Navigation – Plan du site

A scuola con ser Brunetto. Indagini sulla ricezione di Brunetto Latini dal Medioevo al Rinascimento, éd.Irene Maffia Scariati

Rosa Piro
Référence(s) :

A scuola con ser Brunetto. Indagini sulla ricezione di Brunetto Latini dal Medioevo al Rinascimento, éd. Irene Maffia Scariati, Firenze, SISMEL / del Galluzzo, 2008, 634p.

ISBN 978-88-8450-281-0

Texte intégral

  • 1  Vista l’oscillazione, nei testi letti, tra la forma Trésor nella grafia moderna e Tresor, si prefe (...)
  • 2  Una traduzione del Trésor I è in corso di stampa, per le cure di B. Ribémont e S. Menegaldo, Editi (...)

1Negli ultimi anni gli studi su Brunetto Latini si sono arricchiti di numerosi contributi e in particolare delle edizioni critiche del Tresor1 a opera di Beltrami e di Baldwin e Barrette2. Il volume A scuola con ser Brunetto, curato da Irene Maffia Scariati, raccoglie i saggi di diversi studiosi riunitisi a Basilea nel 2006, ed offre una buona ricognizione sullo stato dell’arte delle ricerche sulle opere di Brunetto in vari ambiti (iconografico, linguistico, codicologico, paleografico, ectodico, storico-letterario e sociologico) e sulla loro ricezione dal Medioevo al Rinascimento in Italia, Francia e Spagna.

  • 3  Un esempio è dato dalla traduzione italiana di Belcalzer del De proprietatibus rerum di Bartolomeo (...)

2I contributi sono stati ripartiti in sei sezioni. La prima sezione, La tradizione illustrativa dei manoscritti brunettiani, raccoglie due studi di carattere iconografico e uno linguistico. Il saggio di Marcello Ciccuto (Tradizioni illustrative attorno a « Tresor » e « Tesoretto » p. 3-11) offre un’interessante premessa sull’evoluzione, nel corso del Trecento, del rapporto tra testo e immagine all’interno dei mss e sulla nascita di un nuovo linguaggio figurativo, dovuto soprattutto ai cambiamenti politici. In tale contesto, in cui si assiste anche a una riorganizzazione del sapere, Brunetto Latini diviene un modello illustrativo e sarà ritratto spesso come il maestro nell’atto d’insegnare. Brigitte Roux (Les auteurs du « Tresor » p. 13-33) fa un sondaggio sul portrait di Brunetto Latini che, su sessantotto mss. illustrati delle sue opere, è raffigurato in ben cinquatatré casi. Il notaio fiorentino è facilmente identificabile non dai tratti somatici (il suo volto, infatti, è sempre diverso) ma da alcuni simboli che permettono di riconoscerlo immediatamente (la piuma, il libro, il leggio). In generale nei ritratti, che trovano la loro origine in modelli iconografici anteriori, Brunetto è rappresentato come un letterato spesso vestito con abiti da chierico, a cui talvolta si aggiungono i simboli del maestro universitario di diritto (mantello rosso e tipico copricapo). Si tratta di raffigurazioni costruite per citazione e per combinazione di elementi provenienti da contesti eterogenei, secondo una prassi ben conosciuta dai compilatori dei testi enciclopedici. Il genere dell’enciclopedia è nuovo alle illustrazioni e, fatta eccezione per alcune opere illustrate in latino, le enciclopedie anteriori al Tresor sono prive di miniature. Durante il passaggio dal latino al volgare si trovano mss decorati3 per uno scopo didattico, per aiutare i lettori a comprendere « légèrement » i contenuti esposti, come afferma Gossuin de Metz riguardo alle proprie opere (p. 14). Il contributo di Fabio Zinelli (Tradizione ‘mediterranea’ e tradizione italiana del « Livre dou Tresor » p. 35-83) indaga sulla tradizione italiana del Tresor e, in particolare, sul ramo della tradizione del Tresor che conserva indizi, sia linguistici sia iconografici, risalenti a un modello di origine orientale. Zinelli parte dall’ipotesi dell’esistenza di un codice, non identificabile con nessuno di quelli conosciuti e da collocare in una posizione alta nella tradizione, copiato forse a Cipro (p.35), che farebbe pensare che la fama del Tresor, composto in Francia da Brunetto, non sarebbe che “un riflesso della sua ricezione in terra di Oltremare” (p. 36).

