Navigation – Plan du site
Brunetto Latini, un notaire savant

La didattica fondante di Brunetto Latini

Una lettura del Tesoretto
Rita Librandi
p. 156-172

Résumés

L’article partage les positions les plus récentes sur la postériorité du Tesoretto par rapport au Tresor et il veut souligner les différentes intentions communicatives de l’œuvre en vers. Le Tesoretto s’adresse à un public laïque plus ample en favorisant son instruction ; il se sert donc d’une exposition et d’une langue plus captivantes, qui accentuent les caractères narratifs de la vision et les stratégies textuelles avec des fins didactiques. Malgré cela, les vers sont caractérisés par un lexique scientifique et philosophique qui, en beaucoup de cas, n’avait pas encore été utilisé dans la langue vulgaire. La poésie didactique en langue vulgaire, en effet, s’était jusque-là concentrée sur les sujets religieux, tandis que le Tesoretto concerne aussi la composition physique du monde. Avec le petit poème Brunetto Latini établit un nouveau genre et une nouvelle terminologie tout en compensant ainsi l’œuvre de son inachèvement artistique.

Haut de page

Texte intégral

Presentazione

  • 1  R.-H. Jauss, « Brunetto Latini als allegorischer Dichter » [1964], Id., Alterität und Modernität d (...)
  • 2  K. Vosller, Die Göttliche Kömodie, 2a ed., Heidelberg, Carl Winter Universitatsbuchhandlung, 1925, (...)
  • 3  Jauss riprendeva tratti e rilevanza dello stile caleidoscopico da L. Spitzer, Romanische Literatur (...)

1Molti studi hanno indotto già da tempo a non leggere più il Tesoretto in dipendenza dalla Commedia, e hanno spinto piuttosto a rivalutarne qualità e originalità rispetto alla tradizione della poesia didattica. Un contributo essenziale è stato dato dal saggio di Hans Robert Jauss1, che alla fine degli anni Settanta ha ribaltato il giudizio prevalente della critica, contestando le osservazioni di chi, come Karl Vossler, aveva ridotto il poemetto a poco più di un centone dipendente ora dal De consolatione di Boezio, ora dal Planctus Naturae e dall’Anticlaudianus di Alain de Lille, ora dal Roman de la Rose di Guillaume de Lorris2. Jauss vide, al contrario, proprio nella natura apparentemente ibrida del testo la fonte della sua novità. Brunetto aveva innovato la letteratura didascalica grazie alle presentazioni multiformi della materia e allo stile « caleidoscopico »3 che in più punti aveva superato l’efficacia dei modelli.

  • 4  È l’introduzione all’ed. da cui si cita : Brunetto Latini, Tesoretto, Poeti del Duecento, a cura d (...)
  • 5  Non sono di aiuto, al contrario, come rileva Beltrami, i riferimenti interni fra le due opere, in (...)

2Nel saggio di Jauss, d’altro canto, si continua a considerare la data di composizione del Tesoretto anteriore a quella del Tresor e, nonostante le giuste osservazioni sulla nuova prospettiva in cui è posta la materia didattica, ciò ha impedito di riconoscere l’adeguamento consapevole cui Brunetto aveva sottoposto alcuni contenuti enciclopedici, piegandoli a scopi, destinatari e tipologie testuali differenti. Gianfranco Contini aveva cautamente proposto di risolvere la questione pensando a una coincidenza nei tempi di stesura delle due opere, a « uno svolgimento contemporaneo, magari per intermittenza, d’un medesimo assunto »4. Le considerazioni più convincenti, tuttavia, sulla posteriorità del poemetto rispetto alla grande opera in francese sono state svolte da Pietro Beltrami, che pone come limite cronologico superiore del Tesoretto lo stesso del Tresor e della Rettorica, ovvero il 4 settembre 1260, data della battaglia di Montaperti, ma ne sposta il limite inferiore al 1273-1274. La nuova demarcazione temporale si fonda sulla data di incoronazione di Rodolfo d’Asburgo (1273), che aveva tolto ad Alfonso X la speranza di divenire imperatore, impedendo a Brunetto di definirlo « re di Spagna » e « della Magna » che « la corona atende » (v. 125-27). Al di là dell’esatta data di composizione, del resto, è più importante rilevare il rapporto di posteriorità con il Tresor, per il quale Beltrami fornisce motivazioni efficaci, fondate sulla palese dipendenza di almeno due luoghi del Tesoretto dal francese della grande enciclopedia e sulla revisione di contenuti o di fonti, come le Sentenze di Isidoro o il libro della Genesi, spiegabili solo con una successiva composizione dell’opera in versi5.

  • 6  Lo studioso appoggia tuttavia con molte argomentazioni la tesi di chi ritiene Jean de Meung autore (...)
  • 7  A ciò sarebbe da ricondurre anche « il polivalente ruolo assunto dal personaggio di Natura che sem (...)

3La postdatazione del Tesoretto ha rappresentato un assunto anche per alcuni studi più recenti sulle sue fonti e sulla loro rilevanza nella costruzione delle allegorie : Luciano Rossi, in particolare, rileva affinità importanti non solo con la prima parte del Roman de la Rose, generalmente attribuita a Guillaume de Lorris, ma anche con la seconda, il cui autore, Jean de Meun, indirizza finalità, intenzioni e genere compositivo dell’opera di Brunetto6. Il Tesoretto, cioè, « ben diversamente dai modelli latini del secolo precedente, pretende di collocarsi su un versante molto simile » a quello del Roman de la Rose, « primo romanzo insieme ‘filosofico’ e ‘polifonico’ moderno »7. La discussione sui rapporti tra Brunetto e Jean de Meun così come l’esatta datazione del poemetto esulano dalle finalità di questo lavoro, ma acquistano rilevanza e si legano tra loro tanto la posteriorità dell’opera in versi rispetto al Tresor quanto la volontà dell’autore di strutturare il testo in funzione di una una più efficace comunicazione didattica nel volgare di Firenze.

4L’anteriorità del Tresor si conferma anche al confronto diretto tra i pochi passi che coincidono vistosamente nelle due opere e che stranamente non sono mai stati analizzati né per verificare l’esistenza di un procedimento di traduzione dal francese, eventualmente condizionato dall’anteriorità del testo in prosa, né per esaminare interventi espositivi e stilistici, guidati tanto dalla tipologia testuale quanto, e ancor più, dalle nuove intenzioni comunicative (cfr. § 2). Proprio queste ultime, infatti, sembrano giustificare molte scelte espositive del Tesoretto, separate da quelle del Tresor ma spesso vicine a quelle della prosa enciclopedica in volgare che di lì a poco sarebbe apparsa a Firenze e in Toscana.

5In rapporto all’insegnamento dell’enciclopedia in francese non mutano i destinatari ma la percezione che ne possiede il maestro ; la sua parola diviene, nell’opera in versi, più didascalica ma al tempo stesso più accattivante. Insieme al tono perentorio acquistato da alcuni passaggi cresce, infatti, il desiderio di catturare il lettore laico e ignaro di latino attraverso strategie di coinvolgimento che esaltano la condivisione di conoscenze e favoriscono la memoria delle nuove nozioni (cfr. § 3)

6Divulgazione e semplicità didattica non si traducono, d’altro canto, in approssimazione ; quasi come i primi predicatori domenicani il volgare trasmette una basilare educazione religiosa, ma fornisce anche i semi di un sapere elevato e diffonde una terminologia colta e spesso ignota. Si suole pensare alla Composizione del mondo (1282) di Ristoro d’Arezzo come al primo testo di natura enciclopedica che, rielaborando testi latini e arabi, introduce in volgare una cospicua dose di lessico scientifico. In molti casi, tuttavia, il Tesoretto anticipa la fondazione di una terminologia tecnica. Fino a quel momento, infatti, la poesia didattica in volgare si era concentrata sui temi edificanti del sentire religioso o del retto comportamento, laddove l’opera di Brunetto si estende, sia pure rapidamente, alla costituzione del mondo. Ciò favorisce l’ingresso di un lessico specifico nel volgare fiorentino ed esalta il valore fondante del poemetto (cfr. § 4).

Adeguamenti testuali

  • 8  P. Beltrami, « Tre schede sul Tresor », op. cit., p. 127-33.

