iuvencae !
<Battus>
47
Sic tibi contingat, Corydon carissime, quicquid
exoptas votisque tuis sic Iupiter adsit.
Perque deos
48 omnis nostrumque obtestor amorem,
haec mala dira pedis misero nunc ipse – parumper
inspicias – tristi nocuit saevissima talo
spina meo hosque locos affecit vulnere tardo.
O quam densa virent illic spineta ! Perire
iam possit citius rapiatque caterva luporum !
Hanc dum spectabam spina percussus abivi.
Quid, ne vides ? rimis latet hic infixa videsne ?
Coridon
Batte, meis teneo durissimam
49 unguibus illam.
En tibi nunc, ipsam magna vix arte revelli.
Proh quam parva domat mortalia corpora causa !
Qualem nempe virum superat nunc quantula plaga !
Quando voles post hac superare cacumina montis
ne pigeat meminisse pedes vestire cothurnis,
et vadas nudis pedibus non amplius unquam :
monte virent species spinarum mille supino
. (v. 78-107)

29Anche qui dal confronto con il testo greco è evidente l’amplificazione. È interessante vedere come il nome greco del vitello Λέπαργος, propriamente « dal pelo bianco », sia stato mutato in Lucus, da cui il vocativo Luce, forse con paretimologia da lux, mentre il nome della vitella rimane immutato e traslitterato. Ci sorprende invece l’accede sepulchro che non sembra avere una giustificazione né nel testo né nel contesto, benché sembri voler tradurre il ποτὶ τὸν λὸφον di Theocr. IV 46, se non come ulteriore minaccia nei confronti dell’ottusa bestia. Per il resto la traduzione, che si mostra decisamente aggressiva nei confronti dell’originale, sembra voler accentuare la drammatizzazione della scena, già vivace in greco. Si notino le interrogative alternate alle esclamative, l’accento tragico delle maledizioni rivolte ai due vitelli e infine quella nota comica data dall’augurio di Batto che Coridone ottenga da Zeus ciò che vuole (ovvero un bastone per punire le bestie ribelli) e il commento epico del pastore che ha liberato l’amico dalla spina.

30La scelta della traduzione di questo idillio in particolare, oltre a fornirci uno specimen sulle capacità di interpretazione del testo teocriteo da parte di uno degli intellettuali formatisi alla scuola guariniana, ci può offrire una pietra di paragone per la lettura di altri testi, e primo fra tutti la riscrittura-traduzione del IV Idillio teocriteo di Battista Guarini probabilmente quasi coeva.

  • 50  Cf. A. Tissoni Benvenuti, « Schede per una storia », op. cit., p. 118-9.
  • 51  Baptista Guarinus, Poema divo Herculi Ferrariensium Duci dicatum, Modena, Dominicus Rocociolus, 18 (...)
  • 52  Theocritus, Idyllia, Theognis, Dionisius Cato, Disticha, Sententiae septem sapientium, De invidia, (...)

31Secondo Marina Lazzari50 le tre ecloghe a lui attribuite sarebbero state scritte in momenti lontani fra di loro (la prima si daterebbe al 1460-61, dal momento che si fa riferimento alla sua successione al padre nella scuola ; la seconda al 1450, in quanto si alluderebbe alla morte di Leonello) e pubblicate dallo stesso autore in una veste redazionale leggermente diversa nel 1496, in calce all’edizione del Poema Divo Herculi dicatum, che come è noto raccoglie la migliore produzione poetica di Battista dagli esordi fino a quella data51. Forse non è un caso che quasi contemporaneamente Aldo Manuzio stampava a Venezia con una lettera dedicatoria al suo maestro Battista la seconda edizione in greco degli idilli teocritei52, seguiti dalle opere di Esiodo, e da altri testi greci. In verità il Guarini aveva espresso il desiderio di avere una Theogonia, per poterne utilizzare più comodamente il testo nei suoi corsi, ma l’ex allievo compie un’operazione editoriale più impegnativa e più ampia, come specifica nel congedo della lettera, all’insegna di una raccolta di contenuto morale e pedagogico.

  • 53  Si tratta nello specifico del carme Praeconium Veneris super fugitivo Cupidine, fol. biir-biiir (r (...)
  • 54  Cf. H. Omont, « Les Manuscrits grecs de Guarino de Vérone et la Bibliothèque de Ferrare », Revue d (...)
  • 55  A. Franzoi, « La traduzione greco-latina nell’Umanesimo », op. cit., p. 135.

32La testimonianza esterna del Boiardo che sembrerebbe alludere più di una volta nei suoi Pastoralia ad una esperienza bucolica di Battista ormai conclusa ci farebbe propendere comunque per una complessiva datazione dei suoi versi ai primissimi anni sessanta, anche perché la seconda ecloga esemplata sul modello della V virgiliana (e quindi della prima di Teocrito) potrebbe anche piangere la morte del padre Guarino, più che quella di Leonello : solo la terza, che ci interessa più da vicino per un più evidente rapporto con il poeta siracusano, risulta difficilmente databile. L’unico saggio che affronta il problema del legame con il modello greco, quello di Alessandro Franzoi, collega questa ecloga con la presenza di una ‘ traduzione ’ da Mosco53 all’interno del Poema divo Herculi dicatum, tratta probabilmente – come sembra suggerire lo studioso – da un codice di Theocriti nonnulla, registrato nell’inventario nella biblioteca del Veronese, e che avrebbe dovuto avere contenuti affini alla stampa aldina del 1495 già citata54. Nel caso della terza bucolica tuttavia – dice Franzoi – si tratta propriamente « di una tecnica compositiva mista di traduzione, ricomposizione e collage », che riesce a mettere insieme e a contaminare Theocr. III e IV55. Non si azzarda naturalmente una datazione per l’ecloga, né il contesto variegato del volumetto guariniano offre alcun indizio.

33In verità la tecnica velocemente ma efficacemente descritta dal Franzoi fu utilizzata da Battista anche nelle prime due ecloghe, tanto che si potrebbe oggettivamente valutare la sua produzione bucolica come un esperimento quasi scolastico, destinato a venire alla luce anche dopo una trentina d’anni, insieme ad una produzione epigrammatica ed elegiaca d’occasione databile per lo più agli anni di Borso d’Este, soltanto per corroborare un omaggio encomiastico al Duca di Ferrara : l’ipotesi più verosimile a nostro parere è che i tre componimenti risalgano tutti ai mesi successivi alla morte di Guarino, quando il figlio si apprestava a succedere al padre, prima che Boiardo scegliesse anche lui la via del genere pastorale, e quando Gaspare Tribraco e Tito Vespasiano Strozzi si sollecitavano a vicenda carmi bucolici, con esiti molto diversi. Partire dai versi di Battista è assolutamente necessario e inevitabile proprio per il loro carattere di esercitazioni, quindi toccherà al Tribraco e infine allo Strozzi, in cui il modello virgiliano è completamente rifiutato.

  • 56  Qui e in seguito il testo viene citato dalla princeps del 1496. La tradizione manoscritta è del re (...)

34Nella prima ecloga del Guarini56 si riscontra facilmente una riscrittura di Verg. Buc. I : la situazione è la medesima anche se le battute dei due protagonisti sono più ampie e narrative, la conclusione leggermente dissimile. Il pastore vagabondo Coridone incontra il ‘beato’ Tito, che può pascolare il suo gregge in tutta tranquillità e cantare la sua amata ; dal contrasto nasce il racconto del fortunato pastore che indica in Pan il mecenate che gli ha permesso tanta ocia. Dopo la narrazione del loro incontro e dell’incarico datogli dal dio dei pastori di continuare il lavoro del padre, tocca a Coridone raccontare la sua vita di esule legata – a quanto sembra da un verso non molto chiaro – alla morte o alla lontananza di Anthis, che potrebbe essere il suo dominus o la sua donna. Tito descrive i sacrifici annuali dovuti a Pan e i due si congedano con la promessa di un intervento del pastore fortunato in favore dell’amico in difficoltà. I riscontri letterali da Virgilio sono in verità pochissimi : poco più di una trentina di parole coincidono non sempre nella medesima posizione metrica, per il resto lo sforzo di variatio è continuo e importante, in considerazione del fatto che in fin dei conti il contenuto è il medesimo. È più facile incontrare stilemi da Ovidio (per lo più Metamorfosi : ad es. ilice mella da Met. I, 112 al v. 15, placidos [...] somnos da Met. VII 433 al v. 20, linquere fines da Met. X 341 al v. 37, amore pari da Met. IV 191 al v. 45 ; arbore glandes da Met. I 106 al v. 54, pressanda [...] ubera da Met. XV 472 al v. 56, in ovilibus agni da Met. XIII 827 al v. 68), dai poeti satirici Persio (patula [...] sub ulmo da III 6 al v. 18) e Giovenale (notissimus olim da VI 42 al v. 13, tenui [...] susurro da IV 110 al v. 22), qualcosa di Calpurnio (messor aristas da II 25 al v. 34), oltre che ricordi di altri luoghi virgiliani (magnos [...] armenta leones da Buc. IV 22 al v. 27, aratra iuvenci da Buc. II 66 al v. 32, sub matribus agni da Aen. IX 61 al v. 52, mulctraria da Georg. III 177 al v. 61, Lycisca da Buc. III 18 al v. 65).

  • 57  Sembra evidente una paretimologia da τράγος, hircus, e quindi una variante comica (tragilus funzio (...)