  • 4  Per una recente lettura del Tesoretto, cf. Rita Librandi, La didattica fondante di Brunetto Latini (...)

3La seconda sezione, Leggere, tradurre e riscrivere il « Tresor » in Francia, in Italia e Spagna, contiene i saggi di Marc-René Jung (La Morale d’Aristote : l’utilisation du « Livre du Tresor » dans le « Tresor de sapience » p. 93-117) e di Patrick Gauthier D’Alché (Pseudo-Asaph, « De natura quatuor elementorum » : une traduction latine de la philosophie naturelle du « Tresor » p. 147-165), i quali prendono in considerazione alcuni rimaneggiamenti dei testi di Brunetto da parte di autori coevi o successivi, come ad esempio avvenne per il secondo libro del Tresor che, estratto dall’opera, talora fu considerato come testo autonomo, tanto da essere inserito in altre raccolte di carattere filosofico-moraleggiante, talaltra fu assorbito in opere come la Cronique di Baudouin d’Avesnes (Jung). Una sorte diversa è toccata alla terza parte del primo libro del Tresor che, sulla base dei sondaggi di D’Alché, sarebbe stata tradotta in latino per arricchire la Distinctio mundi secundum Magistrum Asaph, realizzata dal medico giudeo Asaph, attivo tra Siria, Palestina o Mesopotamia nel X sec. Per quanto riguarda la ricezione del Tresor nella penisola iberica, danno conto i saggi di Curt Wittlin (Les traduccions catalanes medievals del « Tresor » de Brunetto Latini pp.167-176) e di María Nieves Sánchez Gonzáles De Herrero (Testimonios medievales de la versión castellana del « Libro del tesoro » de Brunetto Latini p. 177-184) : per il catalano, si deve a Guillem de Copons la traduzione completa de Li livres dou Tresor, realizzata intorno al 1383 e trasmessa da un solo ms., il 357 de la Biblioteca de Catalunya a Barcelona ; per il castigliano, la traduzione del Libro del Tesoro, trasmessa da dodici mss., sarebbe stata realizzata da Alfonso de Paredes e Pascual Gómez nel 1292. Nella stessa sezione il lavoro di Luciano Rossi (Messer Burnetto e la « Rose » p. 119-145) offre una nuova lettura del rapporto tra il Tesoretto e il Roman de la Rose4.

  • 5  Una pratica assimilabile al canone identificato come “manoscritti di dicerie ed epistole”, molto d (...)
  • 6  L’opera otterrà un buon successo anche nelle stampe del XVI e ancora nel 1735 a Firenze. A spiegar (...)
  • 7  Tra le opere prese in esame che restituiscono l’immagine del Brunetto esperto nell’arte notaria, v (...)