7L’ordine espositivo delle scienze seguito nel Tresor (teorica, pratica, logica) altera la disposizione datane nella Rettorica (pratica, logica, teorica). In entrambi i casi, in realtà, l’interesse principale dell’autore, come osserva Beltrami8, si focalizza sulla pratica, che comprende tutte le scienze dell’agire umano, quali l’etica, la politica e l’economia. L’ordine dato nell’enciclopedia, pertanto, ponendo al primo posto la teorica, che include teologia, fisica e matematica, fornisce quasi un’introduzione al nucleo essenziale del trattato. La diversa natura del Tesoretto, e soprattutto il procedere per allegorie, consiglia cautela nel confrontare la disposizione della materia con quella del Tresor, ma è difficile non osservare che anche il viaggio descritto nel poemetto si avvia con gli argomenti della teorica. L’ingresso nel regno di Natura, infatti, consente di descrivere, nella prima parte dell’opera (v. 191-1124), le fasi della creazione e la costituzione dell’universo, privilegiando, tra le componenti della teorica, la teologia e la fisica. Lo spazio destinato a quest’ultima (v. 617-1124) è lievemente più ampio di quello assegnato alla genesi del mondo (v. 321-616) e non per nulla l’ingresso del personaggio Natura è annunciato con espressioni analoghe a quelle usate nei capitoli iniziali del Tresor per indicare i contenuti della fisica :

  • 9  Si cita dall’ed. a cura di P. Beltrami, P. Squillacioti, P. Torri, S. Vatteroni, cit.

La seconde est fisique, par cui nos savons la nature des choses qui ont cors et conversent entre les [cor]por[au]s choses, c’est a dire des homes et de bestes, des oiseaus, des poissons, des plantes et des pierres et des autres corporels choses qui sont entre nos (I.3.3)9 ;
   

Ma tornando a la mente, / mi volsi e posi mente / intorno a la montagna ; / e vidi turba magna / di diversi animali, / che non so ben dir quali : / ma omini e moglieri, / bestie, serpent’e fiere / e pesci a grandi schiere, / e di molte maniere / ucelli voladori, / ed erbi e frutti e fiori, e pietre e margarite / che son molto gradite, / e altre cose tante (v. 191-205).
   

  • 10  Cf., su questi aspetti dell’enciclopedismo, B. Ribémont, De natura rerum. Études sur les encyclope (...)

8Il passo del Tesoretto èun’anticipazione dell’imminente descrizione dell’universo, condizionata dalla stessa personificazione di Natura che instrada il cammino del poeta lungo la « selva diversa » in cui si è imbattuto. Se questo luogo dalle configurazioni molteplici combacia, come è stato più volte osservato, con il regno stesso della natura, l’insieme dei luoghi che attraverserà il personaggio Brunetto coincide con l’insieme del sapere umano. L’autore lo ripercorre per tappe e aggiunte successive, secondo le tecniche ben consolidate dell’enciclopedismo medievale10, che non sono abbandonate neppure nella trasfigurazione allegorica. In entrambi i testi, come si vede, per segnalare le componenti dell’universo fisico, sono puntualmente elencate le grandi categorie degli esseri animati, delle piante e dei minerali ; presentati come oggetti di studio nel primo caso e come visione da cui trarre conoscenza nel secondo. Nei pochi passaggi confrontabili tra i due testi, infatti, l’adeguamento testuale è spesso segnato, oltre che dalle ovvie esigenze del verso, dalla necessità di consegnare alla vista il tramite più affidabile per apprendere e insegnare. Fin dalla prima introduzione nel regno di Natura, le principali componenti dell’universo fisico sono presentate ed elencate così come appaiono alla vista (« e vidi turba magna ») del viaggiatore. Conclusa l’introduzione con cui ha già circoscritto alcuni oggetti del suo insegnamento, passa subito a rappresentare i modi della loro configurazione, favorendo così l’ingresso di Natura e il successivo racconto della creazione. Il passaggio è confrontabile con il luogo corrispondente del Tresor in cui si descrive « l’office de nature » :

  • 11  Nelle citazioni dal Tresor uso il corsivo tra quadre per segnalare gli inserti estranei al testo c (...)

il [Deu]11 ordena la nature de chacune chose par soi, et lor establi certeins cors coment eles doivent naistre et comencer, et morir [et finer], et la force et la proprieté et la nature de chascune (I.8.1) ;
   

Ma tanto ne so dire : / ch’io le [gli esseri e le cose del mondo] vidi ubidire, / finire e cominciare, / morire e ‘ngenerare / e prender lor natura, sì come una figura / ch’i’ vidi, comandava (v. 211-15).
   

  • 12  Sulla tradizione di Natura personificata, rimane fondamentale E.R. Curtius, Europäische Literatur (...)

9Nel Tesoretto la prospettiva è ribaltata ; l’esposizione, cioè, segue l’occhio di chi descrive la propria visione, mentre il Tresor illustra con ordine rigoroso una verità di fede. Nei versi, infatti, soggetto logico delle azioni espresse dalle infintive (finire, cominciare, morire, ecc.) sono le creature dell’universo, che obbediscono alle disposizioni di Natura, una « figura » ancora ignota al personaggio Brunetto ma in grado di comandare. Nel Tresor, al contrario, le azioni partono direttamente da Dio e si compiono ricadendo su creature che fanno da semplice sfondo alla sua volontà. Si noterà, peraltro, come l’ordine naturale del divenire, rispettato nel testo francese (« naistre et comencer, et morir [et finer] »), è piegato alle esigenze poetiche del Tesoretto, che dispone in chiasmo le dittologie (« finire e cominciare, / morire e ‘ngenerare »). La diversa prospettiva dipende soprattutto dal ruolo centrale assegnato a Natura, secondo i modelli del Planctus di Alain de Lille o del De mundi universitate di Bernardo Silvestre12, ma è conseguente anche alla diversa modalità con cui la materia è presentata. Il verbo vedere ricorre due volte a brevissima distanza tra i versi che introducono le opere di Natura, da un lato per riferire quel tanto che il poeta riesce a osservare (« tanto ne so dire : ch’io le vidi »), dall’altro per dare valore testimoniale alle sue affermazioni (« una figura ch’i’ vidi, comandava »).

10Che in tal modo cambino, nel passaggio da un testo all’altro, anche le modalità didattiche lo si coglie dal confronto di un altro passo quasi trasposto dal Tresor al Tesoretto, dove la formula del maestro che introduce una verità inconfutabile (« Et sachiez que ») è sostituita dalla testimonianza di una verità direttamente osservata (« E vidi ») :

Et sachiez que totes choses qui ont comencement, c’est a dire qui furent faites de aucune matire, si auront fin (I.8.2) ;
   

E vidi in sua fattura / ched ogne creatura / ch’avea cominciamento / veni’ a finimento (v. 279-82).
   

11L’alta ricorrenza del verbo vedere è facilmente immaginabile nell’esposizione di una visione allegorica, ma non è usuale che gran parte delle ricorrenze si trovi a inizio verso, a introdurre ogni volta un nuovo oggetto di sapere o a segnalare una svolta nella narrazione. Il verbo vedere ricorre, tra le sue diverse voci, 89 volte, 47 delle quali coincidono rispettivamente con le prime persone singolari del perfetto (vidi 43), dell’imperfetto indicativo (vedea 2) e dell’imperfetto congiuntivo (vedesse 2), collocate in ben 37 casi a esordio del verso e in altri quattro nella posizione di rilievo della rima. L’avvio del verso con una prima persona singolare di vedere presenta un numero limitato di tipologie, che comprendono, in ordine decrescente, congiunzione e + verbo (e vidi 14), verbo a inizio assoluto (vidi / vedea 8), congiunzione che + pronome di prima persona + verbo (ch’i’/ ch’io / ched’i’ vidi 6), pronome di prima persona + verbo(io vidi 5), avverbio + verbo (poi vidi /Allor vid’io 3), pronome in funzione di complemento diretto + verbo (lu’ vidi 1). La ripetitività del modulo conferma una resa poetica rigida e scarna del poemetto, ma al tempo stesso informa sulle sue precise intenzioni didascaliche. Brunetto segnala con esattezza gli elementi e i temi che, presentandosi a mano a mano ai suoi occhi, divengono oggetto di trattazione e apprendimento da parte del lettore. Pochi esempi tra i tanti basteranno a comprendere come questo procedere per elenco sia volto a esplicitare, con modalità riconoscibili, l’avvicendarsi dei contenuti :

  • 13  Si vedano per altri esempi i v. 194, 279, 1064, 1103, 1229, 1233, 1237, 1245, 1249, 1275, 1282, 12 (...)

io vidi apertamente, / come fosse presente, / i fiumi principali (v. 943-45) ;
Poi vidi immantenente / la regina piagente / che stendëa la mano / verso ‘l mare Ucïano (v. 1027-30) ;
vidi diritto stare / gran colonne, le quale / vi pose per segnale / Ercolès lo potente (v. 1046-49) ;
E vidi là d’intorno / dimorare a soggiorno / cinque gran principesse (v. 1287-89) ;
io vidi intorno lui / quattro donne valenti / tener sopra le genti/ tutta la segnoria (v. 2274-77) ;
vidi Ovidio maggiore, / che gli atti dell’amore, / che son così diversi, / rasembra ‘n motti e versi (v. 2359-62) ;
ch’io vidi tutto ‘l mondo, / sì com’egli è ritondo, / e tutta terra e mare, / e ‘l fuoco sopra l’âre (v. 2903-6)13.