35Un discorso molto simile si può fare per la seconda ecloga in cui il modello di riferimento è dato da Buc. V, ma questa volta più che le varianti lessicali sono importanti quelle strutturali : il canto di Menalca e di Mopso in onore del defunto Dafni era stato suggerito da un loro casuale incontro, che si trasforma quasi in una pacifica sfida, al termine della quale dopo reciproci complimenti i due pastori si scambiano dei doni. Come è noto Virgilio contamina in questa ecloga il primo idillio teocriteo, con componimenti propriamente di sfida al canto, come il VI, l’VIII e il IX, trasformando il canto lirico di Dafni in due diversi moduli diegetici, un compianto e un’apoteosi ed eliminando la profferta immediata di ricompensa per Tirsi di Theocr. I, con la descrizione della bella coppa, già utilizzata in precedenza (anche se con una variante significativa) in Buc. III 35-43. Il Guarini parte dal testo del suo modello modificandolo con due inserti : il primo è costituito dallo sviluppo di un suggerimento offerto dalla III ecloga di Calpurnio, il secondo è proprio dato dalla descrizione della coppa che Titiro dona al suo emulo Tragilo come ricompensa del primo canto. Se in quest’ultimo luogo la componente virgiliana prevale sul ricordo teocriteo e l’intento encomiastico nei confronti di Borso (raffigurato su di un lato della coppa) sulle possibilità offerte dallo strumento dell’ekphrasis, la prima parte dell’ecloga costruisce una vivace scena comica in assoluto contrasto con il contenuto tragico e funebre dei due canti successivi. Il risus e l’ironia, propri del dettato teocriteo più che della più affettata bucolica virgiliana, o forse dovremmo dire della scena plautina, cui la scuola guariniana fu sempre particolarmente devota, colpiscono il protagonista di questi versi, Titiro, il quale si muove affannato e turbato in volto alla ricerca del suo toro ed incontra un pacato Tragilo, dal nome grecizzante57, che preoccupato per lui lo spinge a confessare le ragioni della sua corsa e a svelargli il significato dei magni signa doloris che porta in volto. Su Titiro, lodato in seguito dal compagno come insuperabile verseggiatore, si sono abbattute insieme due sventure in una volta perché proprio nel momento in cui la sua Fillide (che porta non a caso il nome dell’amata da Licida nella terza di Calpurnio) finalmente cedeva alle sue voglie e stava per renderlo beatus, il toro si è dato alla fuga, probabilmente per andar dietro ad una bubulca, nei pascoli di Coridone. E così interrotto il suo idillio amoroso egli è costretto ad andare a cercarlo prima che la crudelis noverca (iniusta noverca era in Buc. III 33) se ne accorga e lo punisca con verbera. Le bestemmie e le minacce mandate contro il toro ricordano quelle conclusive del IV idillio teocriteo :

Iniiciam pingui si stuppea vincula collo
ter matutino sudabunt gramina rore,
ante ter occiduo se proferet hesperus orbe,
quam vaccas ullas queat aut armenta videre.
(v. 13-6)

36E se in Calpurnio il compito di cercare la iuvenca, solita andar dietro ai tauri di Licida, viene affidato a Titiro, perché Iolla vuole ascoltare il canto d’amore del compagno per Fillide, qui il toro di Titiro finito nel gregge di Tragilo diventa suo ostaggio : non lo restituirà infatti prima di aver ascoltato un suo canto, anzi sembra chiedergliene uno in particolare, già lodato da Aminta. Titiro prima rifiuta poi gli chiede di incominciare lui per primo, in modo che possa riprendere fiato. Queste poche e sporadiche indicazioni didascaliche rappresentano senza dubbio il sintomo di una attenzione maggiore deputata alla scena bucolica, che perde un po’ della rigidità virgiliana.

37Ma veniamo al terzo componimento di Battista per il quale si è giustamente parlato di riscrittura del IV idillio teocriteo : propriamente – come già ricordava il Franzoi – questa operazione riguarda l’incipit e l’explicit dell’ecloga. Basta leggere i primi versi per rendersi conto che lì dove il nostro traduce, è più fedele al testo greco rispetto al Filetico (si noti in particolare come il v. 3 mantenga la sua unità metrica). Ed è anche interessante la variante – decisamente forzata – del v. 4, che vuole ricalcare la battuta del Batto teocriteo con una similitudine ‘agricola’ : le mucche affidate ad un mungitore sono come il fieno affidato ad un tagliatore di fieno (faenisex è parola decisamente non poetica, presente esclusivamente in Plinio e in analoghi testi enciclopedici).

Maenalus
Ni mea me fallunt spectantem lumina, Batte
taurus hic et Ruffi, sunt haec armenta Miconis ?
Battus
Vera vides, abiens nuper me pascere iussit.
Maenalus
Sed quo faenisecis herbam tondentibus ille ?
(v. 1-4)

38La vera variante giunge nella attualizzazione del contesto : Ruffo non è certo andato alle Olimpiadi, ma ad una gara poetica con Tirside (un discendente del Tirsi teocriteo ?) alla presenza del giudice Crocilo (un ‘gracchiante’, se – come probabile – il nome si forma dal verbo plautino crocio ; ma un Κροκύλος è anche nominato nel V teocriteo), e si è portato dietro la più bella giovenca del gregge, fatto questo che commuove particolarmente il Batto guariniano, come quello teocriteo si commuoveva per la morte della bella Amarillide. Il commento di Menalo a questo racconto è più esplicito e diretto ma nella sostanza non diverso dalle battute del greco Batto : « che follia mai è questa ? proprio lui che non è capace di tenere in mano un flauto partecipa ad una gara ? ». Se la mediocrità di Egone come atleta era messa in evidenza dal confronto con figure mitiche, Battista preferisce usare una similitudine : è come se le oche gareggiassero con i cigni o le cicale con gli usignoli.

Battus
Urbem adiit ; sibi dicebat cum Thyrside Musae
cras fore certamen Crocylo sub iudice magnum ;
abduxit pignus certaminis ipse iuvencam
qua non erravit silvis formosior ullis,
nec talem in pratis anno iam vidimus uno.
Illa dedit vitulis saepe ubera plena duobus
cum tamen haud parvo premeretur caseus orbe,
quod quotiens memini lacrymae volvuntur abortae.
Maenalus
Quis furor ? Et quae tanta illum dementia coepit ?
Certatum ille, fuit cui nunquam fistula dispar
nec nisi stridenti in triviis cantavit avena ?
Vocibus argutos iam provocet anser holores
raucae lusciniis contendant voce cicadae.
(v. 5-17)

  • 58  Diventata in italiano un modo di dire (pelle e ossa) questa espressione è attestata in volgare a p (...)

39Gli ultimi due versi della battuta di Menalo ritornano con compostezza al testo teocriteo, utilizzando una tessera addirittura plautina (Capt. 135), il sintagma « ossa et pellis », non presente altrove nella poesia classica58.

O pecus infelix, sequitur dum rusticus urbem
nil reliquum est miseris nisi pellis et ossa iuvencis !
(v. 18-9)

40Del resto vere e proprie presenze virgiliane in questa parte sono rare : oltre all’abusata (anche da Virgilio) quae tanta [...] dementia cepit ? (Aen. V 465, Buc. II 69 e VI 47, Georg. IV 488) al v. 13 e alla riscrittura di Buc. III 26 al v. 26, sono gli echi ovidiani a prevalere, e non solo in questa parte ma soprattutto nel corpo dell’ecloga, che contiene un’importante variante stilistica. Dopo che Batto ha infatti quasi giustificato la partenza di Ruffo (dietro il nome di Ruffus si potrebbe nascondere un personaggio oggetto di aspra recensione da parte di Battista) come dovuta ad una richiesta di Micone (il nome, in perfetta assonanza con il Μίλων teocriteo, richiama il Micon della quinta ecloga di Calpurnio, ovvero il pastore anziano che educa il giovane Canthus), invita l’amico a lasciare da parte gli armenti, che pascoleranno sulle verdi rive dell’Eridano e a cantargli i suoi amori per Amarillide. L’invito al canto d’amore o meglio a sfogare le proprie pene d’amore non appartiene propriamente né a Teocrito né a Virgilio, ma potrebbe derivare dalla III bucolica di Calpurnio : in realtà è una delle peculiarità della bucolica ferrarese che ama mettere insieme bucolico ed elegiaco. Ma se questo discorso vale soprattutto per lo Strozzi e per il Tribraco, come vedremo, in questo caso la situazione è diversa. Prima di tutto il canto per Amarillide richiama alla memoria il III idillio greco, dove un innamorato capraio recita la sua serenata per la rustica amata che non lo contraccambia : gli argomenti messi in campo dal rozzo pastore sono vari, dall’aspetto fisico del pretendente, ai suoi doni, alla dannazione di Eros, all’invocazione della fanciulla, alla minaccia di suicidio, alla consultazione di una fattucchiera, alla propria condizione economica, fino all’elenco di possibili exempla mitologici. Alcuni di questi elementi sono ripresi da Battista che però li contamina non come ci si aspetterebbe con il canto di Coridone della seconda ecloga virgiliana (una sola ripresa esclusivamente lessicale in serpyllumque [...] olentis da Buc. II 11), ma con le Metamorfosi di Ovidio e in particolare con il canto di Polifemo per Galatea, che trae spunto a sua volta da Theocr. XI. Menalo parte con una prosastica narrazione del tentativo fatto da sua madre di fargli sposare una tale Leucida, figlia di un vicino, che a lui non piace perché ha il naso adunco, e degli inutili tentativi da lui fatti per liberarsi della passione per Amarillide. Detto questo, dopo aver utilizzato lo stilema dell’adynaton di ascendenza virgiliana per dichiarare che il suo amore è inestinguibile, inizia il canto vero e proprio. L’incipit richiama l’idillio teocriteo quanto il testo più complesso di Ovidio, ma a nessuno dei due fa esplicito riferimento nel momento in cui esprime la superiorità della bellezza di Amarillide rispetto alle altre fanciulle :

Purpureis quantum malvae cedunt hyacinthis,
quantum narcisso cedit saliunca rubenti,
iudice me tantum reliquas Amaryllidis ora
vincunt formosas et lactea colla puellas.
(v. 36-9)

Segue l’offerta di doni :

    En capreae foetus atque aurea mala
serpyllumque fero et olentis gramen anethi.
(v. 41-2)

41E infine la serenata, segnata da un refrain che richiama senz’altro Virgilio di Buc. VIII, e che è in generale un modulo molto caro agli umanisti, che trasformano in questo modo gli esametri epici in una ballata dal sapore elegiaco : O formosa Amarylli quid hunc comtemnis amantem ? La struttura prosegue dunque per stazioni collegate : prima di tutto Menalo le chiede di non fuggire (qui vi è l’eco di Ov. Met. I 505), perché lui non vuole farle alcun male anzi è pronto a sacrificarsi per lei ; poi le chiede un bacio (magnum da munus amanti v. 53), e infine fa l’elenco delle sue doti. Le indica quindi il numero dei capi di bestiame in suo possesso (cosa che il Polifemo di Ovidio si rifiutava di fare perché pauperis est numerare pecus, ma che quello di Teocrito non disdegna), si sofferma sul suo aspetto (in Ovidio il Ciclope aveva detto : placuit mihi mea forma videnti, mentre in Theocr. III e IX si attribuiva la ritrosia della ragazza al brutto aspetto dell’amante) sottolineando la mancanza di grossi difetti fisici (un po’ come il Coridone di Buc. II), e infine – e qui non può che essere il ricordo del III idillio a prevalere – cita esempi mitici di amanti felici (Venere e Adone, Luna e Endimione, Atalante e Ippomene : tutti presenti in Teocrito). La conclusione è affidata ad un modulo anch’esso caro alla bucolica amorosa umanistica :

Ipse tuum phagi describam in cortice nomen
subscribamque meum : post multas nomina messes
miscebit cortex et erit mihi testis amoris.
(v. 70-2)

42Questo sarà dunque il canto di Menalo, ma se dovesse fallire è pronto ad una soluzione drastica, il suicidio giù dagli scogli, come il capraio teocriteo.