4Nella terza sezione, relativa alla Ricezione delle opere di Brunetto latini nelle miscellanee tra Due e Quattrocento e nella cultura erudita dei secoli successivi, il saggio di Sandro Bertelli (Tipologie librarie e scritture nei più antichi codici fiorentini di ser Brunetto,p. 213-251) fornisce un censimento approfondito delle testimonianze in volgare delle opere di Brunetto Latini databili entro la metà del XIV e conservate nelle biblioteche fiorentine (p. 214-215) : un’indispensabile ricognizione dei manoscritti che tramandano il Tesoretto e il Favolello per la poesia, e il Tresor e la Rettorica per la prosa, minuziosamente accompagnata dalla descrizione dei codici in appendice (p. 228-251). Il saggio di Roberta Cella (L’epistola sulla morte di Tesauro Beccaria attribuita a Brunetto Latini e il suo volgarizzamento, p. 197-211) offre l’edizione di una lettera di risposta inviata dal comune di Firenze al comune di Pavia per l’uccisione, da parte dei Fiorentini, dell’abate di Vallombrosa, Tesauro Beccaria. La lettera, attribuita a Brunetto Latini (p. 198) e originariamente composta in latino, fu tradotta in volgare in due redazioni trasmesse da tre codici studiati dall’A. all’interno di miscellanee contenenti altre lettere di carattere politico. Aldilà del fatto storico (l’uccisione di Beccaria fu un evento rilevante, costò la scomunica da parte di Alessandro IV sia di Firenze sia dei Fiorentini) e della scoperta di un documento attribuibile al notaio Brunetto, interessante è la riflessione sul ruolo delle traduzioni delle lettere politiche in volgare, raccolte successivamente in libelli a uso soprattutto dal ceto mercantile. Per un pubblico ignaro del latino, infatti, la traduzione di lettere politiche era un modo efficace per accedere alla gestione del comune attraverso la conoscenza dei fatti di storia recente. Allo stesso tempo, tuttavia, le raccolte epistolari servivano da modello alto dell’ars dictanti (p. 201) come conferma, per esempio, l’ammissione di Giovanni Villani che, nella Nuova Cronica, asserisce di aver fatto tradurre una lettera (contenuta in uno dei codici che tramanda proprio la lettera di Brunetto) dal latino in volgare « per seguire il nostro stile » (p. 202)5. Su questo ultimo aspetto, ossia sull’uso di certi testi adoperati dal ceto mercantile come modello per comporre missive o altri testi, nella fattispecie partendo da opere brunettiane, si sofferma Monica Bianco (Fortuna del volgarizzamento delle tre orazioni ciceroniane nelle miscellanee manoscritte del Quattrocento, p. 255-286) che disquisisce sulle tre orazioni Pro Ligario, Pro Marcello, Pro rege Deiotaro, tutte inedite se si esclude l’edizione di Segre della Pro Ligario (p. 255) e le edizioni ottocentesche per le altre due (p. 256). In particolare la Pro Ligario ottenne una grande fortuna nel Quattrocento e fu inclusa nel canone dei manoscritti di dicerie ed epistole6, ossia in quella raccolta di testi brevi in prosa volgare giudicati esemplari sia per l’aspetto retorico sia per il contenuto morale. Il volgarizzamento della Pro Ligario fu copiato da Edoardo Acciaiuoli nel 1424, un marchand écrivain che, nella sua opera di trascrittore, ci restituisce la figura del mercante medio di quegli anni, un uomo privo di cultura umanistica ma sensibile al prestigio ottenuto dalla frequentazione di buone letture e di uomini dotti (p. 269). Chiude la sezione il saggio di Iolanda Ventura (Il ritratto di Brunetto latini nella cultura erudita dal XV al XVIII secolo p. 287-319) che traccia un profilo di Brunetto Latini all’interno delle opere erudite dal XV al XVIII secolo, mostrando bene come il Forleben del notaio fiorentino abbia assunto tinte diverse nei secoli attraverso gli autori che lo hanno ricordato ora per la sua fama di vir bonus dicendi peritus7 della Firenze comunale, ora per il suo ruolo di poeta e retore e filosofo (tra il XVI e il XVIII saranno tenute in contro soprattutto le opere poetiche di Brunetto ; il Tesoretto, infatti, verrà stampato più volte, considerato sia come precursore della poesia dantesca, sia come compendio del Tresor), ora per il suo contributo alla fissazione del canone letterario italiano (lo si trova citato nelle crestomazie composte tra il XVII e il XVIII secolo che si diffondono in Italia per la necessità di creare una bibliotheca selecta, in Ciaconio nella Bibliotheca, in Doni nella Seconda libraria, nelle Storia della letteratura italiana del Tiraboschi e nella Historia letteraria florentina del Mehus).

5La quarta sezione Brunetto Latini, teorico della società comunale contiene il contributo di Enrico Fenzi (Brunetto latini, ovvero il fondamento politico dell’arte della parola e il potere dell’intellettuale p. 323-369). Si delinea il profilo dell’intellettuale laico creato da Brunetto Latini che fu “cominciatore e maestro nel digrossare i Fiorentini” (Villani, cfr. p. 325) e allo stesso tempo il primo a teorizzare la retorica come scienza politica (p. 326).