  • 14  R. Librandi, « Auctoritas e testualità nella descrizione dei fenomeni fisici », Le parole della sc (...)

12Il procedimento d’altro canto è comune alla prosa scientifica in volgare che si svilupperà tra la fine del XIII secolo e l’inizio del successivo soprattutto a Firenze e in Toscana. I primi volgarizzatori e i compilatori di testi scientifici, infatti, tendono a costruire il testo entro una cornice pragmatica che, segnalando confini e progressione degli argomenti, costituisce una guida utile alla lettura o alla consultazione dei contenuti. Si tratta, per molti aspetti, di modalità della prosa scolastica mediolatina adattate alle esigenze della divulgazione in volgare, ma si ritrovano, anche in assenza di una diretta fonte latina fin dalla Composizione del mondo di Ristoro d’Arezzo. Anche in quest’ultimo, come si è avuto modo di osservare altrove14, il procedere dell’informazione è articolato in unità testuali e in più piccoli segmenti che si avviano spesso in modo coerente con il punto di partenza : almeno 73 capitoli dell’opera su 106, per esempio, sono aperti e scanditi al loro interno dalle voci verbali troviamo / vediamo (-amo / -emo), ripetute, come si vede per il capitolo seguente, in un ristretto numero di combinazioni :

  • 15  Si cita da Restoro d’Arezzo, La composizione del mondo colle sue cascioni, a cura di Alberto Morin (...)

Vedamo quale capetano de gente debia venire [...]
E vedemo e è rascione che uno omo è forte [...]
E trovamo questo segno malicioso [...]
E vediamo se noi potemo pónare ariete [...]
E vediamo en quale loco noi potiamo ponare Mars [...]
E vediamo se Mars dea èssare masculino [...] (II.2.3)15 ;

13Un modulo che sarà tipico della prosa scientifico enciclopedica è sviluppato da Brunetto in un’opera in versi, probabilmente per un condizionamento di finalità e temi che annulla la distinzione tra i due generi. È giusto osservare, tuttavia, che il verbo con cui Ristoro segnala le svolte testuali è alla prima persona plurale, secondo l’esposizione propria di chi da sempre svolge una lezione. Il modulo, infatti, ricorre, in alternanza con la più neutra e frequente terza persona, anche nella prosa del Tresor. L’uso della prima singolare da parte di Brunetto personaggio, al contrario, se pure inevitabile nel racconto in versi della propria esperienza, accresce la complicità con il destinatario :

Et ce nos vient par nature, car nos naisons premierement a Dieu, et puis a nos parans et a nostre païs (II.99.1) ;
   

Ed io, ponendo cura, / tornai a la natura / ch’audivi dir che tene / ogn’om ch’al mondo vene : / nasce prim[er]amente / al padre e a’ parenti, / e poi al suo Comuno (v. 163-69).
   

  • 16  Si veda, sulle variazioni di questo passo tra Tesoretto e Tresor, M. Corti, « Le fonti del Fiore d (...)

14Come si vede, la tecnica è resa evidente fin dall’esordio del poemetto : il passo nel Tresor era finalizzato all’illustrazione della pietà, virtù che consente, grazie alla natura umana, di amare i genitori e il paese in cui si è nati16. Qui l’esposizione si avvia in modo impersonale per enunciare un assunto (« Et ce… vient »), ma continua con un noi. Si tratta, tuttavia, di un noi di natura inclusiva (me + voi), che esalta cioè il ruolo del tu a cui ci si rivolge, un tu ampio e generico, in questo caso, che finisce con il dare valore universale alle affermazioni. Nel Tesoretto la riflessione nasce dall’aver appreso gli avvenimenti di Firenze dopo la sconfitta dei guelfi e si pone come considerazione personale sul comportamento da tenere verso la propria città. L’introduzione con una prima persona è dunque giustificata dal ruolo che Brunetto personaggio ricopre nella narrazione, ma ha al tempo stesso il compito di avvicinare maggiormente il destinatario della comunicazione. Il lettore è così pronto a condividere la valutazione sulle virtù della concordia e del buon governo (v. 170-80) e a recepirne subito dopo il valore assoluto grazie al fatto che il personaggio che dice io usa il modo impersonale per sottolinearne l’universalità (« ogn’om che al mondo vene nasce »).

  • 17  Cf., per il valore dei pronomi cui qui si rinvia, E. Benveniste, « Structure des relations de pers (...)

15Già negli esempi sopra riportati, del resto, si può osservare come il Tesoretto adatti ogni singolo contenuto al fine di agevolare il passaggio dall’andamento espositivo del testo francese al racconto di chi dice io. L’esposizione del Tresor, come si è detto, procede più spesso alla terza persona, che non ha necessità di rinviare a un’individualità precisa e meglio si presta alla tipologia testuale del trattato in prosa. Se è vero, tuttavia, che l’enunciazione di nozioni indiscusse richiede impersonalità e distanza, chi dice io si pone come parlante e si rivolge a un tu che si sente protagonista dell’interlocuzione17. Il procedimento caratterizza, come si è visto, tutto il poemetto, ma la sua finalità appare, ancora una volta con maggiore evidenza nei pochissimi luoghi in cui il testo è raffrontabile con la prosa francese :

Et sor ceste quarte matire est l’ofice de nature, [ki est viaire] so[n] verai pere : il est creator, ele est creature ; il est sens comencement, ele fu comencee ; il est comanderes, ele est obeissant ; il n’aura ja fin, ele fenira ou tot son labor ; il est tot puissant, ele n’a povoir, se de ce non que Dieu li a otroié ; il set toutes choses passeés, presentes et futures, ele ne set riens, se ce non que il li mostre ; il ordena le monde, ele ensit ses ordenemenz (I.8.2).
   

« Io sono la Natura, / e sono una fattura / de lo sovran Fattore. / Elli è mio creatore : / io son da Lui creata / e fui incominciata ; / ma la sua gran possanza / fue sanza comincianza. / E’ non fina né more ; / ma tutto mio labore, / quanto che io l’alumi, / convien che si consumi. / Esso è onipotente ; / ma io non pos’ neente /se non quanto concede. / Esso tanto provede / e è in ongne lato / e sa cio ch’è passato / e ‘l futuro e ‘l presente ; / ma io non son saccente / se non di quel che vuole : / mostrami, come suole, / quello che vuol ch’i’ faccia / e che vol ch’io disfaccia, / ond’io son Sua ovrera / di ciò ch’Esso m’impera. / Così in terra e in aria / m’ha fatta sua vicaria : / Esso dispose il mondo, / e io poscia secondo / lo Suo comandamento / lo guido a Suo talento » (v. 289-320)
   

16Laddove i due testi hanno maggiore relazione tra loro, i modi espositivi appaiono dunque ribaltati, con la conseguenza, come mostra l’ultimo esempio, che anche la prospettiva da cui si induce il lettore a ragionare appare rovesciata. Nel passo del Tresor è il maestro Brunetto che espone il quarto modo tenuto da Dio nella creazione, ovvero « l’ufficio della natura » ; nel poemetto la quarta maniera è anticipata rispetto alle altre tre, in modo da esaltare l’ingresso del personaggio Natura che parla di sé in prima persona. Le amplificazioni rispetto alla prosa sono in parte condizionate dalle esigenze del verso ma in parte finalizzate a enfatizzare il ruolo di Natura e la sua totale dipendenza dal volere divino. Il rovesciamento dell’esposizione non modifica la particolare simmetria del Tresor, che elenca in serie bimembri, più facilmente memorizzabili, le qualità di Dio e della sua « vicaria » (« il est… ele est » > « Elli è… io son », ecc.), a conferma del fatto che gli assunti dell’enciclopedia francese, nel passaggio al trattatello in versi, non sono diluiti in affermazioni eccessivamente generiche, ma sono selezionati e offerti attraverso tecniche didascaliche differenti.