43A questo punto Battista riprende l’idillio IV nel punto in cui Batto si doleva della morte di Amarillide e Coridone lo rincuorava e traduce in maniera quasi letterale Theocr. IV 41-3 :

  • 59  Per questi versi cf. la traduzione di Francesco Filelfo, n. 26.

Battus
Maenale, sperandum est melior sors altera curret.
Spes inter vivos, solis spes nulla sepultis :
ipse quoque effuso plorat modo Iupiter imbri
lucidus interdum ridet solemque reducit.
(v. 77-80)59

44Segue ancora una variatio, in quanto Menalo insiste sulla crudeltà d’amore (anche qui con una ripresa di argomenti dal III idillio) e l’inserimento dell’esempio di Dafni.

Cui non praesenti lacrymas exciverat ille ?
Flebant desertae per pascua moesta iuvencae,
flebant et tigres et verso flumina cursu :
solus amor sicco spectavit lumine Daphnim.
(v. 86-9)

45Questi versi riassumono di fatto il contenuto del canto di Tirsi di Theocr. I.

46La parte finale torna ancora al testo greco del IV idillio : una vitella sta sfrondando un pero (non un olivo come nell’originale) :

Vitibus interea nigram depelle iuvencam
frondentemque pirum morsu cave vulneret unco.
Battus
Quo ruis ? Hinc abeas ! non audis ? cede, Melaena !
Ecce iterum rediit : nihil haec mea iurgia curat.
Hei, cur dextra pedo non est armata saligno ?
Per solem hunc iuro, si prendam cornibus atris
efficiam posthac ne pomos dente lacessas.
Hei mihi, cum tota pereat male bucula prole
spina infixa pedi est et calcem pungit acuta.
Extrahe, care, precor. Saevam
num, Maenale, cernis ?
Maenalus
Unguibus hanc summis tango – en aspice – parvam.
Battus
Quantula cogebat tantum me plaga dolere !
Maenalus
Posthac
ne pedibus tendas in pascua nudis :
hic dumi, hic vepres, hic carduus et paliurus. (v. 90-103)

47Come si può notare dalle parole evidenziate in tondo, ad eccezione di alcune giuste varianti e della innovazione nei nomi delle piante, raddoppiati di numero, nell’ultimo verso, si tratta di una ripresa molto puntuale, più letterale sicuramente rispetto alla traduzione del Filetico. Questo naturalmente sta a significare che l’emulazione del Guarini nei confronti di Teocrito nasce con un precipuo intento di impadronirsi il più possibile del suo linguaggio. Non è un caso che egli abbia voluto sommare in un unico componimento i suggerimenti che gli provenivano da diversi idilli : il primo per il ricordo di Dafni, il terzo con la serenata, il quarto, che fa quasi da contenitore, ma anche il quinto per la ripresa onomastica, e forse il sesto dove Dameta e Dafni cantano Polifemo e Galatea, oltre che l’undicesimo.

48È evidente che non vi è un superamento di Virgilio, ma quasi una integrazione, quasi un restauro o un recupero di quelle potenzialità della bucolica classica che Virgilio aveva consapevolmente scelto di non tentare. Teocrito è in questo senso un tassello importante perché la sua lettura permette di liberare gli schemi : come si è visto in questo caso particolare infatti l’imitazione pur pedissequa permette di accostare argomenti e scene diverse, di creare movimento nella scena, di inserire, con il modulo della ‘serenata’, il canto d’amore per una fanciulla che in Virgilio manca del tutto (se non in maniera indiretta e obliqua naturalmente), di alludere infine non solo ad eventi autobiografici tristi o a questioni politiche, ma anche a scaramucce tra colleghi (come nella prima parte di questo idillio), o alla insofferenza nei confronti di madri o matrigne o ancor più genericamente ‘padroni’ che costringono i poveri pastori a correre per le campagne come i servi della commedia plautina, rinunciando ai loro amori, o a pascolare il loro gregge, mentre loro inseguono velleità agonistiche.

49Se tuttavia finora si è parlato di vere e proprie traduzioni di Teocrito, è importante verificare se si possa rintracciare una sua presenza, partendo dai contenuti del IV idillio e non solo, in altri testi che non hanno questo rapporto diretto di dipendenza col testo greco, se cioè questo fantasma di Teocrito aleggi tra le righe di una poesia latina più matura e indipendente anche dal modello virgiliano.

  • 60  A. Della Guardia, Gaspare Tribraco de’ Trimbocchi, maestro modenese della IIa metà del secolo XV, (...)
  • 61  Il numero potrebbe rimandare alle sette ecloghe di Calpurnio o alla circolazione dell’edizione di (...)

50Il primo ad entrare in scena è un altro maestro, modenese, anche se non della stessa fama di Battista Guarini, e forse a buon diritto dimenticato dalla critica nelle pagine che gli dedicò il Venturini negli anni settanta, nel tentativo di riscattarlo dal duro giudizio di Anita Della Guardia60. Si tratta di Gaspare Tribraco o de’ Trimbocchi, autore di un Bucolicum carmen di sette ecloghe, dedicate, in due redazioni leggermente differenti, a Borso prima e ad Ercole poi (o viceversa : la variante sostanziale è data dalla riscrittura dell’ecloga encomiastica)61. Dalla lettura di questi versi, spesso un po’ impacciati, fortemente legati al modello di Virgilio e di Ovidio, si ricava l’impressione che anche il Tribraco avesse una qualche conoscenza del poeta greco e si sforzasse di darne conto. Un primo indizio è dato dalla scelta dei nomi dei personaggi. La prima ecloga è un dialogo tra un Aepolus, traslitterazione del greco αἰπόλος (uno dei protagonisti del primo idillio greco) e un Poeman, nome frequente nella bucolica ferrarese e utilizzato anche dal Boiardo, a sua volta traslitterazione di ποιμὴν, pastore di pecore. La seconda mette in scena Filonda (nominato soltanto nel IV idillio) insieme a un altro pastore dal nome grecizzante Theradamas ; la terza utilizza una onomastica già virgiliana anche se di ascendenza teocritea (Damone e Lycida), così come la IV (Sibarta, Egone e Dafni), mentre la V e la VI mettono in scena nomi ugualmente ricavati dal greco, Philonices, Alcon, Alethes, Bouleforos, Thyrsis ed Eumorfeus. Di per sé questo dato ha un’importanza relativa, dal momento che anche Boccaccio aveva tentato di grecizzare la sua bucolica confezionando titoli e nomi di origine pseudo-greca. Il secondo elemento è costituito dal fatto che fin da subito alla riscrittura di alcuni moduli virgiliani, non diversa, anche se in alcuni casi un po’ più rozza, rispetto a quella attuata da Battista, si accostano elementi innovatori di ascendenza sospetta. Nel primo componimento sembra che i due personaggi rappresentino uno sfortunato esule greco e un fortunatissimo poeta italiano, che come Titiro, si gode pace e giustizia e si dedica a cantare la sua Calliroe. Il contenuto di Buc. I è di fatto riassunto nei primi settantuno versi che rivelano non pochi rimandi lessicali al modello, sapientemente sparsi, e soprattutto presenze più propriamente elegiache, più consone – se dovessimo esprimere un giudizio finale – all’estro del poeta, e non dissonanti dalla coeva poesia erotica dello Strozzi. Il rimando alla Grecia non è esplicito anche se l’esule Capraio insiste sulla devastazione da parte di lupi feroci della sua patria e sul suo destino di pastore errante alla ricerca di un posto sicuro dove fermarsi.

  • 62  Oltre al topos del canto come remedium amoris, si possono rilevare, nonostante appartengano anche (...)

51La drammaticità di questa prima parte viene del tutto smorzata e quasi annullata dal prosieguo della scena : il Pastore infatti confessa allo sfortunato passante che, distratto dalle sue sventure, ha interrotto un canto d’amore che intendeva dedicare alla sua amata e gli propone di sentirne l’inizio. Si tratta della classica ‘serenata’, già incontrata nella III ecloga di Battista Guarini, e come quella fortemente intrisa di rimandi teocritei e ovidiani (i topoi sono facilmente individuabili : Calliroe supera per bellezza tutte le altre, Pemano come un nuovo Petrarca va alla ricerca di un riposo che non trova e brucia d’amore come lo Stupeus di Buc. carm. III, Amore è crudele di natura, la donna lo disprezza), in particolare a partire dal v. 91 dove ha inizio un modulo che è una vera e propria riscrittura di Ov. Met. XIII 789-896. Il componimento del Tribraco avrebbe potuto fermarsi qui, ma va oltre misura e il dialogo tra i due pastori declina sempre più verso il comico (si potrebbe pensare ad una climax voluta), fino ad arrivare all’elenco di alcune delle tante donne amate da Epolo collibus in patriis, dai nomi di ascendenza greca (Ciane, Callianera, Pandroso) e all’immagine finale che ricorda ancora il Petrarca di RVF CXXVI. Ma il testo che più mi è sembrato evocare il fantasma di Teocrito è la seconda ecloga dove il motivo di cornice è rappresentato dalla condizione precaria di salute e di sostanze di Theradamas, confortato da Filonda, situazione che alluderebbe a quella del poeta in cerca di sicurezza economica : la parte centrale è costituita da uno dei canti che il povero pastore esegue nel tentativo di sentirsi meglio e di far pascolare meglio il suo gregge ovvero il canto di Polifemo, nel quale riecheggia oltre al solito Ovidio, proprio Theocr. XI62. Inoltre vi è la presenza dell’elemento osceno che scatena la confessione di Teradamante, in cui si potrebbero vedere echi diretti di un luogo di Theocr. I 87-8 : il capraio davanti agli accoppiamenti delle capre si sente impotente, perché vorrebbe essere un capro. Così il Tribraco fa dire ad un malizioso Filonda :


    An vir gregis ipse, capellas
dum vicibus crebris super insilit, incitat huc te
sic quoque, Theradama, quo te tua crebrius Aegle
stringat in amplexu ?