6Il saggio di Federico Sanguineti (« Quello che mai non fue detto »p. 373-380) apre la quinta sezione : La ricezione di Brunetto latini nella letteratura italiana dal Due al Quattrocento. Sanguineti mette a confronto la Commedia dantescae il Tesoretto (p. 374-378) che hanno in comune in primis la perdita del cammino da parte dei due autori. Sebbene il riferimento a Brunetto, con una serie di richiami intertestuali, sia molto forte nell’opera dantesca, Sanguineti spiega i motivi per cui Dante non lo sceglierà come guida oltremondana, ma si affiderà prima a Virgilio e poi a Beatrice ; nel secondo caso il magistero del notaio verrà superato da quello della donna, costituendo a un tempo novità e « uno scandalo nella storia della letteratura cristiana » (p. 373). Sui rapporti tra le opere dantesche e quelle brunettiane si sofferma anche Giovannella Desideri (« Quelli che vince, non colui che perde ». Brunetto nell’immaginario Dantesco... : p. 381-400) che passa in rassegna, secondo un nuovo punto di vista, il dialogo tra Dante e Brunetto (in Inf. XV), con particolare attenzione alla ruota della Fortuna. Nel saggio di Michelangelo Picone (Brunetto tra Dante e Petrarca p. 401-415) si fa riferimento alla ricezione italiana del Roman de la Rose, un’opera legata, prima che a Dante, al Tesoretto di Brunetto Latini (come mostra anche il già citato saggio di Rossi, in cui ) e, in seguito, ai Triumphi del Petrarca. E proprio analizzando i passi in cui Petrarca cita e riprende (pur senza mai nominarlo) Brunetto, Picone propone di leggere nella guida anonima dei Triumphi il nome del notaio fiorentino, che Petrarca non aveva bisogno di nominare esplicitamente, poiché a tutti i lettori doveva essere noto, sulla base delle citazioni, il riferimento. Così facendo, Petrarca opererebbe una sorta di risarcimento nei confronti del Brunetto dantesco, riconoscendone al tempo stesso il ruolo di mediatore culturale che giocò tra la tradizione allegorica francese e la nascente tradizione allegorica italiana, e tra il Roman de la Rose e i Triumphi (p. 412). Johannes Bartuschat (La forma allegorica del « Tesoretto » e il « Dittamondo » di Fazio degli Uberti p. 417-435) si sofferma soprattutto sul Tesoretto che può essere interpretato come il primo viaggio allegorico-didattico nella letteratura italiana, in cui il viaggio, finalizzato all’insegnamento morale, enciclopedico o filosofico, diviene forma d’educazione e d’istruzione (p. 417). Nel Tesoretto ogni momento del viaggio costituisce una tappa fondamentale dell’istruzione e dell’evoluzione del protagonista, e allo stesso tempo diviene il prolungamento ideale del cammino intrapeso dall’autore-protagonista-Brunetto nella sua vita di esule. Il racconto ricco di ostacoli, ripartenze, ripensamenti per la ricerca della verità, influenzò certamente la Commedia dantesca, ma soprattutto il Dittamondo di Fazio degli Uberti, che si ispirò sia al Tresor sia al Tesoretto. Il Dittamondo si presenta come un viaggio attraverso l’Italia, l’Europa e il Medio Oriente, compiuto dal protagonista in compagnia di Solino e, sebbene il contesto politico in cui Fazio vive non sia più lo stesso di Brunetto, il suo percorso mette in scena la conquista del sapere, intesa come il superamento della crisi morale e politica del protagonista. Il saggio di Irene Maffia Scariati (La « Descriptio puellae » dalla descrizione mediolatina a quella umanistica : Elena, Isotta e le altre p. 437-490) passa in rassegna le fonti dei ritratti di Isotta nel Tresor, un ritratto che intreccia elementi della Poetria Nova con altri testi oitanici. Si parte dall’analisi della scarsa ricezione dell’Isotta brunettiana nel Duecento in Italia, a dispetto dei secoli successivi, per riflettere sulle questioni più generali che hanno reso poco adatta l’opera di Brunetto al programma di affrancare la tradizione italiana dal dominio della cultura oitanica.

  • 8  Si può leggere l’edizione commentata della canzone in Sergio Lubello, Brunetto Latini, in Poeti si (...)
  • 9  La studiosa preferisce la forma « Latino », così come ricorre nei manoscritti antichi (p. 535).