  • 18  Cf. F. Bruni, « Dalle origini al Trecento », Storia della civiltà letteraria italiana, a cura di G (...)

17A ciò sembra ricondursi anche lo spirito diverso che, secondo quanto già notato dagli studiosi, anima il Tesoretto rispetto al trattato in prosa ; il laicismo di quest’ultimo infatti sarebbe stato attutito nell’opera poetica da una volontà di conformarsi, ancor prima che a un sentimento di fede, al dettato della Chiesa. Beltrami offre argomentazioni convincenti a tale riguardo, sottolineando, tra l’altro, come nel Tesoretto le Scritture divengano spesso un modello preponderante rispetto ad altre fonti o come, seguendo le indicazioni di Jauss, sia proprio la svolta finale del poemetto, la Penentenza, condotta secondo lo schema di una reprobatio amoris18, a introdurre Brunetto personaggio alle conoscenze da acquisire. La differenza è anche nella diversa tipologia delle due opere : trattato enciclopedico la prima, tesa a offrire un « itinerario intelletuale », e opera di finzione la seconda, intenzionata a privilegiare un percorso morale. Seguendo ancora le intuizioni di Jauss, cioè, il Tesoretto ripercorre l’avventura di chi diffonde la conoscenza mostrando i modi in cui egli stesso è riuscito ad acquisirla. È tuttavia anche un’opera che risponde a criteri didattici differenti, più simili a quelli adottati dai predicatori per l’insegnameto dottrinale a un ampio uditorio che a quelli adoperati dal maestro nell’impartire lezioni a un pubblico selezionato di allievi. Più che l’atteggiamento verso i contenuti, che non contraddicono mai, neppure nel Tresor, i dettami della fede, mutano i modi in cui colui che insegna innesca i meccanismi dell’apprendimento. Lo conferma anche la sostituzione o la conservazione di una terminologia specifica nel filtro dei versi :

car tot avant ot il en sa pensee l’ymage et la figure coment il feroit le monde et les autres choses […]. Et ceste ymaginacion est apelee monde arquetipes, c’est a dire monde en semblance. Après ce fist il de nient une grosse matire, qui n’estoit de nulle figure ne de aucune semblance, mes ele estoit de si faite norme et si appareillie que il en p[ooi]t forgier et retraire ce que il voloit, et ceste matire est apelee ylem. Puis qu’il ot ce fait si come a lui plot, mist il en huevre et en fait son proposement, et fist le monde et [c]es autres creatures, selonc sa porvoiance. Et ja soit ce que il le peust fere tost et isnelement, il ne [i] vost onques corre, ainceis i mist .vi. iors et au septisme se reposa. Or la Bible nos raconte que au comencement Nostre Sire comanda que li mondes fust faiz, c’est a dire ciel [et aigue] et terre et clarté et les angles, et que la clarté fust devisee des tenebres (I.6.1-3) ;
   

L’una, ch’eternalmente / fue in divina mente / immagine e figura / di tutta Sua fattura ; / e fue questa sembianza / lo mondo in somiglianza. / Di poi, al suo parvente / si creò di neente / una grossa matera / che non avea manera / né figuraforma, / ma sì fu di tal norma, / che ne potea ritrare / ciò che volea formare. / Poi, lo Suo intendimento / mettendo a compimento, / sì lo produsse in fatto ; / ma non fece sì ratto / né non ci fu sì pronto, / ch’Elli in un sol punto / lo volessi compiére, / com’Elli avea il podere : / ma sei giorni durao, / il settimo posao.

[…]

Omai a ciò ritorno, / che Dio fece lo giorno / e la luce gioconda / e cielo e terra ed onda, / e l’aïre crëao / e li angeli fermao, / ciascun partitamente / e tutto di neente (v. 329-52 e 426-34).
   

  • 19  Cf., per la traslitterazione dal greco hyle, presente negli scritti di Platone e Aristotele, e com (...)
  • 20  Cf. CNR, Opera del vocabolario italiano, Tesoro della lingua italiana delle origini, http ://tlio. (...)
  • 21  Anche figura nello stesso senso di « forma contrapposta alla materia » non ha riscontri più antich (...)
  • 22  Il Tesoro di Brunetto Latini volgarizzato da Bono Giamboni, a cura di P. Chabaille (emendato con m (...)

18Il racconto della creazione riferito da Natura non sacrifica alle esigenze della poesia e della sintesi i nodi teologici, come mostra la selezione accurata del lessico nonostante la scomparsa delle definizioni di tipo scolastico (« ceste ymaginacion est apelee monde arquetipes », « ceste matire est apelee ylem »). Tecnicismi come l’ylem, materia informe da cui Dio ha tratto i quattro elementi19, sono soppressi, ma ciò non annulla lo sforzo di piegare al ritmo una terminologia adeguata al contesto. L’esempio più vistoso è il ricorso all’espressione fattura, trisallabo piano, in rima con figura e adattabile al settenario, che sintetizza l’intero creato (« le monde et les autres choses »). L’operazione assume maggior rilievo se si considera che fattura, nell’accezione teologica di « opera di creazione », ha la sua prima attestazione proprio nel Tesoretto. Il termine è testimoniato già nella prima metà del XIII sec. nel volgare lombardo dell’Istoria dello Pseudo Uguccione, ma con il significato di « atto di magia », laddove Brunetto recupera direttamente dal latino forma e riferimenti semantici20. Rientrano del resto nello stesso ambito filosofico matera, forma, figura21 e la locuzione in fatto, che non sempre hanno dipendenza dal francese. In almeno un caso, il tecnicismo monde archetipe è reso quasi con una glossa, « lo mondo in somiglianza », che non per nulla sarà la glossa utilizzata da una delle redazioni del volgarizzamento del Tresor per spiegare la prima attestazione in fiorentino del termine archetipo : « E questa imaginazione è appellata mondo archetipo, ciò è a dire mondo in similitudine »22.

  • 23  L’interruzione contiene anche il passo più volte discusso, insieme a v. 1121-24, che lascia presum (...)

19Anche in questo passo, la volontà di costruire una diversa strategia didattica, rivolta a un pubblico non distante da quello del Tresor ma più ampio, si coglie nel modo di introdurre gli enunciati : l’auctoritas è chiaramente esplicitata nel trattato in prosa (« Or la Bible nos raconte que… »), secondo una tecnica comune alla trattatistica enciclopedica in volgare che fornisce peso alla verità delle affermazioni e consente un’esposizione impersonale in terza persona. Il riferimento palese alla Scrittura è annullato nel testo in versi che, dopo un’interruzione in cui è nuovamente precisato il ruolo di Natura23, affida a quest’ultima l’autorità del racconto in prima persona (« Omai a ciò ritorno, / che… »). Più che il maggior conformismo dottrinale, almeno in questo caso è la diversa tipologia didattica, oltre che testuale, a condizionare la trasmissione dei contenuti.

Condivisione di conoscenze e innovazione di un genere

20Alla necessità di catturare il destinatario sul terreno di conoscenze condivise risponde anche il ricorso, frequente nella poesia didattica dell’epoca, ai motti proverbiali. In sintonia con i testi di natura edificante, il richiamo a sentenze, proverbi, luoghi comuni fa appello a un corredo di nozioni che si sistemano organicamente e si adeguano al sentire dei laici. Nel commentare, per esempio, la fine del lavoro di Dio dopo la creazione, Brunetto ricorre al detto del « chi bene incomincia » (« ca chi ben inconinza / audivi per sentenza / ched ha bon mezzo fatto » v. 643-44) e, come nel Tresor, anche qui si serve di un proverbio per illustrare i tratti della liberalità. La citazione del Tesoretto, tuttavia, tralascia il rinvio alle fonti, per privilegiare, nella brevità imposta dai versi, il richiamo all’adagio più noto :

Aprés ce, garde toi de [delai]er ton don, [car cil est deceu qui cuide avoir guerredon] de cel qu’il a tenu en delai et laissé en lonc atendre. Donques, ne dois tu delaier ce que tu pues doner mantenant, car qui done tost done .ii. foiz : une foiz done la chose et une autre par semblance que doner li plaist. Seneques dit : L’en ne set gré dou don qui a longuement demoré entre les mains dou doneor, car qui molt doute est prochain a escondire, et qui tart done, longuement pense de non doner. […] Tulles dit : Plus est gracious un petit don fait isnelement que un autre grant qui est a peines doné (II.95.2-3) ;
   

E se cosa adivenga / che spender ti convenga, / guarda che sia intento, / sì che non paie lento : / ché dare tostamente / è donar doppiamente, / e dar come sforzato / perde lo dono e ‘l grato ; / ché molto più risplende / lo poco, chi lo spende / tosto e a larga mano, / che que’ che da lontano / dispende gran ricchezza / e tardi, con durezza (v. 1413-26).
   