  • 63  Non è un caso che i contenuti delle altre ecloghe si rivelino metodologicamente più vicini alla ve (...)

52Pochi gli indizi insomma in questi versi, e forse dettati più dal desiderio di allinearsi agli esperimenti di Battista e alla scuola ferrarese, che frutto di una reale conoscenza del testo teocriteo da parte del maestro modenese63.

  • 64  Tra i titoli che lo riguardano, oltre al fondamentale R. Albrecht, Tito Vespasiano Strozza. Ein Be (...)
  • 65  C. Corfiati, « Il canto di Albico : Tito Vespasiano Strozzi poeta bucolico », op. cit.
  • 66  In verità si potrebbe sospettare, e sarebbe interessante verificarlo, la conoscenza da parte dello (...)

53Se analizziamo invece gli esperimenti bucolici di Tito Strozzi64, quelle uniche tre ecloghe che a lui sono attribuite in un solo testimone manoscritto, per altro tardo, ci rendiamo conto della distanza insormontabile e nello stesso tempo invece della vicinanza strettissima tra i suoi moduli espressivi e quelli della tradizione greca, prima ancora che latina. Prima di tutto lo Strozzi a differenza di quanto contemporaneamente fanno e Battista Guarini e il Tribraco e finanche il nipote, l’ultimo in ordine di tempo probabilmente, Matteo Maria Boiardo, ha rinunciato del tutto all’intento encomiastico, se non nei confronti di un personaggio, Cronidone, che non ha alcuna valenza politica, ma appare quasi come un nuovo Dafni, la guida dei pastori, l’ammaestratore dei giovani – e che a mio parere va identificato con Guarino Veronese65. Due sono i momenti del suo esperimento : un primo stadio in cui inserisce il carattere didascalico e pedagogico in maniera esplicita nella cornice bucolica, ossia nelle prime due ecloghe, che si completano a vicenda e che raccontano la vita di campagna nelle quattro stagioni dell’anno. Cronidone, su richiesta di due giovani pastori, a mo’ del Sileno della VI virgiliana, ma ancor di più del Micone della V di Calpurnio66, impartisce due lunghe lezioni che, anche se uno studio a riguardo non è stato mai condotto, molto traggono dalle Georgiche. L’attenzione ai particolari della vita rusticale, oltre a far parte del profilo biografico e di Guarino e ancor più dello Strozzi, rimanda anche all’esigenza di riscattare il mondo dei pastori dall’Arcadia virgiliana e renderlo più genuino e concreto. La seconda fase porta con sé gli effetti della ‘scuola bucolica’ ferrarese e sviluppa alcune caratteristiche che abbiamo già messo in luce commentando la Politia litteraria del Decembrio : prima di tutto la condizione servile dei protagonisti e il loro desiderio di sfuggire al controllo di petulanti padroni, l’abilità nella costruzione di scene comiche di particolare efficacia, ovvero il recupero della ascendenza drammatica dell’ecloga e infine il riscatto elegiaco, la inevitabile serenata all’amata, come punto più alto di espressione poetica. Ma vi è un’altra peculiarità che più sottilmente ci richiama al magistero teocriteo, a cui finora non si è fatto cenno, ma che si lega alla prima fase sperimentale dello Strozzi, la presenza di una topografia documentata : i luoghi, le frazioni cui fanno riferimento i pastori appartengono alla campagna modenese, come molti toponimi di Teocrito permettevano di localizzare lo svolgimento della scena ora a Crotone ora a Siracusa.

  • 67  Qui e in seguito si cita dall’ed. curata da Anita Della Guardia (Poesie latine tratte dall’aldina, (...)

54La lettura della cornice della seconda ecloga67 permette un confronto esemplare. Oriono e Zefirino stanno aspettando Cronidone che ha loro promesso di continuare la lezione sulle stagioni iniziata il giorno prima.

Orionus
Ecce senex Chronidon vectus per prata Gilonis
calcibus et stimulo, Zephyrine, fatigat asellam
atque tener matris sequitur vestigia pullus.
Zephirinus
Est ita ; nonne vides concussa vastus Hymellas
ut virga propellat oves ? Ut sibilet audi,
horrendo clamore vocans Poneronque Lycumque !
Orionus
Nunc hominem primum video, nam, dum ante loquebar,
nondum transierat quaeruli vineta Cicadae.
(v. 1-8)

55I due pastori vedono da lontano avvicinarsi una figura che a poco a poco identificano sicuramente con il vecchio Cronidone, che passa per i pascoli di Gilone, poi per i vigneti di Cicala e infine giunge da loro : la sua sagoma viene descritta insieme al paesaggio e ad altri ‘personaggi’ che lo accompagnano e aiutano a riconoscerlo. Siede su di un’asinella, seguita dal cucciolo, lo accompagna il rozzo Imella che manda avanti le pecore e fischia e chiama i cani e infine si mette a fuoco l’ultimo particolare del ritratto bucolico.

Zephirinus
Chantarus a laeva pendet quam maximus illi !
Utrum credis aquam, an vitis redolere liquorem ?
Orionus
Extremum potius reor et, nisi tu id quoque sentis,
est tibi Santonico textus de vellere amictus.
At nos ecce rudens Chronidonis asella salutat
descenditque senex, stimuloque innititur et nos
aspicit. O Chronidon, venisti in tempore. Salve.
(v. 9-15)

56Su di un lato gli pende la fiasca che non può che essere piena di vino. Si avvicina, l’asina rudens saluta i due giovani e loro salutano il maestro. Non vi sono modelli per una scena del genere nella tradizione bucolica, ma proprio la genuinità di questa composizione richiama a mio parere l’auctoritas di Teocrito più che del latino Virgilio. Il soffermarsi su particolari completamente inutili e su antefatti che non verranno mai chiariti del tutto, quasi che i versi pastorali cogliessero solo un frammento di una vicenda più lunga e complessa o alludessero ad un pubblico di lettori elitario, unico capace di intendere il prima e il dopo, è parte dello stile bucolico greco e di questi esperimenti dello Strozzi. Basta vedere il prosieguo di questa stessa seconda ecloga :

Chronidon
Vos quoque. Venissem citius ; Lumbardus et Acros
me tenuere diu veterem Styliconis ad ulmum,
hic me de thalamis natae dum consulit, ille
de bovis affecti graviter dum plurima morbo
conqueritur mecum atque aliqua petit arte mederi.
Sed nos illa vocant frondosae umbracula quercus
et minor est sedisse labor quam currere fessis.
(v. 16-22)

57Chi siano Lumbardus e Acros non solo non è dato sapere ma non importa né allo scrittore né al lettore. Ugualmente l’inizio della terza pastorale, ci porta nel vivo di una scena di ascendenze plautine :

Albicus
Mopsile, dic Tribalo, cum venerit, omnia recte :
isse mihi et nostro me verba dedisse Cicadae.
Nunc ego praecedam, quo diximus. Ocius adsit,
fac properet. Sed eum video (nisi fallor) et ad nos
sibilat. Huc, Tribale, accedas. Iam tempus eundi est.
Tribalus
Ecce adsum, et quid tu – nam post vineta latebam –
egeris utque senem modo luseris, Albice, novi.
Haud aliter decuit teque hoc ego crimine solvo.
(v. 1-8)

58Albico dà a Mopsilo istruzioni su cosa dire a Tribalo e poi scopre che il suo amico sa già tutto (ma cosa ?) perché ha assistito alla scena nascosto dietro il vigneto. Quello che si intuisce dallo scambio di battute successivo è che egli ha preso in giro il padrone Cicala e ha ottenuto (o si è presa) una libera uscita per andare dalla sua amata. Il dominus molesto, che pretende dal famulus un servitium continuo, e gli impone una vita senza svago, viene criticato aspramente da Albico, che descrive nel dettaglio le mansioni impostegli :

« Quas modo partiti pecudes sumus, ocius – inquit –
ad Tusios, pueri, et Pinguellos ducite Gualdum :
signatas viridi Tusiis minioque rubentes
tradite Pinguellis, sed ter numerabitis ambo.
Tunc Conam petite et nostrum disquirite taurum
quem Thimelina refert Dulceti armenta secutum.
Inde revertentes Codream protinus ite
et quae puppe sua vexit Parolinus ab urbe
vascula ferte domum. Fellano dicite post haec
ut tripodas tandem et mensam et mantilia reddat.
Sat tenuit : septem post connubialia festa
praeteriere dies et iam nova nupta pudorem
obtulit ante aram et canibus iam nota mariti est.
Ite citi ac reditum citius properate, nec ulla
vos mora detineat : nam multa negotia restant.
Lectus erit pecori palea sternendus et illa
perficienda boum circa praesaepia saepes ».
(v. 40-56)

59L’onomastica e la toponomastica di questi versi è qualcosa di fenomenale : se la prima è chiaramente inventata, o ricalcata con assonanze, su di una verità che difficilmente potremmo ricostruire, la seconda è precisa e dettagliata e fa riferimento alle contrade (alcune di queste tuttora esistenti) intorno alle terre di Quartisana, dove lo Strozzi amava rifugiarsi e invitare i suoi amici. Possiamo aggiungere che la conversazione tra Tribalo e Albico avviene mentre loro camminano e si spostano dalla casa di Cicala a quella degli Zani (sul modello del VII idillio di Teocrito) dove incontreranno le loro ragazze, e che durante il percorso Albico viene invitato ad un canto, che non può che essere elegiaco, per la bella Lida, al termine del quale l’amico commenta :

Non ubi longa fames ieiunum tempore veris
me stimulat, tepido cum lacte recentia tantum
liba iuvant, frustumve suis quod flamma perussit,
lucida nec tantum fontanae pocula lymphae
grata forent calidis sitibundis faucibus aegri,
nec tantum Scoculae dulcis placet humor Iacchi,
quantum nostra tuo mulcentur pectora cantu ;
nec mortale sonas : quin si contendere tecum
Pan velit, et par es calamis et versibus illi.
(v. 107-15)

  • 68  Notevole a questo proposito l’osservazione fatta a suo tempo da Giacomo Leopardi (Zibaldone di pen (...)