7Nella sezione Come tramandare i testi di Brunetto Latini : questioni di critica testuale, si trova il saggio di Maurizio Perugi (« La parleûre plus delitable » : osservazioni sulla lingua del « Tresor » p. 493-513) che analizza la lingua usata da Brunetto nel suo Tresor, una lingua ricca di hapax, di latinismi, di cambi di genere e di categorie morfologiche e grammaticali, mentre il saggio di Sergio Lubello (Brunetto Latini, S’eo son distretto inamoratamente (V.182) : tra lettori antichi e moderni p. 515-531) propone l’analisi dell’unica canzone di Brunetto Latini S’eo son distretto inamoratamente, tramandato dal codice Vaticano 37938. Julia Bolton Holloway (Biblioteche e archivi : manoscritti di Brunetto Latino9. Una proposta per la loro digitalizzazione come edizione internazionale p. 535-546), presenta il Twice-Told Tales : Brunetto Latino and Dante Alighieri (TTT), in cui sono raccolti tutti i documenti autografi in latino di Brunetto, assieme a tutti i documenti che lo citano. Paolo Squillacioti (La pecora smarrita. Ricerche sulla tradizione del “Tesoro” toscano p. 547-563) prende in considerazione il capitolo sulla pecora nella versione toscana del volgarizzamento del Tresor, che contiene un ampliamento rispetto al testo francese e che apre a nuove ipotesi sulla molteplicità redazionale del Tesoro italiano. A chiudere il volume, il saggio di Beltrami (Una nuova edizione del “Tresor” p. 565-580) presenta l’ultima edizione del Tresor, un’opera collettiva da lui stesso guidata e alla quale hanno partecipato Paolo Squillacioti, Plinio Torri e Sergio Vatteroni, curatori dei tre libri. L’edizione critica, preziosa per gli studi sul Tresor e per le nuove soluzioni editoriali proposte, ha il merito di avere accanto una traduzione italiana che rende facilmente accessibile il testo anche ai non specialisti. Definita da Beltrami come « edizione di lavoro » (p. 567), ha come base il codice 508 della Biblioteca Capitolare di Verona (V2) che fa parte di quella che è stata individuata come la prima famiglia (p. 568) e in cui il Tresor si chiude con la battaglia di Montaperti.

Notes

1  Vista l’oscillazione, nei testi letti, tra la forma Trésor nella grafia moderna e Tresor, si preferisce utilizzare in quest’occasione la seconda, fedele alla grafia medievale.

2  Una traduzione del Trésor I è in corso di stampa, per le cure di B. Ribémont e S. Menegaldo, Editions Champion.

3  Un esempio è dato dalla traduzione italiana di Belcalzer del De proprietatibus rerum di Bartolomeo Anglico. Finemente illustrati sono anche i codici della traduzione francese di Jean Corbechon (cf. Bernard Ribémont e Rosa Piro, Le Livre des propriétés des choses, Prologue, Livres I et II, édition critique, présentation, notes et commentaires, Turnhout, Brepols, in corso di stampa.

4  Per una recente lettura del Tesoretto, cf. Rita Librandi, La didattica fondante di Brunetto Latini : una lettura del Tesoretto, Cahiers de Recherches Médiévales et Humanistes, in corso di stampa.

5  Una pratica assimilabile al canone identificato come “manoscritti di dicerie ed epistole”, molto diffusi nella Firenze comunale, ossia raccolte di testi brevi in prosa volgare giudicati esemplari sia per l’aspetto retorico sia per il contenuto morale e i cui copisti, per lo più marchands écrivains “appartennero a quella classe media di mercanti e artigiani [...] che ebbe una parte molto importante nella vita economica e politica della Firenze quattrocentesca”, come si legge nel contributo di Monica Bianco (p. 260 e p. 266-267).

6  L’opera otterrà un buon successo anche nelle stampe del XVI e ancora nel 1735 a Firenze. A spiegare il successo di tale opera in prosa rispetto alle altre cf. il contributo di Iolanda Ventura (p. 296-98).

7  Tra le opere prese in esame che restituiscono l’immagine del Brunetto esperto nell’arte notaria, vi sono le varie redazioni del De civitatis Florentiae et eius famosis civibus,l’opera di Filippo Villani, la sezione del De viris claris nell’opera enciclopedica Fons memorabilium universi di Domenico Bandini, e il poema De illustratione urbis Florentiae di Ugolino Verino.

8  Si può leggere l’edizione commentata della canzone in Sergio Lubello, Brunetto Latini, in Poeti siculo-toscani, a cura di Rosario Coluccia, Milano, Mondadori, 2008, p. 305-314.

9  La studiosa preferisce la forma « Latino », così come ricorre nei manoscritti antichi (p. 535).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Rosa Piro, « A scuola con ser Brunetto. Indagini sulla ricezione di Brunetto Latini dal Medioevo al Rinascimento, éd.Irene Maffia Scariati », Cahiers de recherches médiévales et humanistes [En ligne], 2008, mis en ligne le 01 mars 2010, consulté le 21 juillet 2017. URL : http://crm.revues.org/11796

Haut de page

Droits d’auteur

© Cahiers de recherches médiévales et humanistes

Haut de page
  • Logo Classiques Garnier
  • Revues.org