21Un’accondiscendenza al sentimento comune e al desiderio di coinvolgere per ammaestrare è ravvisabile nel ricorso all’iperbole o preferibilmente al topos dell’ineffabile :

[…] est apelez Tygris […] et cort si fort que est une mervoille […]. En ceste maniere s’en vait Tygris corrant come foudre (I.122.12) ;
   

Tigre tien altra via, / ché corre per Soria / sì smisuratamente / che non è om vivente / che dica che vedesse / cosa che sì corresse (v. 977-82).
   

e tanti altri animali / ch’io non posso dir quali, / che son sì divisati / e sì dissomigliati / di corpo e di fazzone, / di sì fera ragione / e di sì strana taglia / ch’io non credo, san’ faglia, / ch’alcuno omo vivente / potesse veramente / per lingua o per scritture / recittar le figure / de le bestie ed ucceli, / tanto son, laidi e belli (v. 1013-26).
   

  • 24  Cf., per la funzione dell’iperbole, che induce a riflettere sulla realtà autentica, al di qua del (...)

22Nel primo esempio l’iperbole e la similitudine iperbolica del testo francese, costruite nelle forme più regolari, sono sostituite da un’iperbole in parte connessa al topos dell’ineffabile (« non c’è uomo che possa dire di aver visto »), che è utilizzato in modo analogo nell’esempio successivo. Qui infatti, al termine di un lungo elenco delle specie animali, taglia i contenuti e i capitoli numerosi del Tresor, dichiarando insufficienti a descrivere la realtà i mezzi della lingua e della scrittura. In entrambi i casi, delle due figure retoriche si sfrutta la capacità di indirizzare verso ciò che va veramente appreso, non l’inimmaginabile, ma una realtà oggettiva esaltata dall’esagerazione e dall’indicibilità24.

23Una patina di maggior conformismo religioso del Tesoretto deriva anche dallo spazio più ampio assegnato all’insegnamento morale e alla volontà di incidere sul comportamento dei destinatari. Un’enfasi particolare, per esempio, è attribuita al ruolo del peccato originale, che si espande in luogo della più complessa trattazione sulla natura del male e degli esseri umani. Nel Tresor, infatti, il racconto iniziale della creazione si chiude rapidamente con la nascita di Adamo ed Eva, senza far cenno alla loro prima colpa (I.6.4) o alla perdita del Paradiso terrestre. Solo successivamente, all’interno di un’esposizione teorica sull’origine e l’essenza tanto del male (I.11) quanto dell’uomo (I.13), si fa riferimento alle conseguenze del peccato originale, e solo molto più in là, descrivendo la geografia del mondo, si ricorda che l’accesso al Paradiso terrestre è negato a ciascuno di noi a causa dell’offesa di Adamo (I.22.26). Il Tesoretto semplifica e addensa in due luoghi il racconto, a chiusura del sesto giorno della creazione e, con maggiore drammatizzazione, nell’esposizione su Lucifero e le sue azioni :

Au sisime jor commanda Diex que les bestes fussent faites qui vont par terre. Et lors fist il Adam a sa semblance, et puis fist Eve de la coste Adam, et lors cria il arme de nient et la mist en lor cors (I.6.4) ;

Touz maus sont venus sor la humane lignee por le peché dou premier home ; et por ce touz maus qui sont en nos ou il sont par naissance ou il sont par nostre coupe (I.11.4) ;

Adam cria il, mes la feme fu puis [for]mee de la coste son baron : l’ome fu fait a la ymage de Dieu, mes la feme fu faite a l’ymage de l’ome, et por ce sont femes souzmises as homes par loy de nature. Encores fu l’ome faiz por soi meesmes et la feme por li aidier. L’ome por son peché fu bailliez au deable quant il fu dit : Tu es terre et en terre en iras ; lors fu dit au serpent, c’est au deable : Tu mangeras la terre, c’est a dire les mauvais homes (I.13.2) ;

Et sachiez que aprés le pechié dou premier home cest leu [le paradis terrestre] fu clos a toz homes (I.122.26) ;
   

Lo sesto dì fu tale, / che fece ogn’animale, / e fece Adamo ed Eva, / che puoi ruppe la treva / del Suo comandamento. / Per quel trapassamento / mantenente fu miso / fòra di Paradiso, / dov’era ogne diletto, / sanza neuno espetto / di fredo o di calore, d’ira né di dolore ; / e per quello peccato / lo loco fue vietato / mai sempre a tutta gente. / Così fu l’uom perdente : / d’esto peccato tale / divenne l’om mortale, / e ha lo male e ‘l danno / e l’agravoso afanno / qui e nell’altro mondo. / Di questo greve pondo / son gli uomini gravati / e venuti em peccati, / perché ‘l serpente antico, / che è nostro nemico, / sodusse a rea maniera / quella primaia mogliera. / Ma per lo mio sermone / intendi la ragione / perché fu ella fatta / e de la costa tratta : / prima, che l’uomo atasse ; poi, che multipricasse, / e ciascun si guardasse / con altra non fallasse (v. 453-88) ;

Appresso imprimamente / in guisa di serpente / ingannò collo ramo / Eva, e poi Adamo ; / e chi chi neghi o dica, / tutta la gran fatica, / la doglia e ‘l marrimento, / lo danno e ‘l pensamento / e l’angoscia e le pene / che la gente sostene / lo giorno e ‘l mese e l’anno, / venne da quello inganno ; / e.lado ingenerare / e lo grave portare / e ‘l parto doloroso / e ‘l nudrir faticoso / che voi ci sofferite, / tutto per ciò l’avete ; / lavorero di terra, / astio, invidia e guerra, / omicidio a peccato / di ciò fue coninciato : / ché ‘nanti questo tutto / facea la terra frutto / sanza nulla semente / o briga d’on vivente (v. 591-616)
   

  • 25  Sul ruolo del peccato che, secondo la visione espressa nel Tesoretto, separa l’anima da Dio e dall (...)

24La duplice ripresa, l’ordine più conforme al testo biblico e all’interpretazione della Chiesa evidenziano l’accentuazione che nei versi si intende dare alle conseguenze del peccato e alla necessità di emendarlo25. Se è vero, tuttavia, che la narrazione risponde a una maggiore ortodossia religiosa, è anche palese l’intenzione di avvicinarsi alle conoscenze diffuse, esaltando i particolari più noti e condivisi dai lettori. Nel Tresor, come si vede, non si fa mai cenno al ruolo avuto da Eva nel compimento del peccato, mentre nel poemetto lo si esplicita tre volte a breve distanza ; allo stesso modo, nell’illustrare perché la donna sia stata creata, il Tesoretto non si sofferma sulla sua natura secondaria rispetto alla derivazione diretta dell’uomo da Dio, ma piuttosto sulla sua funzione generatrice e sul freno morale che dovrebbe esercitare allontanandolo da altre passioni fisiche (« che multipricasse… con altra non fallasse »).

  • 26  Cf. M. Cortelazzo, P. Zolli, Dizionario etimologico della lingua italiana, Nuova edizione, Bologna (...)
  • 27  « Gëometria et arismetica, / rethorica saccio e non m’impedica, / gramatica e musica no m’aretica  (...)