60Come si fa – pur riconoscendo l’originalità del dettato strozziano – a non confrontare questi versi con l’incipit del primo idillio teocriteo, dove non solo vi è la similitudine tra la dolcezza del canto e i suoni della natura, ma ancor più il paragone tra il canto dei pastori e quello di Pan ? Quasi in contrasto con la scelta stessa di cantare la campagna come luogo lontano dalla storia e dai suoi turbamenti, e più di quanto possano fare le allusioni virgiliane o le complicate allegorie medievali, lo Strozzi riesce a muoversi verso la modernità e il destino del genere bucolico nelle sue declinazioni diverse (in Italia soprattutto in volgare)68 proprio restituendo a questa poesia il suo carattere di occasionalità e la sua natura effimera, che Teocrito – il suo ‘inventore’ – le aveva dato.

  • 69  Nella seconda metà del Quattrocento, dopo l’esperienza della scuola ferrarese e la fortuna della p (...)

61L’indagine dovrà estendersi ben oltre i confini della scuola guariniana, dalla quale abbiamo ingiustamente escluso proprio Matteo Maria Boiardo (che però – a differenza dei suoi compagni – ha avuto la fortuna di un editore moderno), ma i dati fin qui raccolti, oltre a confermare quanto detto a suo tempo da Tissoni Benvenuti sulla conoscenza di Teocrito a Ferrara e non solo, devono far riflettere sull’oggetto particolare di queste ricerche : abbiamo trovato il fantasma di Teocrito evocato tante volte, ma lì dove non appariva la sua presenza era – a mio parere – più forte69.

Notes

1  A. Tissoni Benvenuti, « La restauration humaniste de l’églogue : l’école guarinienne à Ferrare », Le genre pastoral en Europe du XVe au XVIIe siècle. Actes du colloque international tenu à Saint-Étienne du 28 septembre au 1er octobre 1978, Paris, Université de Saint-Étienne, 1980, p. 29 (p. 25-34) ; cf. inoltre A. Tissoni Benvenuti, « Schede per una storia della poesia pastorale nel secolo XV : la scuola guariniana a Ferrara », In ricordo di Cesare Angelini. Studi di letteratura e filologia, a cura di F. Alessio e A. Stella, Milano, Il Saggiatore, 1979, p. 96-131 e M. P. Pillolla, « Il Corpus teocriteo nel Quattrocento : Le Monodiae super obitum Mermeri di Rinuccio d’Arezzo », Maia, 48, 1996, p. 189-214.

2  Th. G. Rosenmeyer, The Green cabinet. Theocritus and the European Pastoral Lyric, Berkeley and Los Angeles, University of California Press, 1969.

3  E. Carrara, La poesia pastorale, Milano, Vallardi, 1905.

4  Si segnala, tra i pochi interventi volti a colmare questa lacuna, con un interesse però spostato tra la fine del XV e la prima metà del XVI secolo : La poesia pastorale nel Rinascimento, a cura di S. Carrai, Padova, Antenore, 1998.

5  Spedita da Costanza il 1417 per annunciare la scoperta di un volume integro delle Institutiones di Quintiliano, si legge in Poggio Bracciolini, Epistolarum familiarum libri, a cura di H. Harth, Firenze, Olschki, 1984, p. 153-6, e in traduzione italiana in Prosatori latini del Quattrocento, a cura di E. Garin, Milano-Napoli, Ricciardi, 1952, p. 240-6.

6  In particolare mi riferisco a Serv. Buc., Proem. (ed. Thilo, p. 4). Sui commentatori antichi di Virgilio cf. G. Thilo, « Praefatio », Servii Grammatici qui feruntur in Vergilii carmina commentarii, rec. G. Thilo et H. Hagen, Leipzig, Teubner, 1881, vol. I, p. III-XCVI e S. Timpanaro, Per la storia della filologia virgiliana antica, Roma, Salerno, 20022. Oggi si tende a non attribuire a Teocrito l’elaborazione consapevole di un nuovo genere di poesia se non come variazione e innovazione all’interno dell’epica : cf. D. M. Halperin, Before Pastoral : Theocritus and the Ancient Tradition of Bucolic Poetry, New Haven and London, Yale University Press, 1983 e P. Alpers, « Theocritean Bucolic and Virgilian Pastoral », Arethusa, 23, 1, 1990, p. 19-47.

7  La bibliografia sui rapporti tra Teocrito e Virgilio è immensa ; segnalo qui soltanto alcuni titoli recenti che affrontano il problema da angolature particolari : K.-H. Stanzel, « Theocrits Bukolika und Vergil », Würzburger Jahrbücher für die Altertumswissenschaft, 20, 1994-95, p. 151-66, A. Grilli, « Virgilio e Teocrito », Teocrito nella Storia della Poesia Bucolica. Atti del Convegno Nazionale, Milazzo, 7-8 novembre 1998, a cura di G. Ramires, Milazzo, Spes, 1999, p. 85-108 ; S. Hatzikosta, « How did Virgil read Theocritus ? », Myrtia, 16, 2001, p. 105-10.

8  La tradizione manoscritta di Teocrito è tutta posteriore al XIII secolo : si vedano oltre a U. von Wilamowitz-Moellendorff, Die Textgeschichte der griechischen Bukoliker, Berlin, Weidmannsche Buchhandlung, 1906, e ai numerosi saggi di Carlo Gallavotti, culminati con l’edizione Theocriti quique feruntur bucolici graeci, Roma, Accademia dei Lincei, 1946, Theocritus, edited with a translation and commentary by A. S. F. Gow, I, Cambridge, Cambridge University Press, 1952, p. XXX-LXII.

9  Si pensi a Giovanni Boccaccio che nell’incipit della lettera indirizzata a Fra’ Martino da Signa ricorda Teocrito, il poeta siracusano, come l’inventore del genere, sottolineando che non dava « significato diverso da quello che mostra la corteccia delle parole » (Giovanni Boccaccio, Epistole, a cura di G. Auzzas, Milano, Mondadori, 1992, p. 712-23) : egli si professa imitatore di Virgilio, rivendicando rispetto all’esperienza petrarchesca la scelta per uno stile più umile, ma come sappiamo – nonostante ben pochi siano gli studi specifici sul suo Bucolicum carmen – nella sostanza non si discosta dal metodo del suo amico e maestro Petrarca.

10  Cf. L. Castagna, I bucolici latini minori : una ricerca di critica testuale, Firenze, Olschki, 1976, p. 249-78 : nel tracciare la storia della fortuna delle ecloghe di Calpurnio e Nemesiano lo studioso si ferma al Boccaccio, nonostante la tradizione manoscritta riveli una intensa attività editoriale più propriamente umanistica. È notevole quanto segnalato in A. Tissoni Benvenuti, « Uno sconosciuto testimone delle ecloghe di Calpurnio e di Nemesiano », Italia Medievale e Umanistica, 23, 1980, p. 381-7.

11  Cf. G. Ponte, « Imitazione e originalità nei Carmina e nei Pastoralia del Boiardo », Rassegna della Letteratura Italiana, 65, 1961, p. 96-183 ; F. Battera, « Le redazioni dei Pastoralia del Boiardo e il modello virgiliano », Studi e problemi di critica testuale, 31, 1981, p. 63-78 ; Matteo Maria Boiardo, Pastoralia, testo, commento e traduzione di S. Carrai, Padova, Antenore, 1996 ; S. Carrai, « Dai Pastoralia alle Pastorale : l’incontro con i modelli toscani », Il Boiardo e il mondo estense nel Quattrocento, Atti del convegno internazionale di studi (Scandiano-Modena-Reggio Emilia-Ferrara, 13-17 settembre 1994), a cura di G. Anceschi e T. Matarrese, II, Padova, Antenore, 1998, p. 647-61 ; I. Merlini, « Dentro gli usati paschi, esperienze bucoliche di Matteo Maria Boiardo », Sincronie, 8, 2004, p. 153-7.

12  Merita una ricerca a parte la presenza e la convivenza di motivi elegiaci e bucolici nella poesia pastorale moderna, anche in relazione alla componente erotica, mai elegiaca, dei versi virgiliani (su cui cf. J. Perret, « L’amour romanesque chez Virgile », Maia, 17, 1965, p. 3-18 e, a proposito del rapporto con il genere elegiaco, P. Gagliardi, « Ecl. 10, 73-74 : Virgilio, Gallo e la crisi della poesia bucolica », Hermes. Zeitschrift für klassische Philologie, 139, 2011, p. 21-41).

13  M. Corti, « Il codice bucolico e l’Arcadia di Jacobo Sannazaro », Metodi e fantasmi, Milano, Feltrinelli, 1969, p. 287-8.

14  C. Vecce, « Un codice di Teocrito posseduto da Sannazaro », Le antiche e le moderne carte. Studi in memoria di Giuseppe Billanovich, a cura di A. Manfredi e C. M. Monti, Padova, Antenore, 2007, p. 597-616 e C. Vecce, « Sannazaro e la lettura di Teocrito », La Serenissima e il Regno. Nel V centenario dell’Arcadia di Iacopo Sannazaro, Bari, Cacucci 2006, p. 685-96 ; e si veda anche Th. Hubbard, « Exile from Arcadia : Sannazaro’s Piscatory Eclogues », Pastoral Palimpsests. Essays in the Reception of Theocritus and Virgil, edited by M. Paschalis, Heracleion, Crete University Press, 2007, p. 59-75.

15  Tra gli ultimi saggi che si sono occupati della datazione dell’Arcadia cf. M. Riccucci, Il Neghittoso e il Fier connubio. Storia e filologia nell’Arcadia di Jacopo Sannazaro, Napoli, Liguori, 2001 e E. Fenzi, « L’impossibile Arcadia di Iacopo Sannazaro », Per leggere, 15, 2008, p. 157-78 e in generale gli atti dei due convegni a lui dedicati : La Serenissima e il Regno. Nel V Centenario dell’Arcadia di Iacopo Sannazaro, Bari, Cacucci, 2006 e Iacopo Sannazaro. La cultura napoletana nell’Europa del Rinascimento, a cura di P. Sabbatino, Firenze, Olschki, 2009.