25A parlare è ancora Natura, che introduce queste ultime affermazioni definendo sermone la propria testimonianza, un termine che, a partire dalla fine del Duecento e lungo gran parte della tradizione letteraria, assume, secondo la base latina, il valore di « lingua » o di « discorso ». Negli stessi anni, tuttavia, si attesta anche con l’estensione semantica di « discorso riguardante argomenti di religione o di morale », genericamente rivolto ai fedeli26 ; da qui il passo sarà breve per entrare in concorrenza con predica e per giungere poco dopo al senso di « discorso di argomento sacro pronunciato ai fedeli raccolti in chiesa ». Su un totale di 15 occorrenze, rintracciabili tramite LIZ4 e BibIt nella produzione poetica del Duecento, ben sette appartengono al genere della poesia didattica, dove, sia pure con qualche ambiguità, la forma propende per la seconda accezione e, già nei versi di ben altra natura di Ruggieri Apugliese, il termine appare in dittologia con predica27. L’uso che ne fa Brunetto rientra pertanto nei caratteri tipici della poesia didattica del Duecento, con cui condivide anche temi quali la trattazione in chiave morale del peccato di Adamo o del ruolo assegnato alle donne, discussi, tra l’altro, nello Splanamento de li proverbii di Salamone di Girardo Patecchio. A finalità educative comuni, morali e comportamentali, si ispirano anche le strategie espositive del Tesoretto, che ambiscono, tuttavia, a superare i confini di un diffuso genere poetico, includendo contenuti del sapere enciclopedico fino a quel momento estranei alla letteratura didattica.

  • 28  F. Bruni, « Dalle origini al Trecento », op. cit., p. 587.

26L’ambizione di un viaggio allegorico che comprendesse tutta la dottrina e tutte le nozioni del Tresor e guidasse sulla via della conoscenza attraverso il riconoscimento da parte del pubblico di un’esperienza comune non fu né completata né pienamente raggiunta. A Brunetto, come ad altri fiorentini che avrebbero sperimentato il genere nel secolo successivo, mancò, come è stato osservato, « la verità della lettera », la « storicità » che avrebbe al contrario animato la narrazione della Commedia ampliandone il significato etico28. Nonostante ciò, Brunetto tentò una via nuova attraverso la didattica fondante di un sapere ampio, capace di trasformarsi in letture del mondo e in interventi morali.

La fondazione di un lessico

27Si è già visto come sia la riduzione dei contenuti enciclopedici sia l’addattamento alla diversa tipologia testuale, alle esigenze del verso o alle mutate strategie didattiche non si traducano in una banalizzazione della materia e nella genericizzazione del lessico. È evidente, al contrario, lo sforzo di conservare una terminologia specifica, magari fondandola laddove le scritture volgari non attestino il corrispondente del termine francese o il tecnicismo necessario al contesto. Il procedimento non riguarda soltanto il lessico filosofico e teologico, di cui si è detto a proposito del racconto della creazione, ma anche alcuni ambiti tecnico-scientifici che per la prima volta sono affrontati in un trattato poetico in volgare. La didattica fondante del Tesoretto è testimoniata anche dalle numerose prime attestazioni di tecnicismi, che spesso troveranno continuità nella letteratura e nella trattatistica successiva.

28Talvolta il termine più elevato è sostituito o spiegato con un equivalente di diffusione più ampia e popolare, spesso di derivazione metaforica, come nel caso di barbata qui testimoniato per la prima volta :

Au tierz jor comanda que la terre fust devisee de la mer et des autres eues, et que totes choses qui sont racinees en terre fussent faites cel jor (I.6.4) ;
   

Il terzo, ciò mi pare, / ispecificò ‘l mare / e la terra divise / e ‘n ella fece e mise / ogne cosa barbata / che ‘n terra è radicata (v. 439-44).
   

  • 29  Cf., per la prima attestazione di barbato in Brunetto Latini e per la sua continuità, TLIO ; Max P (...)
  • 30  DELIN, s.v. barbicare e si veda anche TLIO, s.v.
  • 31  Cf. GDLI, s.v. radicare e radicato.

29Barbata (« piantato con le radici » o « provvisto di radici ») sembra fungere quasi da glossa di radicata (dal lat. tardo radīcāre), che traduce letteralmente racinees e che trova ancora nel testo di Brunetto la prima occorrenza. Sebbene, infatti, il termine barbato, nell’accezione di « persona fornita di barba », affiori nello scritto successivamente (XIV sec.) alla forma traslata, è evidente la sua relazione con l’antichissimo barba e il suo legame con una lingua di uso più comune. L’uso figurato e in funzione di tecnicismo ha una continuità in testi poetici di divulgazione tecnico scientifica, come Il tesoro dei rustici (1360) di Paganino Bonafé o il Dittamondo (1345-67) di Fazio degli Uberti, e in volgarizzamenti e compilazioni destinati alla lettura dei laici, quali l’Esposizione del Paternostro (primi del sec. XIV) di Zucchero Bencivenni o il Libro di varie storie (1362) di Antonio Pucci29. Ne deriverà, agli inizi del XIV sec., anche l’effimero barbàre (« mettere radici, attecchire »), che avrà le sue prime occorrenze in volgarizzamenti di agronomia, ma non resisterà alla concorrenza del più tardo barbicare (1367), probabilmente ottenuto per incrocio con radicare30. Anche barbato avrà vita breve e soprattutto non avrà nella lingua scientifica del Seicento la stessa accoglienza di radicato, più aderente all’uso latino e in grado di caricarsi in seguito di altri impieghi metaforici31.

30In entrambi i casi il punto di partenza appare il Tesoretto che, come si vede, lascia utilmente convivere latinismi e coniazioni di uso più popolare, avviando una nomenclatura tecnica che di lì a poco si sarebbe propagata nella divulgazione scientifica prevalentemente destinata ai laici. Basterà osservare solo alcuni tra gli esempi delle voci accolte per la prima volta da Brunetto per osservarne la continuità più o meno durevole in ambiti diversi, quali la medicina, la botanica, la zoologia :

alena (« fiato ») : e quando l’omo spira, / l’alena manda e tira (v. 741-42) ; TLIO.

  • 32  Si veda l’ed. critica del Volgarizzamento dell’« Anathomia » di Mondino de’ Liucci, a cura di M.R. (...)

cella (« ciascuna delle tre parti in cui si riteneva fosse diviso il cervello ») : Nel capo son tre çelle, / e io dirò di quelle (v. 749-50) ; Por ce dient les saiges que le chief […] a .iii. celles (I.15.4) ; TLIO. La forma çelle, che si ripete al v. 772 ([…] le zelle, ch’i’ v’aggio nominate), riproduce, come si osserva nel commento dell’ed. Contini, la fonetica del francese celles e ne conferma la derivazione. Il termine ha, come si vede, la sua attestazione più antica nel significato specialistico, anche se già negli ultimi anni del Duecento appare con l’accezione di « luogo chiuso e di piccole dimensioni ». Tra il Due e il Trecento ricorre solo una seconda volta, nella raccolta di Questioni filosofiche di area mediana, ma come tecnicismo dell’anatomia, indicante non solo le cavità cerebrali, troverà spazio in testi di medicina come il volgarizzamento dell’Anathomia di Mondino de’ Liucci32.

  • 33  Il Tesoro di Brunetto Latini volgarizzato da Bono Giamboni, op. cit., I, p. 293.
  • 34  Cf. R. Gualdo, Il lessico medico del De regimine pregnantium di Michele Savonarola, Firenze, Accad (...)

complessione (« costituzione fisica di ciascun essere animato, determinata dai modi diversi in cui le caratteristiche variabili di un corpo possono combinarsi, soprattutto per la diversa incidenza dei quattro umori, caldo e freddo, umido e secco ») : Ancor son quattro omori / di diversi colori, / che per la loro cagione / fanno la compressione / d’ogne cosa formare / e sovente mutare (v. 775-80) ; Autresi en sont complexionés le cors des homes et des bestes et de touz autres animaus, car en eaus a .iiii. humors (I.99.2) ; TLIO, DELIN, GDLI. Il termine, in base alla dottrina fisiologica ippocratica, appare come tecnicismo medico ma, per influenza della fisica aristotelica, anche filosofico. Già nel Tresor, d’altro canto, l’espressione ha il significato di « una delle quattro qualità primarie della materia, caldo, freddo, umido e secco » (« […] de la nature des choses dou monde, laquele est establie par .iiii. complexions : c’est de chaut, de froit, de sec et de moiste, dont toutes choses sont complexionees » I.99.1) e la prima occorrenza in fiorentino di questa seconda accezione si ha in una delle redazioni del volgarizzamento del trattato francese33. Nel significato di « costituzione fisica » anche complessione troverà ampio spazio nei testi della medicina volgare34.

epa (« ventre »): ben è tenuto bacco / chi fa del corpo sacco / e mette tanto in epa / che talora ne crepa (v. 2835-2838); LEI. Il lemma ritornerà con analoga funzione espressiva e con lo stesso significato nell’Inferno dantesco (XXX.102 e 119 e XXV.82). Da qui troverà attestazioni analoghe nella lingua letteraria, caricandosi di valenza espressiva e perdendo la possibilità di sopravvivere come tecnicismo autonomo.

aloe (« legno profumato di un albero originario del Sud-Est dell’Asia, Aquilaria agallocha »): e lo pepe e lo legno / aloè ch’è sì degno (v. 997-8); LEI, TLIO, GDLI. Il termine, grazie alle applicazioni mediche della pianta, avrà attestazioni in ricettari e testi di medicina pratica.

cardamomo (« pianta erbacea perenne, Elettaria cardamomum ») e cennamomo (« spezia profumata di provenienza orientale »): e spigo e cardamomo, / gengiov’ e cennamomo (v. 999-1000); TLIO, DELI.

cammello, castoro, formica: Apresso in questo poco / mise in asetto loco / le tigre e li grifoni / e leofanti e leoni, / cammelli e drugomene / e badalischi e gene / e pantere e castoro, / le formiche dell’oro / e tanti altri animali / ch’io non posso dir quali (v. 1005-14); TLIO. Hanno tutti un corrispondente nel Tresor : chamiaus I.180.1 ; castoire I.181.1 ; formie I.188.1. Quest’ultimo dedica ovviamente uno spazio molto più ampio alla descrizione degli animali, ma ciò non riduce il contributo del Tesoretto nella fondazione di una teminologia specifica.

  • 35  Cf. R. Librandi, « Ristoro, Brunetto, Bencivenni e la Metaura : intrecci di glosse e rinvii tra le (...)

31Sono solo alcuni tra gli esempi che si potrebbero riprodurre e che non riguardano solo determinati ambiti scientifici. Lo dimostra, tra gli altri, il termine baratteria (« vedrai Baratteria » v. 1152) che ricorre per la prima volta nel poemetto con il significato di « inganno, truffa » e che acquisterà un senso tecnico come « abuso di potere a fini di lucro » (LEI). Brunetto avvia con la propria opera un genere di divulgazione alta, che riduce senza approssimare e che troverà a Firenze il suo compimento più felice35.

32Il poemetto costituisce il primo nucleo di un lessico indispensabile allo sviluppo del sapere scientifico e filosofico in volgare e, per molte delle parole introdotte, trova una fonte utile nel francese, la lingua « plus delitable et plus comune a touz languaiges » (I.1.7). Non sempre esiste derivazione diretta, ma quando ciò avviene possono rimanerne tracce nelle veste fonetica, come nel caso di çelle/zelle appena esaminato o di molti altri gallicismi registrabili nei versi, che confermano la posteriorità temporale del Tesoretto. La fondazione di una terminologia tecnica e, ancor più, l’innovazione dei contenuti e dei modi comunicativi della poesia didattica composta fino ad allora contribuiscono a riscattare l’opera in versi da un resa artistica incompiuta e non sempre felice, ma soprattutto esaltano la consapevolezza con cui Brunetto compiva il proprio insegnamento.

Notes

1  R.-H. Jauss, « Brunetto Latini als allegorischer Dichter » [1964], Id., Alterität und Modernität der mittelalterlichen Literatur, München, Fink, 1977.

2  K. Vosller, Die Göttliche Kömodie, 2a ed., Heidelberg, Carl Winter Universitatsbuchhandlung, 1925, vol. 2, p. 478 sg.

3  Jauss riprendeva tratti e rilevanza dello stile caleidoscopico da L. Spitzer, Romanische Literaturstudien 1936-1956, Tübingen, Niemeyer, 1959, p. 513.

4  È l’introduzione all’ed. da cui si cita : Brunetto Latini, Tesoretto, Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, Roma-Napoli, Ricciardi, 1960, II, p. 173.

5  Non sono di aiuto, al contrario, come rileva Beltrami, i riferimenti interni fra le due opere, in particolare la lezione controversa dei versi in cui Brunetto rinvia il lettore al « […] gran Tesoro / ch’io fatt’ho per coloro / c’hanno il core più alto / là farò grande salto » (v. 1351-54). Il fatt’ho del v. 1352, accolto nel testo allestito da Giovanni Pozzi per l’autorevole ed. Contini, è la lezione del ms. più affidabile, mentre il resto della tradizione legge farò ; il farò del v. 1354, al contrario, è riprodotto da tutti i testimoni. Come osserva Beltrami, le due lezioni sono compatibili se si interpreta il testo come « chi vuole saperne di più vada a leggere l’altro libro che ho fatto e là gli dirò… », per cui la variante degli altri codici al v. 1352 (farò) sarebbe un errore di attrazione con anticipo del farò successivo. Ciò darebbe conferma della posteriorità del Tesoretto, anche se la controversia del luogo e la relativa facilità di scambio delle due forme (fatt’ho e farò) in entrambi i sensi non ne consente l’utilizzazione come prova incontrovertibile. Sul fronte opposto, Contini evoca la possibilità che all’inizio del racconto allegorico (« Lo Tesoro conenza / Al tempo che Fiorenza » v. 113-14), la lezione del v. 114 (al tempo che), accolta nel testo critico, possa essere una banalizzazione rispetto alla variante Antanno che, modellata sul francese antan (‘l’anno scorso’) e riportata da un solo testimone (C1 = Chig. L. VII.249). Dal momento che la vicenda del Tesoretto comincia con la notizia, giunta a Brunetto-personaggio, della sconfitta di Montaperti del 1260, si potrebbe dedurre la data del 1261 per la composizione del testo ; come osserva ancora Beltrami, tuttavia, espressioni quali antanno o il galloromanzo antan o altre solo apparentemente precise come autrier hanno valore temporale generico. Cf. P. Beltrami, « Tre schede sul Tresor », Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, serie III, 23, 1993, p. 133-50 ; Id., « Appunti su vicende del Tresor : composizione, letture, riscritture », L’enciclopedismo medievale, a cura di M. Picone, Ravenna, Longo, 1994, p. 318-21 e Id., « Introduzione » a Brunetto Latini, Tresor, a cura di P. Beltrami, P. Squillacioti, P. Torri, S. Vatteroni, Torino, Einaudi, 2007, p. XXIV-XXV.

6  Lo studioso appoggia tuttavia con molte argomentazioni la tesi di chi ritiene Jean de Meung autore anche della prima parte dell’opera ; cf. L. Rossi, « La tradizione allegorica : da Alain de Lille al Tesoretto, al Roman de la Rose », Le tre corone. Modelli e antimodelli della « Commedia », a cura di M. Picone, Ravenna, Longo, 2008, p. 163-71.

7  A ciò sarebbe da ricondurre anche « il polivalente ruolo assunto dal personaggio di Natura che sembra includere la funzione svolta da Raison nel testo di Jean de Meun » ; cf. L. Rossi, « Messer Burnetto e la ‘Rose’ », A scuola con ser Brunetto. La ricezione di Brunetto Latini dal medioevo al rinascimento, a cura di I. Maffia Scariati, Firenze, Edizioni del Galluzzo, 2008, p. 134. Si veda anche, sui modelli del Tesoretto e sulla sua visione enciclopedico-razionalista, Marcello Ciccuto, « Premessa al Tesoretto di Brunetto Latini », Id., Il restauro dell’« Intelligenza » e altri studi danteschi, Pisa, Giardini Editori, 1985, p. 144-50.

8  P. Beltrami, « Tre schede sul Tresor », op. cit., p. 127-33.

9  Si cita dall’ed. a cura di P. Beltrami, P. Squillacioti, P. Torri, S. Vatteroni, cit.

10  Cf., su questi aspetti dell’enciclopedismo, B. Ribémont, De natura rerum. Études sur les encyclopedies médiévales, Orléans, Paradigme, 1995 ; Le Livre de propriétés des choses, une encyclopédie au XIVe siècle, Paris, Stock, 1999 ; Les Origines des encyclopédies médiévales. D’Isidore de Séville aux Carolingiens, Paris, Champion, 2001 ; Littérature et encyclopédies du Moyen Âge, Orléans, 2002 ; La «Renaissance» du XIIe siècle et l’Encyclopedisme, Paris, Champion, 2002.