16  Per quest’elenco rimando, oltre che alle pagine di Remigio Sabbadini, Le scoperte dei codici latini e greci ne’ secoli XIV e XV (1905), Firenze, Le Lettere, 1996, p. 48, 53, a P. Botley, Learning Greek in Western Europe. 1396-1529. Grammars, Lexica, and Classroom Texts, Philadelphia, American Philosophical Society, 2010.

17  Su questa figura di grammatico cf. S. Bernardiniello, « Gli studi propedeutici di greco del grammatico padovano Pietro da Montagnana », Quaderni per la storia dell’Università di Padova, 9-10, 1976-77, p. 103-28 e bibliografia ivi citata e recentemente A. Porro, « La versione latina dell’Ecuba euripidea attribuita a Pietro da Montagnana », Dotti bizantini e libri greci nell’Italia del secolo XV. Atti del Convegno internazionale, Trento 22-23 ottobre 1990, a cura di M. Cortesi e E. V. Maltese, Napoli, D’Auria, 1992, p. 343-61.

18  Cf. F. Garin, « La ‘expositio Theocriti’ di Angelo Poliziano nello studio fiorentino (1482-83 ?) », Rivista di Filologia e di Istruzione Classica, 42, 1914, p. 275-82, ma anche in generale gli atti del convegno Agnolo Poliziano. Poeta scrittore filologo, Atti del Convegno Internazionale di Studi (Montepulciano, 3-6 novembre 1994), a cura di V. Fera e M. Martelli, Firenze, Le Lettere, 1998.

19  Cf. Cristoforo Landino, Scritti critici e teorici, a cura di R. Cardini, Roma, Bulzoni, 1974, con particolare riferimento alla Praefatio in Virgilio (p. 211-25). Un cenno, ma significativo, della necessità di associare alle tre opere classiche di Virgilio la lettura dei suoi modelli greci, rispettivamente Omero, Esiodo e Teocrito, si legge anche nel De ordine docendi ac studendi di Battista Guarini (a cura di L. Piacente, Bari, Adriatica, 1975, p. 150).

20  Manca ancora una voce nel Catalogus translationum et commentariorum. Nel Quattrocento furono stampate sei edizioni di cui due soltanto con il testo greco (la princeps a Milano per Bonus Accursius nel 1480-81 : cf. M. Fantuzzi, « La coscienza del medium tipografico negli editori greci di classici dagli esordi della stampa alla morte di Kallerges », Dotti bizantini, op. cit., p. 43-4 (p. 37-60) ; e la stampa curata da Aldo Manuzio, Venezia 1495-1496, per la quale cf. infra) e le altre quattro con il testo dei primi sette idilli tradotti da Martino Filetico (Roma 1482 ca., Milano 1483, Venezia 1498 ca., Venezia 1499). Oltre alla prima traduzione latina a cura di Martino Filetico, eseguita per i soli primi sette idilli e di cui si parlerà in seguito, sono note anche la versione attribuita a Pietro Montagnana nel cod. Marc. Lat. XIV 10 della Biblioteca Nazionale di Venezia, quella conservata nel cod. Laur. LXVI 31, forse connessa con il magistero di Callisto, una legata al Sannazaro (su cui cf. C. Vecce, « Un codice di Teocrito », op. cit.), un’altra – molto simile a questa – nel cod. Reg. lat. 1932 della Biblioteca Apostolica Vaticana, oltre alle numerose versioni a stampa pubblicate a partire da quella di Helius Eobanus Hessus (Francoforte 1545), sulle quali cf. O. Vox, « Introduzione », Teocrito e i poeti bucolici greci minori. Carmi, Torino, UTET, 1997, p. 47-9 (p. 9-97).

21  L’opera fu soggetta ad un lungo processo di elaborazione da parte dell’autore : composta in una prima redazione (I, II e V libro) fin dal 1447, vivo il protagonista Leonello d’Este, essa fu ultimata più di dieci anni dopo per essere dedicata a Pio II, probabilmente nel 1463 dato che si allude alla imminente partenza della crociata contro il Turco, prima della morte del Papa nel 1464. Su di lui cf. P. Viti, « Decembrio, Angelo Camillo », Dizionario Biografico degli Italiani, XXXIII, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 1987, p. 483-8.

22  « Con amarezza anche qui, dice che il gregge è del suo rivale ; in modo da mostrare le ricchezze di quello, e dire che è dura (la sua condizione), dal momento che, essendogli affidate le pecore, il suo rivale da solo può dedicarsi agli amori della comune amante ».

23  Precedentemente aveva parlato del commento di Donato a Terenzio.

24  Angelo Camillo Decembrio, De politia litteraria, Kritisch herausgegeben sowie mit einer Einführung, mit Quellennachweisen und einem Registerteil versehen von N. Witten, München-Leipzig, K. G. Saur, 2002, p. 226.

25  Per quanto riguarda il commento di Servio cf. R. Ucciero, « L’incipit della terza ecloga virgiliana nel commento di Servio », Commencer et finir. Débuts et fins dans les littératures grecque, latine et néolatine. Actes du colloque organisé les 29 et 30 septembre 2006 par l’Université Jean-Moulin-Lyon 3 et l’ENS-LSH, textes réunis par B. Bureau et Ch. Nicolas, Paris, Diffusion De Boccard, 2008, p. 111-22 e F. Despet, « Servius et l’imitation de Théocrite par Virgile : Les rapports entre l’imitation et l’allégorie », Servius et sa réception de l’Antiquité à la Renaissance, études réunies par M. Bouquet et B. Méniel, Rennes, Presses Universitaires de Rennes, 2011, p. 161-74.

26  Anche i commentatori moderni si soffermano poco su questi versi iniziali, pur sottolineando la presenza del ricordo teocriteo ; cf. Publius Vergilius Maro, Eclogues, ed. by R. Colemann, Cambridge, Cambridge University Press, 1977, p. 109-110, N. V. Clausen, A commentary on Virgil, Oxford, Clarendon Press, 1995, p. 92-3 e, recentissimo, il commento in Publio Virgilio Marone, Le Bucoliche, a cura di A. Cucchiarelli, Roma, Carocci, 2012, p. 201ss., cui rimando per una bibliografia aggiornata. Ricordo soltanto J. Farrell, « Literary Allusion and Cultural Poetics in Vergil’s Third Eclogue », Vergilius, 38, 1992, p. 64-71 ; C. Monteleone, Palaemon. L’ecloga III di Virgilio : lusus intertestuale ed esegesi, Napoli, Loffredo, 1994 ; J. G. W. Henderson, « Virgil’s third Eclogue : how do you keep an idiot in suspense ? », The Classical Quarterly, 48, 1998, p. 213-28 ; G. Mader, « Poetic Reflections in Vergil’s Third Eclogue : Two Neglected Aspects », New England Classical Journal, 35, 2008, p. 185-91.

27  La ‘lezione’ si conclude con un esempio che permette di cogliere meglio il senso della battuta di Dameta e della risposta altrettanto ironica di Menalca : Uti si quempiam aemulum vel rivalem convicio inhonestare velimus, praesertim coram rei ignaris, decoram chlamydem prae se ferentem ; interrogetur forte, an sua chlamys ea sit et unde mutuo susceperit. At ille indignabundus suaeque parti nihilominus confisus suam esse dissimulet, iactans ut a suo vel vicino mutuatum. At perseverans alter iterum suggerat : « O chlamydem infelicem pariter ac eius dominum ! Dum ille per horam amico vestem commodatam opinatur, hic totam diem vicatim iactabundus gestitat ».

28  Su Guarino Veronese e la sua scuola ancora fondamentali e insostituiti i saggi di R. Sabbadini, La scuola e gli studi di Guarino Guarini Veronese, Catania, Galati, 1896 e G. Bertoni, Guarino da Verona fra letterati e cortigiani a Ferrara (1429-1460), Ginevra, Leo S. Olschki, 1921, cui aggiungerei per un aggiornamento bibliografico G. Pistilli, « Guarini, Guarino », Dizionario Biografico degli Italiani, LX, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2003, p. 357-69.

29  Se cerchiamo nell’epistolario di Guarino tracce di una lettura di Teocrito, attenendoci ai riferimenti espliciti trovati a suo tempo dal Sabbadini ci imbattiamo – è vero – in ben quattro occorrenze, ma si tratta sempre dello stesso emistichio : Theocr. VI 18-9, in traduzione latina (Nam formosa quidem quae sunt deformia saepe / censet amor, Polypheme Cyclops ; che il Filetico tradurrà Nec mirum Polypheme tibi, nam turpia saepe / Saepe sub ingenti formosa videntur amore), viene citato in una lettera del 1415 indirizzata al medico Giannino Corradino, in un’altra a Ugo Mazzolato, probabilmente dello stesso anno, e ancora in una del 1427 ad Alberto de la Sala, e nel 1453 in una lettera a Giovanni Tortelli (questa volta in greco). Cf. Epistolario di Guarino Veronese, a cura di R. Sabbadini, Venezia, a spese della R. Deputazione Veneta di Storia Patria, 1916-19, I, p. 78, 84, 689 e II, p. 610. Analogamente Francesco Filelfo in una lettera a Pietro Perleone del 1450 riportava testo greco e traduzione di Theocr. IV 41-3 per confortare l’amico sfortunato (Fidere Batte decet, melius cras forsan habebit / Sperandum est vivis, non est spes ulla sepultis / Nunc pluit et clarus nunc Iupiter aethere surgit ; cf. Franciscus Philelphus, Epistulae, Venezia, Vindelinus de Spira, 1473, fol. oiiir). Sulla presenza di Teocrito nelle pagine del Filelfo cf. A. Calderini, « Intorno alla biblioteca e alla cultura greca di Francesco Filelfo », Studi italiani di Filologia classica, 20, 1913, p. 399-400 (p. 204-424).