11  Nelle citazioni dal Tresor uso il corsivo tra quadre per segnalare gli inserti estranei al testo critico.

12  Sulla tradizione di Natura personificata, rimane fondamentale E.R. Curtius, Europäische Literatur und lateinisches Mittelalter, Bern, Francke, 1948, p. 119-21 e 125 sqq.

13  Si vedano per altri esempi i v. 194, 279, 1064, 1103, 1229, 1233, 1237, 1245, 1249, 1275, 1282, 1290, 1294, 1300, 1306, 1311, 1316, 1871, 1929, 2218, 2255, 2261, 2279, 2912, 2916.

14  R. Librandi, « Auctoritas e testualità nella descrizione dei fenomeni fisici », Le parole della scienza. Scritture tecniche e scientifiche in volgare (secoli XIII-XV), a cura di R. Gualdo, Galatina, Congedo, 2001, p. 109-10 ; Ead., « Tratti sintattico-testuali e tipologia di testi : la trattatistica scientifica », SintAnt. La sintassi dell’italiano antico, a cura di M. Dardano e G. Frenguelli, Roma, Aracne, 2004, p. 276-77.

15  Si cita da Restoro d’Arezzo, La composizione del mondo colle sue cascioni, a cura di Alberto Morino, Firenze, Accademia della Crusca, 1976, p. 78-82.

16  Si veda, sulle variazioni di questo passo tra Tesoretto e Tresor, M. Corti, « Le fonti del Fiore di virtù e la teoria della ‘nobiltà’ nel Duecento », in Giornale Storico della Letteratura Italiana,136, 1959, p. 14.

17  Cf., per il valore dei pronomi cui qui si rinvia, E. Benveniste, « Structure des relations de personne dans le verbe » e « La nature des pronoms », Id., Problèmes des linguistique générale, Paris, Gallimard, 1966.

18  Cf. F. Bruni, « Dalle origini al Trecento », Storia della civiltà letteraria italiana, a cura di G. Bàrberi Squarotti, Torino, Utet, 1990, I, p. 352.

19  Cf., per la traslitterazione dal greco hyle, presente negli scritti di Platone e Aristotele, e commentato nelle Etymologiae (13.3.1), la n. 150, p. 129 dell’ed. citata del Tresor.

20  Cf. CNR, Opera del vocabolario italiano, Tesoro della lingua italiana delle origini, http ://tlio.ovi.cnr.it/TLIO/ e su Gattoweb, http ://gattoweb.ovi.cnr.it (d’ora in avanti TLIO). Ancora una prima attestazione è l’accezione « modo d’essere, aspetto esteriore » con cui fattura ricorre alcuni versi dopo (v. 828), cf. § 4.

21  Anche figura nello stesso senso di « forma contrapposta alla materia » non ha riscontri più antichi e si ritroverà pochi anni dopo nella Composizione del mondo di Ristoro (TLIO, s.v.).

22  Il Tesoro di Brunetto Latini volgarizzato da Bono Giamboni, a cura di P. Chabaille (emendato con mss ed illustrato da Luigi Gaiter), Bologna, Romagnoli, 4 voll., 1878-1883, I, p. 23 ; per l’esistenza di tradizioni differenti del volgarizzamento fiorentino del Tresor si veda P. Squillacioti, «La pecora smarrita. Ricerche sulla tradizione del Tesoro toscano », A scuola con ser Brunetto, op. cit.

23  L’interruzione contiene anche il passo più volte discusso, insieme a v. 1121-24, che lascia presumere un’intenzione mai portata a termine da Brunetto di comporre un prosimetro, proprio per aggirare le costrizioni del verso e rendere più chiara la « sentenza ».

24  Cf., per la funzione dell’iperbole, che induce a riflettere sulla realtà autentica, al di qua del limite paradossale posto dall’esagerazione, Ch. Perelman e L. Olbrechts-Tyteca, Traité de l’argumentation. La nouvelle rhétorique, Paris, Presses Universitaires de France, 1958, p. 308, e si vedano, sul valore di entrambe le figure, B. Mortara Garavelli, Manuale di retorica, nuova ed. ampliata, Milano, Bompiani, 1997, p. 178-81 e M. P. Ellero, Introduzione alla retorica, Milano, Sansoni, 1997, p. 75-6 e 259-62.

25  Sul ruolo del peccato che, secondo la visione espressa nel Tesoretto, separa l’anima da Dio e dalla vera patria, legandolo alla storia terrena, si veda E. Costa, « Il Tesoretto di Brunetto Latini e la tradizione allegorica medievale », Dante e le forme dell’allegoresi, a cura di M. Picone, Ravenna, Longo, 1987, p. 44-6.

26  Cf. M. Cortelazzo, P. Zolli, Dizionario etimologico della lingua italiana, Nuova edizione, Bologna, Zanichelli, 1999 (d’ora in avanti DELIN), che tuttavia riporta, per la prima accezione, l’attestazione di Dante (1304-08 per il significato di « lingua » e av. 1321 per quello di « discorso ») e, per la seconda, quella di Jacopone da Todi (av. 1306). Il termine ricorre tuttavia numerose volte nella poesia del Duecento, per cui cf. Grande dizionario della lingua italiana di S. Battaglia e G. Bàrberi Squarotti, Torino, Utet, 1961-2007 (GDLI) ; Letteratura italiana Zanichelli. CD-ROM dei testi della letteratura italiana 4.0, a c. di E. Picchi e P. Stoppelli, Bologna, Zanichelli, 2001 (LIZ4), e Biblioteca Italiana http ://www.bibliotecaitaliana.it/index.php – «ricerche testuali» (BibIt).

27  « Gëometria et arismetica, / rethorica saccio e non m’impedica, / gramatica e musica no m’aretica ; / ben faria sermone e predica / in ogne parte » ; Ruggieri Apugliese, « Tant’aggio ardire e conoscenza », Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, op. cit., I, p. 896.

28  F. Bruni, « Dalle origini al Trecento », op. cit., p. 587.

29  Cf., per la prima attestazione di barbato in Brunetto Latini e per la sua continuità, TLIO ; Max Pfister, Lessico etimologico italiano, Wiesbaden, Reichert Verlag (d’ora in avanti LEI), 1979…, s.v. barbatus ; DELIN, s.v. barba1 ; GDLI. Barbato nel senso di « radicato » è attestato, tra l’altro, anche nell’Ameto di Giovanni Boccaccio ; tanto a quest’ultimo quanto alle opere di Brunetto Latini attinge ampiamente Antonio Pucci, per cui cf. più di recente I. Maffia Scariati, « La descriptio puellae dalla tradizione mediolatina a quella umanistica : Elena, Isotta e le altre », A scuola con ser Brunetto, a cura di I. Maffia Scariati, op. cit., p. 487.

30  DELIN, s.v. barbicare e si veda anche TLIO, s.v.

31  Cf. GDLI, s.v. radicare e radicato.

32  Si veda l’ed. critica del Volgarizzamento dell’« Anathomia » di Mondino de’ Liucci, a cura di M.R. D’Anzi, Roma, in corso di stampa.

33  Il Tesoro di Brunetto Latini volgarizzato da Bono Giamboni, op. cit., I, p. 293.

34  Cf. R. Gualdo, Il lessico medico del De regimine pregnantium di Michele Savonarola, Firenze, Accademia della Crusca, 1996, p. 78 ; Volgarizzamento dell’Anathomia di Mondino de’ Liucci, op. cit.

35  Cf. R. Librandi, « Ristoro, Brunetto, Bencivenni e la Metaura : intrecci di glosse e rinvii tra le opere di uno scaffale scientifico », Lo scaffale della biblioteca scientifica in volgare (secoli XIII-XVI), a cura di R. Librandi e R. Piro, Firenze, Sismel – Galluzzo, 2006, p. 121-22.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Rita Librandi, « La didattica fondante di Brunetto Latini », Cahiers de recherches médiévales et humanistes, 23 | 2012, 156-172.

Référence électronique

Rita Librandi, « La didattica fondante di Brunetto Latini », Cahiers de recherches médiévales et humanistes [En ligne], 23 | 2012, mis en ligne le 30 juin 2015, consulté le 29 avril 2017. URL : http://crm.revues.org/12825 ; DOI : 10.4000/crm.12825

Haut de page

Auteur

Rita Librandi

Università di Napoli L’Orientale

Haut de page

Droits d’auteur

© Cahiers de recherches médiévales et humanistes

Haut de page
  • Logo Classiques Garnier
  • Revues.org