30  Per una interpretazione di questo idillio e per la bibliografia pregressa rimando a O. Vox, « Il contrasto di Batto e Coridone nell’idillio IV di Teocrito », Materiali e discussioni per l’analisi dei testi classici, 15, 1985, p. 173-8 e la noticina di M. Paschalis, « Battus and βατος. Word-play in Theocritus’ fourth Idyll », Rheinisches Museum für Philologie, 134, 1991, p. 205.

31  Il Filetico tradusse soltanto i primi sette idilli e – come giustamente è stato osservato – attinse probabilmente all’edizione teocritea di Moscopulo : cf. C. Gallavotti, « L’edizione teocritea di Moscopulo », Rivista di filologia e di istruzione classica, 62, 1934, p. 349-69 e quindi Theocritus quique feruntur bucolici graeci, op. cit., p. 273-9. Concetta Bianca ipotizza che il codice di riferimento fosse il ms. Urb. gr. 140 della Biblioteca Apostolica Vaticana, che l’umanista avrebbe potuto consultare comodamente ad Urbino : cf. C. Bianca, « Filetico, Martino », Dizionario Biografico degli Italiani, XLVII, Roma, Istituto dell’Enciclopedia Italiana, 1997, p. 636 (p. 636-40).

32  Cf. E. Dell’Oro, « Il ‘de poetis antiquis’ di Martino Filetico », Orpheus, 4, 1983, p. 427-43 ; Martino Filetico, Iocundissimae disputationes, a cura di G. Arbizzoni, Modena, Panini, 1992 ; G. Arbizzoni, « Note su Martino Filetico traduttore di Teocrito », Studi umanistici piceni, 13, 1993, p. 25-31 ; C. Bianca, « Filetico, Martino », op. cit. ; Martini Philetici In corruptores latinitatis, a cura di M. A. Pincelli, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2000.

33  Martino Filetico, Iocundissimae disputationes, op. cit, p. 100, 102.

34  Qui e in seguito il testo di Teocrito è citato da Teocrito e i poeti bucolici greci, op. cit. : si è scelto di evitare in questa sede un confronto pedissequo con i versi greci, dal momento che questo andrebbe fatto sempre valutando caso per caso il testo presente all’autore del Quattrocento e non quello stabilito dai filologi classici oggi.

35  Ibid., p. 104.

36  Converti hos ego, regina omni cultu dignissima quae non obscuro sermone disertissima Musarum alumna dici potes, magis ut quorundam meorum obsequerer voluntati, quam quod scirem meis carminibus assequi posse Theocriti suavitatem quam possumus admirari potius quam imitari. Nemo est mortalium omnium qui non eius dulcedine obstupescat : così esordisce il Filetico (Iocundissimae disputationes, op. cit., p. 102).

37  Sulle traduzioni umanistiche in generale rimando a L. Gualdo Rosa, « Le traduzioni dal greco nella prima metà del 400 : alle radici del classicismo europeo », Hommages à Henry Bardon, par M. Renard et P. Laurens, Bruxelles, Latomus, 1985, p. 177-93 e ai recenti contributi di M. R. Cortesi, « La tecnica del tradurre presso gli umanisti », The Classical Tradition in the Middle Ages and in the Renaissance, Proceedings of the first European Science Foundation Workshop on « The Reception of Classical Texts » (Florence, Certosa del Galluzzo, 26-27 june 1992), edited by C. Leonardi and B. Munk Olsen, Spoleto, Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo, 1995, p. 143-68, M. Pade, « Niccolò Perotti and the ars traducendi », Sol et Homo. Mensch und Natura in der Renaissance. Festschrift zum 70. Geburtstag für Eckhard Kessler, hrg. von S. Ebbersmeyer, H. Pirner-Pareschi, Th. Rickkin, München, Wilhelm Fink, 2008, p. 79-100 e M. Marassi, « Leonardo Bruni e la teoria della traduzione », Studi umanistici piceni, 29, 2009, p. 123-41.

38  La traduzione del Filetico si cita dall’ed. princeps (Theocritus, Idyllia septem, Roma, Eucharius Silber, 1482 [?] : ISTC it00146000, d’ora in poi Ro), correggendo tuttavia gli errori evidenti, anche e soprattutto nell’attribuzione delle battute, grazie al confronto con il ms. Urb. Lat. 369 (d’ora in poi U). Di questa redazione esiste un’altra copia in un manoscritto appartenuto a Johannes Sambucus (Wien, Österreichische Nationalbibliothek, 9977, fol. 123r-142r) : cf. Tabulae codicum manu scriptorum praeter graecos et orientales in Bibliotheca Palatina Vindoboniensi asservatorum, Wien, Gerold, 1864-99, VI, p. 122 (p. 117-23). La prima versione della traduzione, tramandata dal ms. Padova, Biblioteca del Seminario, 84 è in verità in alcuni luoghi più fedele all’originale greco : rimando ad altra occasione il confronto puntuale tra le due redazioni.

39  La traduzione è di Onofrio Vox (Teocrito e i poeti bucolici greci, op. cit.).

40  Nel ms. padovano i due primi versi recitano : Fare mihi Coridon, cuium pecus ? anne Philondae ? / Non verum Aegonis. Mihi pascere tradidit Aegon (fol. 13v).

41  BA (per Battus) U] CA Ro.

42  BA (per Battus) U] om. Ro.

43  optant] optat Ro, U.

44  Come ricordava Servio (Aen. II 99) : Arma [...] sunt instrumenta cuiuslibet rei : unde et insidiantis fraudes ‘arma’ nominavit. Come strumenti agricoli si trovano in Verg. Georg. I 160 e Ov. Met. XI 35. Cf. TLL, II, p. 590. Se ne ricorderà Petrarca in RVF 50, 18.

45  L’indagine andrebbe estesa a tutte e sette gli idilli, cosa che mi riservo di fare in altro luogo.

46  Coridon] om. Ro, U.

47  Battus] om. Ro, U.

48  perque deos U] proque deus Ro.

49  durissimam] durissimum Ro, U.

50  Cf. A. Tissoni Benvenuti, « Schede per una storia », op. cit., p. 118-9.

51  Baptista Guarinus, Poema divo Herculi Ferrariensium Duci dicatum, Modena, Dominicus Rocociolus, 18 sept. 1496 (ISTC ig00531000) : non esistono a tutt’oggi studi specifici su questa raccolta, oltre alle pagine in A. Franzoi, « La traduzione greco-latina nell’Umanesimo : Battista Guarino », Annali dell’Università di Ferrara, n. ser., V, 1980, p. 123-37, A. Franzoi, « Battista Guarino e il ‘Poema Divo Herculi’ », Annali dell’Università di Ferrara, 8, 1983, p. 151-61 e alla tesi di dottorato di F. Fucile, Per l’edizione dei Carmina di Battista Guarini, Messina 1995. Cf. inoltre V. Fera, « Polemiche filologiche intorno allo Svetonio del Beroaldo », The Use of Greek and Latin. Historical Essays, a cura di A. C. Dionisotti, A. Grafton and J. Kraye, London, The Warburg Institute/University of London, 1988, p. 71-87, la tesi di dottorato di Caterina Malta, Giovenale tra Guarino e Battista Guarini, Messina 1991 e i numerosi saggi dedicati a Battista da Luigi Piacente, con particolare attenzione alla sua carriera di docente, tra i quali l’edizione Battista Guarini, De ordine docendi ac studendi, op. cit. e Battista Guarini, Opuscula, Bari, Adriatica, 1995. Per una bibliografia aggiornata si rimanda a G. Pistilli, « Guarini, Battista », Dizionario Biografico degli italiani, LXVI, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, 2003, p. 339-45, cui si aggiunge C. Vasoli, « Note su Battista Guarino e il De ordine docendi ac studendi », Schifanoia, 26/27, 2004, p. 127-36.

52  Theocritus, Idyllia, Theognis, Dionisius Cato, Disticha, Sententiae septem sapientium, De invidia, Hesiodus, Opera et dies, Theogonia, Venetiis, Aldus Manutius, 1495 (ISTC it00144000). La prima fu quella milanese di poco antecendente alla pubblicazione della traduzione del Filetico del tipografo Bono Accursio ; cf. n. 18.

53  Si tratta nello specifico del carme Praeconium Veneris super fugitivo Cupidine, fol. biir-biiir (riscrittura dell’Eros fuggitivo di Mosco).

54  Cf. H. Omont, « Les Manuscrits grecs de Guarino de Vérone et la Bibliothèque de Ferrare », Revue des Bibliothèques, 2, 1892, p. 78-81.

55  A. Franzoi, « La traduzione greco-latina nell’Umanesimo », op. cit., p. 135.

56  Qui e in seguito il testo viene citato dalla princeps del 1496. La tradizione manoscritta è del resto molto scarsa, anche se – come già segnalava Marina Lazzari e ha ribadito Fabrizio Fucile – contiene una redazione leggermente diversa e forse precedente ; essa è costituita di fatto dai mss. Milano, Biblioteca Ambrosiana, O 23 sup., Perugia, Biblioteca comunale, I 114 e Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, Lat. XII, 135.

57  Sembra evidente una paretimologia da τράγος, hircus, e quindi una variante comica (tragilus funzionerebbe come un vezzeggiativo) dell’αἰπόλος, il capraio di Teocrito.

58  Diventata in italiano un modo di dire (pelle e ossa) questa espressione è attestata in volgare a partire dalla fine del Quattrocento (cf. S. Battaglia, Grande dizionario della lingua italiana, XII, Torino, Utet, 1984, p. 958) ; nella poesia latina del XV secolo il sintagma pellis et ossa è presente in Antonio Beccadelli (Hermaphtroditus II 36, 50, ed. Coppini, p. 136).

59  Per questi versi cf. la traduzione di Francesco Filelfo, n. 26.

60  A. Della Guardia, Gaspare Tribraco de’ Trimbocchi, maestro modenese della IIa metà del secolo XV, Modena, Società Tipografica Modenese, 1910 ; G. Venturini, Un umanista modenese nella Ferrara di Borso d’Este : Gaspare Tribraco, Ravenna, A. Longo editore, 1970 ; G. Venturini, « Nota critica intorno alla vita e all’opera dell’umanista Gaspare Tribraco », Critica letteraria, 3, 1975, p. 740-64 ; G. Venturini, « Gaspare Tribraco e la rinascita dell’ecloga in Italia », Giornale filologico ferrarese, 1, 1978, p. 15-22 ; Gaspare Tribraco, « Il Bucolicon carmen », a cura di G. Venturini, Giornale filologico ferrarese, 1, 1978, p. 95-107 (Ecloga I), 2, 1979, p. 15-20 (Ecloga II), p. 59-63 (Ecloga III), p. 83-7 (Ecloga IV), p. 115-9 (Ecloga V), 3, 1979, p. 19-24 (Ecloga VI), p. 53-6 (Ecloga VII), p. 79-82 (Ecloga VIII) ; A. Tissoni Benvenuti, « Schede per una storia della poesia pastorale », op. cit., p. 120-3 ; G. Venturini, « Il ‘Triumphus’ in onore di Borso d’Este di Gaspare Tribraco », Bollettino di notizie e ricerche da archivi e biblioteche. Comune di Ferrara, 6, 1983, p. 5-19 ; G. Venturini, « Le elegie di Gaspare Tribraco del codice Bevilacqua », Bollettino di notizie e ricerche da archivi e biblioteche. Comune di Ferrara, 8-9, 1985-86, p. 7-38 ; B. Pozuelo, « Méthodologie pour l’analyse des satires formelles néo-latines », La satire humaniste. Actes du Colloque international des 31 mars, 1er et 2 avril 1993, éd. R. De Smet, Bruxelles, Peeters Press, 1994, p. 38-41 (p. 19-48).

61  Il numero potrebbe rimandare alle sette ecloghe di Calpurnio o alla circolazione dell’edizione di sette idilli teocritei, poi tradotti da Filetico. Il Venturini, nella sua edizione, uscita frammentariamente sul Giornale filologico ferrarese, ma priva della correttezza e del rigore dovuti, pubblica come VIII ecloga una redazione diversa della VII, che è quella di contenuto encomiastico.

62  Oltre al topos del canto come remedium amoris, si possono rilevare, nonostante appartengano anche al mediatore latino, corrispondenze tra il v. 7 di Teocrito (ὡρχαῖος Πολύφαμος) e i v. 16-7 del Tribraco, dove si parla di un pastor siculus che l’antiqua vetustas dixit Polyphemum ; e ugualmente l’ibat ad undas aequoris dei v. 23-4 potrebbe essere un richiamo diretto dei v. 13-4 ὃ δὲ τὰν Γαλάτειαν ἀείδων / αὐτὸς ἐπ’ἀιόνος κατετάκετο φυκιοὲσσας.

63  Non è un caso che i contenuti delle altre ecloghe si rivelino metodologicamente più vicini alla vecchia scuola allegorica e biografica petrarchesca.

64  Tra i titoli che lo riguardano, oltre al fondamentale R. Albrecht, Tito Vespasiano Strozza. Ein Beitrag zur Geschichte des Humanismus in Ferrara, Leipzig, Teubner Verlag, 1891 e alle edizioni Tito Vespasiano Strozzi, Poesie latine tratte dall’aldina e confrontate coi codici, a cura di A. Della Guardia, Modena, Biondi & Parmeggiani, 1916, Tito Vespasiano Strozzi, Borsias (fragmenta), Bucolicon liber, ediderunt J. Fogel et L. Juhasz, Leipzig, Teubner, 1933, Die Borsias des Tito Strozzi. Ein lateinisches Epos der Renaissance, Erstmals herausgegeben, eingeleitet und kommentiert von W. Ludwig, München, Wilhelm Fink, 1977, tra i contributi più recenti si vedano : B. Charlet-Mesdjian, « Art et poésie dans l’Eroticon de T. V. Strozzi », Lettere e arti nel Rinascimento. Atti del X congresso internazionale (Chianciano-Pienza, 20-23 luglio 1992), Firenze, Franco Cesati, 2000, p. 105-13 ; B. Charlet-Mesdjian, « La réception de Tito Vespasiano Strozzi en Europe », Rapporti e scambi tra umanesimo italiano e umanesimo europeo. « L’Europa è uno stato d’animo », a cura di L. Rotondi Secchi Tarugi, Milano, Nuovi Orizzonti, 2001, p. 563-74 ; I. Pantani, « La fonte di ogni eloquenzia ». Il canzoniere petrarchesco nella cultura poetica del Quattrocento ferrarese, Roma, Bulzoni, 2002 ; A. Tissoni Benvenuti, « Boiardo elegiaco e Tito Vespasiano Strozzi », L’elegia nella tradizione poetica italiana, a cura di A. Comboni e A. Di Ricco, Trento, Dipartimento di Scienze Filologiche e Storiche, 2003, p. 81-102 ; C. Cazzola, « Per una lettura degli epigrammi latini di Tito ed Ercole Strozzi per Lucrezia Borgia », Schifanoia, 26/27, 2004, p. 7-37 ; A. Tissoni Benvenuti, « Prime indagini sulla tradizione degli ‘Eroticon Libri’ di Tito Vespasiano Strozzi », Filologia Italiana, 1, 2004, p. 89-112 ; S. Carrai, « Poliziano e Tito Vespasiano Strozzi », Laurentia Laurus. Per Mario Martelli, a cura di F. Bausi e V. Fera, Messina, Centro Interdipartimentale di Studi Umanistici, 2004, p. 279-85 ; B. Beleggia, « Echi petrarcheschi negli ‘Eroticon libri’ di Tito Vespasiano Strozzi », Il Petrarchismo. Un modello di poesia per l’Europa, vol. II, Roma, Bulzoni, 2006, p. 553-68 ; B. Charlet-Mesdijan, « T. V. Strozzi », Centuriae Latinae II, Cent une figures humanistes de la Renaissance aux Lumières à la mémoire de Marie-Madeleine de La Garanderie, Genève, Droz, 2006, p. 779-85 ; Ead., « Tito Vespasiano Strozzi et Janus Pannonius: un commerce poétique au sein de la Res publica litterarum », Hercules Latinus, Debrecen, Societas Neolatina Hungarica, 2006, p. 41-53 ; Ead., « La poésie familiale dans l’ouvre élégiaque de Tito Vespasiano Strozzi », Anagnorismos. Studi in onore di Hermann Walter per i 75 anni, a cura di N. Agapiou, Bruxelles, Maison d’Érasme, 2009, p. 151-166 ; Ead., « Vie privée et vie publique dans l’œuvre non épique de T. V. Strozzi », Vita pubblica e vita privata nel Rinascimento, Firenze, Franco Cesati, 2010, p. 121-131 ; Ead., « L’épicède de Tito Strozzi par son fils Ercole », Studi umanistici piceni, 31, 2011, p. 149-65. Manca comunque uno studio sulle tre ecloghe latine a lui attribuite, per le quali cf. A. Tissoni Benvenuti, « Schede per una storia della poesia », op. cit., p. 113-8 e C. Corfiati, « Il canto di Albico : Tito Vespasiano Strozzi poeta bucolico », Le forme della poesia. VIII Congresso dell’ADI, Associazione degli Italianisti italiani (Siena 22-25 settembre 2004), a cura di R. Castellana e A. Baldini, Siena, Betti, 2006, p. 53-8.

65  C. Corfiati, « Il canto di Albico : Tito Vespasiano Strozzi poeta bucolico », op. cit.

66  In verità si potrebbe sospettare, e sarebbe interessante verificarlo, la conoscenza da parte dello Strozzi dello Streitgedicht sulle stagioni dell’anno presente in un frammento attribuito a Bione, su cui cf. M. Fantuzzi, « Imitazione teocritea e innovazione nella poesia bucolica post-teocritea », Teocrito nella storia, op. cit., p. 61-83 e Teocrito e i poeti bucolici greci, op. cit., p. 468-9.

67  Qui e in seguito si cita dall’ed. curata da Anita Della Guardia (Poesie latine tratte dall’aldina, op. cit.).

68  Notevole a questo proposito l’osservazione fatta a suo tempo da Giacomo Leopardi (Zibaldone di pensieri [57], a cura di F. Flora, I, Milano, Mondadori, 1949, p. 86) : « I nostri veri idilli teocritei non sono né le egloghe del Sanazzaro né ec. ec. ma le poesie rusticali come la Nencia, Cecco da Varlungo ec. bellissimi e similissimi a quelli di Teocrito nella bella rozzezza e mirabile verità, se non in quanto sono più burleschi di quelli che pur di burlesco hanno molto spesso una tinta » (ripresa in D. De Robertis, « Due altri testi della tradizione nenciale », Studi di Filologia italiana, 25, 1967, p. 109-53).

69  Nella seconda metà del Quattrocento, dopo l’esperienza della scuola ferrarese e la fortuna della pastorale in volgare, la traduzione del Filetico ebbe una circolazione a stampa maggiore rispetto al testo greco, e anzi proprio su questa versione latina fu pubblicato il primo blando commento di Teocrito di Iodocus Badius Ascensius, intellettuale formatosi alla scuola di Battista a Ferrara, e docente e imprenditore editoriale a Lione prima e poi a Parigi. E anche se questo volume del 1510 (Theocriti siracusani Bucolicum seu potius Aepolicum carmen, in suo stilo disertissimum et utcumque a Philetico traductum. Atque quampaucissimis ab Ascensio elucidatum. Parrhisiis in vico Sancti Iacobi sub Leone Argenteo, Et in aedibus Ascensianis, ad quartum Calendas Octobris anni MDX) è molto raro in Italia, dove dagli inizi del XVI secolo le edizioni in greco si moltiplicano significativamente, la vicenda in sé non può che confermarci sulla difficoltà e la lentezza del processo di riscoperta del poeta siracusano nel contesto europeo.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Claudia Corfiati, « Il fantasma di Teocrito », Cahiers de recherches médiévales et humanistes, 25 | 2013, 295-326.

Référence électronique

Claudia Corfiati, « Il fantasma di Teocrito », Cahiers de recherches médiévales et humanistes [En ligne], 25 | 2013, mis en ligne le 30 juin 2016, consulté le 29 avril 2017. URL : http://crm.revues.org/13100 ; DOI : 10.4000/crm.13100

Haut de page

Auteur

Claudia Corfiati

Università degli studi di Bari

Haut de page

Droits d’auteur

© Cahiers de recherches médiévales et humanistes

Haut de page
  • Logo Classiques Garnier
  • Revues.org